Menu Salute
Sei in:   benessere.com / Salute / Argomenti vari / Organoterapia

L’ORGANOTERAPIA 1/3

A cura di Marta Chiappetta

L’organo sano diluito e dinamizzato agisce sull’organo malato per ristabilirne il funzionamento alterato”.
(C. Bergeret)

Sulla scia delle terapie omeopatiche sono sorte altre discipline, definite bioterapiche, che si sono fatte strada basando la loro metodologia sui principi del simile e delle dosi dinamizzate. L’Organoterapia è, più precisamente, una terapia omeo-organo dinamica nata dall’evoluzione dell’omeopatia. A differenza di quest’ultima, che si basa sul principio della Similitudine (Similia similibus curantur - il simile viene curato con il simile), l’Organoterapia si fonda invece sulla Legge di Identità tra organo malato e organo sano somministrato come rimedio.
L’obiettivo di questo metodo terapeutico è quello di riequilibrare il funzionamento alterato dell’organo umano malato utilizzando il suo omologo sano, diluito e dinamizzato.

Gli organi sani utilizzati non sono di origine umana ma animale; il loro impiego, tuttavia, è vincolato ad condizione necessaria, ovvero che ci sia compatibilità antigenica tra l’animale donatore e l’uomo ricevente; per soddisfare questo criterio vengono utilizzati gli organi endocrini e digestivi del suino e i tessuti del montone per trattare il sistema nervoso centrale e periferico. Gli estratti tessutali e ghiandolari vengono utilizzati non concentrati, ma diluiti e dinamizzati secondo il metodo di Hahnemann (padre dell’omeopatia).
Questa caratteristica fondamentale distingue l’Organoterapia dall’Opoterapia, con la quale spesso viene confusa; la loro fondamentale differenza è che la prima è una terapia basata sul metodo omeopatico di stimolazione d’organo mentre la seconda è una terapia allopatica di sostituzione d’organo.

Pubblicità
L’opoterapia è ben definita, contiene solo pochi ceppi e si assume a diluizioni inferiori alla 3 CH; essa agisce sui recettori periferici utilizzando ormoni isolati dalle ghiandole o estratti per via sintetica.

L’organoterapia è una pratica terapeutica sperimentata e applicata fin dagli anni Ottanta dalla farmacopea tedesca e francese. Il primo a profetizzare questo sistema terapeutico nel 1833 fu Johann Joseph Wilhelm Lux, medico veterinario di Lipsia, contemporaneo di Hahnemann. Successivamente ne tracciò i principi fondamentali il Dr. J.F. Herrmann, un medico omeopata di Thalgau, che nel 1848 pubblicò un’opera che stabiliva “la potenza medica della sostanza degli organi nelle malattie di organi omologhi”. Il filone continuò in Francia con un’importante opera del Dr. C. I. Flasschoen intitolata “Sul metodo omeo-organico dinamico e dinamizzato del Prof Brown-Sèquard” che illustrò la descrizione del metodo accompagnata da numerose e accurate osservazioni. Più recentemente la scuola omeopatica francese di Fortier- Bernoville ha confermato la validità dell’organoterapia. I medici Max Tétau e Claude Bergeret sono due omeopati francesi contemporanei che nel 1971 pubblicarono “L'Organothérapie Diluée et Dynamisée”, importante opera (ripubblicata poi fino alla sua quarta edizione nel 1984) dove vengono definiti i metodi e le indicazioni cliniche dell’organoterapia.

La metodologia terapeutica è stata oggetto di numerose polemiche in merito alla sua collocazione nell’ambito disciplinare dell’omeopatia, dove affonda le sue origini.
Il principio terapeutico degli organoterapici non segue la legge del simile ma quella dell’identico. Questa terapia è affidabile, efficace, semplice nella sua applicazione e rappresenta un mirabile complemento di due importanti metodi di cura: l’omeopatia e l’agopuntura.
Nel tempo molti omeopati famosi hanno utilizzato questa pratica terapeutica in modo abituale e tutt’oggi viene prescritta con ottimi risultati per numerose affezioni. Ma l’importanza dell’Organoterapia non è legata solo alla sua efficacia e alla sua capacità di integrarsi perfettamente con altri approcci clinici, ma anche ad una rilevante apertura verso un immunologia moderna in cui intervengono sostanze diluite in modo infinitesimale, come avviene nell’ ambito omeopatico.
Pubblicità
L’assunto fondamentale dell’azione degli organoterapici consiste nello stimolare e nel regolare l’organo da curare. Per raggiungere questo obiettivo le potenze non devono scendere al di sotto della 3ª decimale (1·10ˉ³), condizione che determina la presenza di dose ponderale; in questo caso non si tratterebbe più di organoterapia ma di opoterapia, quindi di terapia sostitutiva allopatica.
Ricerche immunologiche più moderne hanno dimostrato che ad un certo livello di diluizione, all’incirca intorno a 1·10ˉ⁶, la natura dell’animale donatore non è più presente; in questa condizione si perde la Specificità di Specie ma si mantiene la Specificità di Organo, ovvero una specificità riferita al tessuto utilizzato e non alla specie di appartenenza.

La specificità d’organo è un principio che si riferisce a derivati di organi diluiti omeopaticamente che sono simili a quelli derivati da organi umani omologhi poiché, nonostante la differenza di specie, vi sono molte somiglianze strutturali e funzionali. Una condizione necessaria, quando si utilizzano le diluzioni degli estratti d’organo che apportano i loro specifici antigeni, è che sia certa la natura del ceppo organoterapico.

Sei qui Pagina successiva Pagina successiva
Inizio articolo Pagina 2/3 Pagina 3/3
L'organoterapia L'organoterapia: Preparazione dei ceppi organoterapici L'organoterapia: Come agisce e cosa cura

Benessere TV

Benessere Tv ti porta nel mondo della salute, della dietetica, dell'alimentazione sana, della bellezza, della psicologia e del fitness. Grazie alle rubriche con gli esperti del settore e alle video interviste con professionisti di alto livello, sarete sempre informati sulle novità di benessere a 360°.
Ultimo video pubblicato

Intestino: un secondo cervello. Ecco come influisce anche sulla salute psichica

Fare una scelta di pancia. Un modo di dire che oggi ha anche un fondamento scientifico: negli ultimi anni, infatti, diversi studi si stanno concentrando sull’influenza che il sistema nervoso viscerale ha sul sistema nervoso centrale, il cervello e il midollo spinale. La scoperta che il...

Ultimi post dal blog

Allegria e benessere

Braccio di Ferro, il benessere negli spinaci

Scritto il 27 giugno 2017 da Alberto&Alberto

Negli ultimi anni i supereoi, da Superman all'Uomo Ragno, hanno preso il sopravvento nei gusti dei più piccoli, rimpiazzando grandi ed indimenticabili eroi dei fumetti. Che invece avrebbero molto da insegnare in fatto di benessere. Come Braccio di Ferro, ad esempio.

Pillole di benessere

Bianco o integrale pari sono?

Scritto il 23 giugno 2017 da Welly

Una ricerca israeliana mette in dubbio la superiorità del pane integrale rispetto a quello bianco, in quanto a proprietà salutari. Tutta colpa del microbiota, ovvero della flora batterica intestinale.

Offerta del mese
Biochef Axis Cold!Il Meglio a Poco Prezzo!
Offerta del mese

BioChef Axis è il primo estrattore di succo orizzontale della marca australiana BioChef. La filosofia di questa casa produttrice consiste nell'offrire la più alta qualità al miglior prezzo.Robot da cucina: fa pasta (spaghetti e noodles), baguette, sorbetti, gelati, omogeneizzati, salse, latte vegetale, burro di frutta secca e molto altro!BioChef Axis Cold Press Juicer è un eccellente estrattore lento, masticatore orizzontale e robot da cucina.Tutte le parti mobili sono fatte in Tritan!

Vedi prodotto

Novità
Bio-mex Formato Maxii!!850g incluse 2 spugne speciali rettangolari
Novit del mese

Bio-mex .. Grazie ai suoi componenti naturali, biologici e degradabili e’ un aiuto indispensabile per la pulizia della casa e per la gastronomia, scioglie il calcare e il grasso dalle superfici.Ideale per la pulizia e la cura di: acciaio, alluminio, argento, oro, rame, ottone, smalto, stagno, vetro, plastica liscia, legno laccato, ceramica, piastrelle, wc, lavandini, vasche da bagno, lavelli, piani di cottura, pentole, scarpe da ginnastica!
Inoltre e’ anche economico perche' puo' essere un buon sostituto a molti detersivi!
Vedi prodotto

Prenota la tua vacanza benessere!

Cerca

http://www.benessere.com/aec/privacy.htm


copyright © 1999-2017 A.E.C. Advertising and Electronic Commerce srl - CONTATTI | PUBBLICITÀ | SHOPPING ON-LINE | COOKIE POLICY | PRIVACY

A.E.C. Advertising and Electronic Commerce srl - Piazza Pontida, 7, 24122 Bergamo (Italia)
CF/P.IVA 02657150161 | REA: BG-312569 | Capitale sociale 100000 € interamente versato

Società con unico socio, soggetta all’attività di direzione e coordinamento di GUADAFIN s.r.l.