Menu Salute
Sei in:   benessere.com / Salute / Argomenti vari / Omeopatia / Omeopatia tumori

LA TERAPIA OMEOPATICA DI SOSTEGNO IN ONCOLOGIA 1/3
Introduzione

A cura di Marta Chiappetta

Il tumore (detto anche neoplasia o neoformazione) è un accrescimento progressivo di tessuto causato da una proliferazione cellulare che non ha uno scopo riparativo o di reazione.
I tumori possono presentarsi in due differenti forme, una benigna e una maligna. Nel primo caso le cellule tumorali non sono in grado di staccarsi e di invadere i tessuti vicini; nel secondo, invece, le cellule riescono a colonizzare i tessuti a distanza. Questo processo viene definito metastasi.
Nel linguaggio comune la parola cancro è sinonimo di tumore maligno. La sua origine risiede nella parola cancer (granchio), termine che veniva usato nell’antichità per indicare i tumori estesi della pelle che avevano una forma simile a quella di un granchio. Quando le cellule neoplastiche proliferano, respingono o distruggono le cellule sane dell’organo colpito dalla malattia, consumano sostanze nutritive e ossigeno utilizzate dai tessuti normali causandone l’atrofizzazione e la necrosi.
Il cancro si diffonde principalmente attraverso tre vie: i vasi linfatici, i vasi sanguigni o per proliferazione e invasione diretta degli organi e dei tessuti circostanti. Le metastasi si verificano quando una parte delle cellule maligne si stacca dal punto d’origine giungendo nei vasi sanguigni e linfatici; attraverso queste vie, il tumore può raggiungere qualsiasi organo dove andrà ad insediarsi e a moltiplicarsi. Le metastasi si sviluppano in più sedi; quelle più frequentemente colpite sono i linfonodi vicini al focolaio tumorale, i polmoni, il fegato, il cervello e le ossa.

Pubblicità
Nel tempo sono state identificate molteplici cause del cancro tra le quali le più importanti sono fattori genetici ereditari, il fumo, le esposizioni a radiazioni, diversi composti chimici, inquinamento atmosferico, assunzione di determinati farmaci, fattori dietetici, psichici, errati stili di vita.
I tumori presentano molte differenze per quanto riguarda la malignità in base alla forma tumorale che invade l’organismo colpito. Le tipologie di cancro che portano più spesso alla morte sono quelle che colpiscono polmoni, stomaco, vescica, grosso intestino (cieco, colon ascendente, colon traverso, colon discendente, sigma e retto), utero e mammella (nelle donne). L’incidenza è all’incirca uguale in entrambi i sessi, anche se in determinati casi alcune forme sono più frequenti in un sesso piuttosto che nell’altro.

Secondo i dati relativi al 2013 dell’Associazione Italiana Registri Tumori (AIRTUM), in Italia ogni anno si registrano 366.000 nuove diagnosi di tumore (esclusi quelli della pelle che prevedono una classificazione a parte). Negli ultimi anni, tuttavia, sono migliorate le percentuali di guarigione, con circa il 63% delle donne e il 55% degli uomini che sopravvivono dopo cinque anni dalla diagnosi. Ciò avviene non solo grazie ad una maggiore efficacia delle terapie, ma anche grazie all’aumento delle adesioni alle campagne di screening che permettono la diagnosi precoce, cioè l’individuazione (con un conseguente intervento tempestivo) attraverso segni e sintomi, della malattia nel suo stato iniziale, quando ancora le possibilità di guarigione sono molto elevate.

La branca della medicina che si occupa dei tumori è l’oncologia.
La terapia del cancro si basa principalmente su quattro tipologie di cura:
L’intervento chirurgico
La chemioterapia
La radioterapia
Le cure ormonali

Il tipo di terapia scelta dipende dalla forma tumorale, poiché ognuna di esse risponde diversamente. La diagnosi precoce è molto importante per impedire il diffondersi della malattia perché permette di mettere in atto le strategie terapeutiche appropriate quando il tumore è ancora in una fase iniziale e le possibilità di guarigione sono molto elevate. Insieme alla prevenzione, la diagnosi precoce è l’arma più efficace contro il cancro.

La chemioterapia è un metodo di cura che si basa sulla somministrazione di preparati chimici (chemioterapici antiproliferativi o antiblastici) che hanno la funzione di inibire la rapida riproduzione delle cellule maligne. Proprio perché il meccanismo agisce sui tessuti che si moltiplicano rapidamente, la chemioterapia coinvolge anche le aree dove c’è un veloce ricambio cellulare come la cute e follicoli piliferi, le mucose delle vie gastrointestinali e il midollo emopoietico che produce globuli rossi, globuli bianchi e piastrine. È per questo motivo che i pazienti sottoposti a chemioterapia presentano effetti collaterali importanti come perdita dei capelli, rash cutaneo, nausea e vomito, diarrea, stipsi, stanchezza e mialgia, febbre, dolori, emorragie, dermatiti, alterazioni del sangue, afte e stomatiti, danni renali.

La radioterapia è una cura che si effettua mediante irradiazioni ionizzanti e normalmente viene associata ad altri trattamenti. Questo approccio terapeutico è efficace per molte forme tumorali e, a differenza della chemioterapia, presenta degli effetti collaterali meno gravosi per il paziente; quelli più frequenti sono ustioni e ulcerazioni della pelle, alterazioni del tessuto polmonare, infiammazioni a vescica ed intestino. Tuttavia, con il perfezionamento della tecnica terapeutica, questi effetti secondari sono diventati sempre più rari. Il suo meccanismo d’azione si basa sul danneggiamento del DNA del tessuto bersaglio tramite fasci di radiazioni circoscritte alla massa tumorale, ed eventualmente anche ai linfonodi clinicamente coinvolti con il tumore, soprattutto in caso di sospetto di una possibile diffusione maligna.

Pubblicità
La terapia ormonale è la modalità di trattamento più utilizzata per alcune neoplasie del seno nella donna e della prostata nell’uomo, per il tumore all’endometrio, dell’ovaio e del rene. Questo tipo di terapia ha la funzione di contrastare l’azione produttiva e proliferativa che gli ormoni avrebbero sul tumore. Tra le terapie anti-cancro, quella ormonale si prescrive dopo l’utilizzo di altre cure (intervento chirurgico, chemioterapia, radioterapia) per ridurre il rischio che il tumore si ripresenti. Come avviene con le altre cure, quella ormonale da un lato combatte il tumore, ma dall’altro provoca gravosi effetti collaterali, sia nell’uomo che nella donna. I sintomi più frequentemente riscontrati durante la terapia sono stanchezza e affaticamento, vampate di calore, disturbi gastrointestinali, dolori osteomuscolari e articolari e riduzione della densità ossea, aumento di peso, disturbi della circolazione venosa, sbalzi d’umore, difficoltà di memoria, calo del desiderio sessuale, sudorazione profusa, vampate di calore. Nella donna si presentano spesso alterazioni o interruzioni del ciclo mestruale, disturbi vaginali (secchezza, prurito, infiammazioni). Nell’uomo si possono verificare episodi di dolore o tensione localizzati alle mammelle e disturbi dell’erezione.
Questi farmaci, pur agendo in maniera diretta sull’apparato sessuale e riproduttivo, non hanno un’azione anticoncezionale ma, in caso di gravidanza, possono interferire con il corretto sviluppo del feto.

Il cancro è una delle prime cause di decesso nel mondo. Secondo le stime dell’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità), la mortalità causata dal tumore aumenterà di anno in anno fino a superare, nel 2030, i 13 milioni di decessi.
I recenti progressi in ambito oncologico hanno mostrato una maggiore attenzione ed una visuale più ampia sulla scelta di strategie terapeutiche volte al presente e al miglioramento della qualità della vita dei pazienti. Il trattamento convenzionale antitumorale ha come specifico obiettivo quello di eliminare la malattia per permettere al paziente di vivere il più possibile ma, allo stesso tempo, propone trattamenti ad elevata tossicità che spesso non sempre si rivelano risolutivi o corrispondenti alle attese.
Un segnale importante dell’acquisizione di nuove consapevolezze e dei grandi progressi che l’oncologia moderna ha fatto negli ultimi anni è la cosiddetta terapia mirata (detta anche “terapia a bersaglio molecolare” o “target terapy”), ovvero la scelta di specifiche strategie terapeutiche che colpiscono in modo selettivo la crescita di cellule in base al profilo genetico, a differenza delle cure aspecifiche (come la chemioterapia) che, nel tentativo di attaccare tutte le cellule che si riproducono velocemente, colpisce sia quelle neoplastiche che quelle sane. La terapia mirata, invece, attacca prevalentemente quelle tumorali limitando così gli effetti collaterali tipici della chemioterapia.

Sei qui Pagina successiva Pagina successiva
Inizio articolo Pagina 2/3 Pagina 3/3
La terapia omeopatica di sostegno in oncologia: introduzione La terapia omeopatica di sostegno in oncologia: Le terapie complementari La terapia omeopatica di sostegno in oncologia: il trattamento omeopatico di sostegno

Benessere TV

Benessere Tv ti porta nel mondo della salute, della dietetica, dell'alimentazione sana, della bellezza, della psicologia e del fitness. Grazie alle rubriche con gli esperti del settore e alle video interviste con professionisti di alto livello, sarete sempre informati sulle novità di benessere a 360°.
Ultimo video pubblicato

I Bio-occhiali: l’allenamento della vista per recuperare diottrie

Si presentano come normali occhiali, ma al posto delle lenti, hanno una struttura composta da fori tronco-conici allineati in modo da ricoprire tutta la superficie. Sono la nuova frontiera degli occhiali stenopeici, pensati per allenare il nervo ottico e stimolare la vista, tanto da renderli dei...

Ultimi post dal blog

Allegria e benessere

Disco music, allegria in pista

Scritto il 22 August 2017 da Alberto&Alberto

Non solo “Febbre del sabato sera”: la disco music vanta un catalogo di classici che sfidano mode e generazioni. A che a oltre quarant’anni dalla loro uscita spopolano ancora allegramente alla radio e nelle discoteche di tutto il mondo. E oggi molti artisti tra i più noti del periodo, si sono riaffacciati sulla scena

Pillole di benessere

La dieta sotto l’ombrellone

Scritto il 18 August 2017 da Welly

I consigli di una nutrizionista su cosa è meglio mangiare in estate per non rischiare di tornare con qualche chilo in più al termine delle vacanze.

Offerta del mese
Biochef Axis Cold!Il Meglio a Poco Prezzo!
Offerta del mese

BioChef Axis è il primo estrattore di succo orizzontale della marca australiana BioChef. La filosofia di questa casa produttrice consiste nell'offrire la più alta qualità al miglior prezzo.Robot da cucina: fa pasta (spaghetti e noodles), baguette, sorbetti, gelati, omogeneizzati, salse, latte vegetale, burro di frutta secca e molto altro!BioChef Axis Cold Press Juicer è un eccellente estrattore lento, masticatore orizzontale e robot da cucina.Tutte le parti mobili sono fatte in Tritan!

Vedi prodotto

Novità
Bio-mex Formato Maxii!!850g incluse 2 spugne speciali rettangolari
Novit del mese

Bio-mex .. Grazie ai suoi componenti naturali, biologici e degradabili e’ un aiuto indispensabile per la pulizia della casa e per la gastronomia, scioglie il calcare e il grasso dalle superfici.Ideale per la pulizia e la cura di: acciaio, alluminio, argento, oro, rame, ottone, smalto, stagno, vetro, plastica liscia, legno laccato, ceramica, piastrelle, wc, lavandini, vasche da bagno, lavelli, piani di cottura, pentole, scarpe da ginnastica!
Inoltre e’ anche economico perche' puo' essere un buon sostituto a molti detersivi!
Vedi prodotto

Prenota la tua vacanza benessere!

Cerca

http://www.benessere.com/aec/privacy.htm


copyright © 1999-2017 A.E.C. Advertising and Electronic Commerce srl - CONTATTI | PUBBLICITÀ | SHOPPING ON-LINE | COOKIE POLICY | PRIVACY

A.E.C. Advertising and Electronic Commerce srl - Piazza Pontida, 7, 24122 Bergamo (Italia)
CF/P.IVA 02657150161 | REA: BG-312569 | Capitale sociale 100000 € interamente versato

Società con unico socio, soggetta all’attività di direzione e coordinamento di GUADAFIN s.r.l.