Menu Salute
Sei in:   benessere.com / Salute / Argomenti vari / Vari / Semeiotica dolore

LA SEMEIOTICA DEL DOLORE 1/2

A cura di Anna Paola Tortora

La Semeiotica del Dolore è una branca della Semeiotica Medica che indaga i sintomi algici e cerca di comprendere i collegamenti tra dolore e la sua causa, al fine di agevolare il medico nella diagnosi di una patologia. Il dolore è il mezzo attraverso il quale l'organismo mette il soggetto in stato di allarme sulla presenza di un pericolo per la salute. Il dolore è uno stimolo fondamentale che in alcuni casi può fungere da salvavita e si manifesta a seguito di differenti patologie, raggiungendo in alcuni casi una intensità tale da essere considerato esso stesso una malattia.
Qualsiasi informazione legata al dolore e alle sue caratteristiche rappresenta un indizio importante per il medico, sia esso di base o uno specialista, per giungere ad una corretta diagnosi o per restringere il campo d'indagine e prescrivere esami clinici mirati.

La valutazione del dolore

Al momento dell'anamnesi il medico deve valutare differenti aspetti del dolore: quando è iniziato e che attività il paziente stava svolgendo al momento della comparsa, se il dolore è continuo o se è ad intermittenza ed eventualmente quali sono la sua periodicità e frequenza. Sono importanti la sua localizzazione, la sua tipologia e quali sintomi vi sono associati.
La prima informazione importante è la valutazione delle caratteristiche del dolore: esso può essere lancinante, tagliente, costrittivo, puntorio, pulsante, folgorante, continuo, lieve, molto forte, etc. Alcune patologie sono associate a dolore particolarmente intenso, ad esempio esempio la colica renale, l'emicrania, la nevralgia del trigemino, l'infarto del miocardio.
Percezione e tolleranza del dolore sono fattori soggettivi e anche questo è un dato che il medico dovrà tenere presente, così come la condizione emotiva del paziente. Altre informazioni importanti sono la tipologia (il dolore può essere urente, tensivo, distensivo, spasmo), la sua localizzazione (a volte semplice, altre volte più difficile) l'andamento delle crisi, la loro periodicità e ricorrenza o la modalità che ha caratterizzato l'insorgenza dello stimolo doloroso. Alcune sindromi possono comparire solo in certe occasioni, altre possono palesarsi senza alcun collegamento apparente con eventi esterni; altre ancora sono sin da subito riconosciute come il chiaro sintomo di talune patologie.

Pubblicità
L'origine del dolore
Il dolore è il risultato di due componenti, quella neurologica (fisiologica) e quella psichica. La percezione del dolore è legata al Sistema Nocicettivo e alla presenza nel corpo di componenti chiamati recettori algogeni. Questi ultimi recepiscono gli stimoli dolorosi inviati dal sistema nervoso centrale e sono presenti in concentrazioni diverse secondo i tessuti che si esaminano; alcuni organi, come il fegato, ne sono completamente privi. La densità e il numero delle componenti algogene in un tessuto determina la possibilità di provare più o meno dolore. La differente concentrazione di terminazioni fa sì che gli stimoli algici deboli attivino la sensazione di dolore solo nelle parti del corpo ricche di recettori. La cute, ad esempio, è ricca di recettori del dolore con gli strati superficiali del corpo dotati di terminazioni algorecettori; man mano che ci si spinge in profondità la concentrazione di questi diminuisce. La capacità di produrre sostanze algogene varia nelle diverse strutture: i muscoli scheletrici ne sono poveri e, per questa ragione, la loro sensibilità al dolore è decisamente diversa. Volendo mettere su una scala decrescente le diverse parti del corpo rispetto alla concentrazione di terminazioni in grado di avvertire dolore, si troverebbero in fila: cute, esofago, stomaco, membrane sierose parietali, membrane sierose viscerali, ureteri, vescica, muscolo scheletrico, retto, colon, miocardio, utero, periostio e parenchimi.

In virtù del fatto che la percezione del dolore, della sua intensità ma anche le caratteristiche con cui si palesa, sono differenti a seconda del punto del corpo, in letteratura medica e in Semeiotica del Dolore, si distingue tra due differenti tipologie di dolore: il dolore somatico e il dolore viscerale.
Il primo può essere definito come un dolore superficiale, che si manifesta sulla cute o negli strati più esterni del corpo. Il dolore viscerale è invece caratteristico di organi e muscoli scheletrici, tessuti all'interno dei quali è inferiore la concentrazione di terminazioni nervose in grado di recepire gli stimoli dolorosi. La sua circoscrizione ad un punto specifico dell'organismo è quindi più difficile.

Sei qui Pagina successiva
Inizio articolo Pagina 2/2
La semeiotica del dolore La semeiotica del dolore: dolore somatico e dolore viscerale

Benessere TV

Benessere Tv ti porta nel mondo della salute, della dietetica, dell'alimentazione sana, della bellezza, della psicologia e del fitness. Grazie alle rubriche con gli esperti del settore e alle video interviste con professionisti di alto livello, sarete sempre informati sulle novità di benessere a 360°.
Ultimo video pubblicato

Le malattie oculari nell'anziano: riconoscere e curare glaucoma, retinopatia, degenerazione maculare

La cataratta è la malattia oculare più conosciuta nell'anziano, ma ci sono altre patologie che, se non riconosciute e curate in tempo, possono portare alla cecità. Glaucoma e retinopatia diabetica, per esempio, possono essere trattate a seguito di una tempestiva diagnosi fatta...

Ultimi post dal blog

Allegria e benessere

Chiedi cos'era il flipper

Scritto il 31 luglio 2018 da Alberto&Alberto

Slot machine e videogiochi hanno soppiantato nei locali pubblici i meno redditizi ma decisamente più divertenti (seppur più rumorosi) flipper. Che celebriamo qui.

Pillole di benessere

I bambini italiani tra i più obesi

Scritto il 28 luglio 2018 da Welly

Uno studio della Commissione Europea fa il punto sull’obesità infantile nel Vecchio Continente. E rivela come l’Italia sia tra i Paesi con la maggiore presenza, in percentuale, di bambini obesi o in sovrappeso.

Offerta del mese
Biochef Axis Cold!Il Meglio a Poco Prezzo!
Offerta del mese

 

BioChef Axis è il primo estrattore di succo orizzontale della marca australiana BioChef. La filosofia di questa casa produttrice consiste nell'offrire la più alta qualità al miglior prezzo.Robot da cucina: fa pasta (spaghetti e noodles), baguette, sorbetti, gelati, omogeneizzati, salse, latte vegetale, burro di frutta secca e molto altro!BioChef Axis Cold Press Juicer è un eccellente estrattore lento, masticatore orizzontale e robot da cucina.Tutte le parti mobili sono fatte in Tritan!

 

Vedi prodotto

Novità
Bio-mex Formato Maxii!!850g incluse 2 spugne speciali rettangolari
Novit del mese

 

Bio-mex .. Grazie ai suoi componenti naturali, biologici e degradabili e’ un aiuto indispensabile per la pulizia della casa e per la gastronomia, scioglie il calcare e il grasso dalle superfici.Ideale per la pulizia e la cura di: acciaio, alluminio, argento, oro, rame, ottone, smalto, stagno, vetro, plastica liscia, legno laccato, ceramica, piastrelle, wc, lavandini, vasche da bagno, lavelli, piani di cottura, pentole, scarpe da ginnastica!
Inoltre e’ anche economico perche' puo' essere un buon sostituto a molti detersivi!
Vedi prodotto

Prenota la tua vacanza benessere!

Cerca

http://www.benessere.com/aec/privacy.htm


copyright © 1999-2018 Vertical Booking S.r.l. - CONTATTI | PUBBLICITÀ | SHOPPING ON-LINE | COOKIE POLICY | PRIVACY

Vertical Booking S.r.l. - Piazza Pontida, 7, 24122 Bergamo (Italia)
CF/P.IVA 02657150161 | REA: BG-312569 | Capitale sociale 100000 € interamente versato