Menu Salute
Sei in:   benessere.com / Salute / Argomenti vari / Omeopatia / Omeopatia viaggio

I RIMEDI OMEOPATICI DA PORTARE IN VIAGGIO 1/2

A cura di Marta Chiappetta

La definizione più chiara e completa di viaggio è probabilmente: “Giro attraverso uno o più Paesi, in genere lontani dal proprio, per un periodo di tempo più o meno lungo, a scopo di lavoro, di studio, di piacere”. Dunque il viaggio è, per prima cosa, un evento in movimento, un’azione che il soggetto compie nel tempo e nello spazio. Compiere un viaggio significa mettere in atto una serie di risorse, sia psichiche che fisiche, e per farlo in serenità è importante organizzarsi al meglio.
Nonostante l’idea di viaggio e vacanza venga associata ad una porzione di tempo allegro e spensierato, lontano dallo stress e dalle fatiche del quotidiano, non è infrequente avvertire dei disturbi, ammalarsi o andare incontro a piccoli imprevisti.
Ciò avviene perché viaggiare presuppone molti cambiamenti inevitabili che “stressano” il corpo e la mente a causa di molteplici fattori come il cambiamento repentino di clima, gli sbalzi termici e le abitudini diverse (sonno, alimentazione, orari).
L’omeopatia propone molte soluzioni per chi deve affrontare un viaggio e il suo approccio terapeutico offre numerosi vantaggi:
- I rimedi sono ben tollerati dall’organismo, non presentano effetti indesiderati e non interagiscono con altri farmaci;
- Sono molto efficaci nella prevenzione di diversi disturbi;
- Hanno un’elevata praticità e sono utili soprattutto negli spostamenti perché occupano poco spazio e possono essere assunti senz’acqua;
- Sono adatti a tutta la famiglia, anche ai bambini e agli anziani.

Le informazioni riportate servono a dare un’indicazione di base sulle modalità di assunzione dei rimedi, facendo riferimento ai sintomi più frequentemente riscontrati in viaggio. Solo il medico curante, dopo un’attenta analisi della costituzione del soggetto, potrà consigliare quali rimedi portare in viaggio, indicando anche la corretta gestione delle potenze e della posologia.

LA PAURA DI VIAGGIARE

Un problema frequente per chi decide di affrontare un viaggio è la paura, l’ansia che precede l’evento. Nonostante il viaggio sia associato ad un’immagine positiva, soprattutto quando si va in vacanza, sono molte le persone che vivono la vigilia della partenza e il momento del ritorno con disagio e angoscia, anche al solo pensiero di organizzarsi, fare i bagagli, prendere un mezzo di trasporto e allontanarsi da casa. Il panico che il soggetto prova è talmente forte da condizionare il desiderio di partire fino ad oscurarlo. Lo stato di panico deriva da una serie di fattori e di vissuti, ma molto spesso è legato ad un disturbo, l’agorafobia, ovvero la paura degli spazi aperti, che si traduce nel timore di sentirsi in trappola, senza via di fuga. Questa sensazione è molto frequente nei viaggi e negli spostamenti e il panico si presenta sia sotto forma di ansia anticipatoria, sia come vere e proprie crisi in contesti come code in autostrada, gallerie, scale mobili, spostamenti in treno, macchina, nave e aereo.

Gelsemium 30 CH
Rimedio indicato quando l’ansia anticipatoria genera un senso di confusione, tensione paralizzante, tremori, diarrea. È consigliabile assumere 3 granuli la sera prima del viaggio, altri 3 granuli un'ora prima della partenza e poi continuare anche durante il tragitto per tenere a bada l’ansia. In questo caso si possono assumere 3 granuli ogni 2 o 3 ore, o anche con un intervallo minore, fino a miglioramento dei sintomi.

Argentum nitricum 30 CH

Rimedio molto utile nell’ansia con senso di stordimento, tremarella e idee fisse, nel panico e nell’agitazione febbrile che precede i viaggi e gli incontri: se ne assumono 3 granuli la sera prima della partenza e altri 3 poco prima di affrontare il viaggio. Argentum è più indicato di Gelsemium quando l’ansia pre-partenza è molto marcata e associata a claustrofobia (paura degli spazi chiusi), che si presenta soprattutto quando si prospettano viaggi in aereo.

LA CHINETOSI
La chinetosi (o cinetosi) è la “malattia da movimento”, ovvero un disturbo causato dalle repentine variazioni di posizione del corpo nello spazio; la sintomatologia è provocata dalla sollecitazione del labirinto dell’orecchio interno (organo che governa il meccanismo dell’equilibrio) a seguito dei movimenti ritmici o aritmici impressi passivamente sul corpo del soggetto sia da mezzi di trasporto (nave, aereo, auto, treno), sia da giostre, altalene ecc. I sintomi principali della chinetosi sono nausea, vomito, pallore, sudorazione fredda, malessere generale, lipotimia, cefalea, sonnolenza, ipersalivazione e vertigini. La sindrome si risolve appena cessano gli stimoli meccanici che l’hanno causata, anche se a volte i sintomi possono persistere per un breve lasso di tempo anche dopo il viaggio. Tutti possono soffrire di chinetosi a vari gradi; è una condizione rara prima dei 2 anni d’età e raggiunge il picco massimo intorno ai 12 anni, per poi decrescere. Le donne sono soggette alla chinetosi tre volte più degli uomini, con un peggioramento in prossimità e durante le mestruazioni. Alcuni fattori predispongono e peggiorano il disturbo: stanchezza, farmaci, alcool, cattivi odori, rumori fastidiosi, scarsa ventilazione nel mezzo di trasporto ma, soprattutto, stati di ansia e agitazione. È consigliabile fare uno spuntino leggero prima del viaggio; durante il tragitto non muoversi eccessivamente ed evitare di leggere.
I rimedi omeopatici indicati per la chinetosi sono molto utili sia in fase preventiva, sia durante il viaggio. Il loro vantaggio è quello di alleviare i sintomi senza provocare sonnolenza, fenomeno molto frequente quando si utilizzano farmaci allopatici.
I rimedi vanno assunti ai primi sintomi e durante la fase di malessere; in molti casi, soprattutto nelle crisi che si ripropongono ad ogni viaggio, è consigliabile assumere il rimedio che più rispecchia la sintomatologia in maniera preventiva, la sera prima della partenza o anche nei 3-4 giorni precedenti.

Cocculus indicus

Rimedio indicato per la chinetosi con nausea, vertigini, vomito prostrazione e a volte diarrea. Le vertigini migliorano quando il soggetto si distende o resta immobile e peggiorano quando si muove o osserva oggetti in movimento. La sintomatologia è legata anche alla mancanza di sonno e alle variazioni di fuso orario.
Uso: Cocculus 30 CH 3 granuli sublinguali 1 volta al giorno nella fase preventiva; Cocculus 7-9CH, 3 granuli sublinguali un’ora prima del viaggio e successivamente ogni 1-2 ore durante il viaggio fino a miglioramento.

Tabacum 7- 9CH

Mal di mare e mal d’auto con nausea molto forte, vomito, vertigini, pallore, sudorazione, senso di svenimento e sensazione di vuoto allo stomaco. Le vertigini peggiorano tenendo gli occhi aperti. Il soggetto è solitamente freddoloso ma durante l’attacco di chinetosi migliora all’aria aperta o scoprendosi il collo e il petto.
Uso: Tabacum 30 CH 3 granuli sublinguali 1 volta al giorno nella fase preventiva; Tabacum 7-9CH 3 granuli sublinguali un’ora prima del viaggio e successivamente ogni 1-2 ore durante il viaggio fino a miglioramento.

Petroleum
Mal d’auto, di mare o d’aereo con forte nausea, vomito, cefalee mattutine, sudori freddi, dolori addominali. Il soggetto ha la nausea anche quando guida. I sintomi peggiorano alzandosi e migliorano con il calore, d’estate, mangiando prima della partenza, con l’immobilità e tenendo gli occhi chiusi. Rimedio indicato per le persone che soffrono spesso di eruzioni cutanee, soprattutto d’inverno.
Uso: Petroleum 5-7CH, 3 granuli sublinguali durante il viaggio, ogni ora o due a seconda della necessità.

Borax 7-9CH
Ansia e paura per i movimenti in discesa con brusca accelerazione (ad esempio in aereo durante l’atterraggio o le turbolenze) o con inclinazione in avanti (scale, ascensore). Il rimedio è indicato in caso di mal d’aria, ipersensibilità ai rumori, nausea, vertigini, lipotimia, pallore.
Uso: Borax 7-9CH, 3 granuli prima della partenza e durante il viaggio, soprattutto in caso di turbolenze.

I DISTURBI INTESTINALI

La flora batterica intestinale è costituita da batteri “buoni” e da altri, potenzialmente nocivi che, in condizioni normali, sono innocui e garantiscono la funzionalità dell’intestino. Durante i viaggi l’equilibrio della flora intestinale viene intaccato da molteplici fattori: affaticamento, stress per i preparativi, sbalzi climatici, fuso orario e diverse abitudini alimentari. L’intestino non ha il tempo di adattarsi così velocemente, perde la sua regolarità e diventa vulnerabile alle infezioni. La conseguenza di ciò sono sintomi più o meno blandi come diarrea e stipsi, oppure sindromi infettive a cui il soggetto va incontro soprattutto se la meta delle vacanze sono i paesi tropicali, a causa dell’ingestione di acqua o cibo contaminati da virus e batteri.
Il disturbo più frequente è la “diarrea del viaggiatore”, che colpisce dal 20 al 50% delle persone che si recano in Paesi con condizioni igienico-sanitarie scarse o comunque inferiori a quelle del Paese di provenienza. Questo disturbo è causato da numerosi agenti patogeni come virus e batteri. In base al microrganismo contratto le manifestazioni possono essere differenti. Nel gruppo dei virus, le cause più frequenti di diarrea del viaggiatore sono i Rotavirus e gli Enterovirus mentre tra gli agenti batterici quelli più importanti sono l’Escherichia coli, le Shigelle, le Salmonelle e il Campylobacter jejuni.
Il contagio con l’infezione gastrointestinale avviene principalmente per via oro-fecale, attraverso il consumo di acqua e alimenti contaminati, ma spesso anche tramite la balneazione. Molto più raro, invece, il contagio diretto da uomo a uomo per contatto con le mani sporche.
La prima regola fondamentale è quella di non mangiare, in zone ad alto rischio, cibi che non si possono bollire o sbucciare come insalate o verdure crude, salse a base di uova crude, dessert con creme non cotte, formaggi, frutti di mare, pesce crudo, frutta non lavata, latte e latticini. Al contrario, i cibi (verdure, carne e pesce) che possono essere cotti bene e al momento e la frutta lavata e sbucciata personalmente, possono essere consumati serenamente perché la maggior parte dei germi patogeni diventano inattivi al di sopra dei 70°C. L’acqua dei rubinetti e delle fontane va evitata, anche per lavare i denti: è meglio usare acqua minerale in bottiglie chiuse, bevande gassate o alcoliche, tè e caffè caldi. È buona norma curare sempre l’igiene delle mani, soprattutto durante la manipolazione degli alimenti, e proteggere cibi e bevande da insetti e altri animali.
Anche la stipsi può colpire spesso chi viaggia: questo fastidioso disturbo è causato principalmente dalla diversa alimentazione ma anche ad un fattore psichico, legato al bisogno dell’intestino di adattarsi ai cambiamenti di orari, clima, abitudini, ambienti.
L’omeopatia propone diversi rimedi per i disturbi intestinali, che vanno individuati in base alla causa scatenante.

In caso di diarrea:


Arsenicum album
Rimedio d’elezione per la diarrea del viaggiatore di origine infettiva e per e intossicazioni alimentari da cibi avariati, conservati o lavati male e acque inquinate. La diarrea è violenta, acuta, le feci sono abbondanti, acquose, nerastre e maleodoranti. I sintomi sono accompagnati da vomito e dolori violenti. Il soggetto è prostrato, fortemente agitato, freddoloso e debole, ha sete di acqua fredda; i sintomi peggiorano la notte tra l’una e le tre e migliorano con il calore.
Uso: Arsenicum album 7-9CH, 3 granuli sublinguali al ritmo di ogni scarica diradando fino a miglioramento.

Podophyllum

Diarrea caratterizzata da stimolo urgente e preceduta da dolori addominali con flatulenza e borborigmi, feci abbondanti e gialle, spesso alternata a stipsi; il disturbo è causato da turbe digestive soprattutto estive, che si presentano in viaggio quando si è costretti a continue variazioni di alimentazione. Il soggetto resta fortemente prostrato dopo l’attacco diarroico, migliora con applicazioni calde o con il corpo sporto in avanti. Questa tipologia di diarrea si manifesta anche nel bambino durante la fase della dentizione.
Uso: Podophyllum 7-9CH, 3 granuli sublinguali al ritmo di ogni scarica, diradando fino a miglioramento.

Mercurius solubilis
Diarrea estiva acquosa causata da tossinfezioni alimentari o parassitarie; le feci sono verdastre, talvolta sanguinolente, accompagnate da nausea, vomito, alito cattivo, gusto metallico e sete; spesso si presenta una gengivite concomitante.
Uso: Mercurius solubilis 7-9CH, 3 granuli sublinguali al ritmo di ogni scarica diradando fino a miglioramento.

Per la stipsi:

Consigli nutrizionali: pur dovendosi adeguare ad una diversa alimentazione, è importante cercare comunque di integrare nei pasti le fibre che sono contenute in frutta, verdura e cereali integrali e bere molta acqua. Per la colazione privilegiare cereali, yogurt, fiocchi d’avena, muesli, datteri, semi di sesamo, fichi secchi e prugne.

Platina
Stipsi ostinata che si presenta durante i viaggi e le vacanze per il cambiamento di ambiente, abitudini e alimentazione; il soggetto ha stimoli frequenti e inefficaci, fame vorace, digestione difficile; le feci sono secche e aderiscono all’ano. I sintomi migliorano camminando e muovendosi.
Uso: Platina 5CH, 3 granuli sublinguali 2 volte al giorno.

Nux vomica
Rimedio efficace per la stipsi che si presenta nei viaggi, soprattutto a causa dei cambiamenti alimentari e dello stress del viaggio; l’evacuazione è difficoltosa e spesso c’è alternanza di stipsi e diarrea. Il soggetto è nervoso e iperattivo, tende ad abusare di cibo, alcolici, stimolanti e farmaci. Le turbe digestive si associano a meteorismo, flatulenza, emorroidi dolorose. Nux vomica si utilizza efficacemente anche per le congestioni da colpo di freddo e per i disturbi di stomaco con senso di pesantezza, nausea e sonnolenza legati ad indigestioni o a pasti troppo abbondanti.
Uso: Nux vomica 7-9CH, 3 granuli sublinguali 2-3 volte al giorno fino a miglioramento. Se prevale la componente emotiva legata allo stress del viaggio e dei cambiamenti, è consigliabile utilizzare la potenza 30CH.

Sei qui Pagina successiva
Inizio articolo Pagina 2/2
I rimedi omeopatici da portare in viaggio Omeopatia per colpi di sole, colpi di calore, punture d’insetto ed eritema solare

Benessere TV

Benessere Tv ti porta nel mondo della salute, della dietetica, dell'alimentazione sana, della bellezza, della psicologia e del fitness. Grazie alle rubriche con gli esperti del settore e alle video interviste con professionisti di alto livello, sarete sempre informati sulle novità di benessere a 360°.
Ultimo video pubblicato

Prevenzione delle malattie cardiovascolari: in età scolare già i primi check up

Il 4% della popolazione ha una predisposizione allo scompenso cardiaco senza accorgersene, perché molto spesso le cardiopatie sono asintomatiche. Per questo motivo la prevenzione delle malattie cardiovascolari inizia precocemente, in età scolare attraverso i primi check up e si...

Ultimi post dal blog

Allegria e benessere

Ci piace ‘o presepio

Scritto il 12 dicembre 2017 da Alberto&Alberto

Il Natale è alle porte e le nostre case - così come le strade - sono già allegramente decorate con luminarie, alberi addobbati e quant’altro richiami lo spirito della festa. Come il presepe

Pillole di benessere

Fertilità e ambiente, il legame è stretto

Scritto il 15 dicembre 2017 da Welly

Presentati in un Congresso a Roma i risultati di uno studio che ha messo a confronto aree a maggiore e minore rischio ambientale, relativamente alla fertilità. Dai risultati si comprende come il sistema riproduttivo sia particolarmente vulnerabile alle interferenze dell’ambiente.

Offerta del mese
Biochef Axis Cold!Il Meglio a Poco Prezzo!
Offerta del mese

 

BioChef Axis è il primo estrattore di succo orizzontale della marca australiana BioChef. La filosofia di questa casa produttrice consiste nell'offrire la più alta qualità al miglior prezzo.Robot da cucina: fa pasta (spaghetti e noodles), baguette, sorbetti, gelati, omogeneizzati, salse, latte vegetale, burro di frutta secca e molto altro!BioChef Axis Cold Press Juicer è un eccellente estrattore lento, masticatore orizzontale e robot da cucina.Tutte le parti mobili sono fatte in Tritan!

 

Vedi prodotto

Novità
Bio-mex Formato Maxii!!850g incluse 2 spugne speciali rettangolari
Novit del mese

 

Bio-mex .. Grazie ai suoi componenti naturali, biologici e degradabili e’ un aiuto indispensabile per la pulizia della casa e per la gastronomia, scioglie il calcare e il grasso dalle superfici.Ideale per la pulizia e la cura di: acciaio, alluminio, argento, oro, rame, ottone, smalto, stagno, vetro, plastica liscia, legno laccato, ceramica, piastrelle, wc, lavandini, vasche da bagno, lavelli, piani di cottura, pentole, scarpe da ginnastica!
Inoltre e’ anche economico perche' puo' essere un buon sostituto a molti detersivi!
Vedi prodotto

Prenota la tua vacanza benessere!

Cerca

http://www.benessere.com/aec/privacy.htm


copyright © 1999-2017 A.E.C. Advertising and Electronic Commerce srl - CONTATTI | PUBBLICITÀ | SHOPPING ON-LINE | COOKIE POLICY | PRIVACY

A.E.C. Advertising and Electronic Commerce srl - Piazza Pontida, 7, 24122 Bergamo (Italia)
CF/P.IVA 02657150161 | REA: BG-312569 | Capitale sociale 100000 € interamente versato

Società con unico socio, soggetta all’attività di direzione e coordinamento di GUADAFIN s.r.l.