Menu Salute
Sei in:   benessere.com / Salute / Dipendenze / L'alcol / Come guarire

COME GUARIRE DALL'ALCOLISMO

Nel trattamento dell'alcoldipendenza la psicoterapia in tutte le sue forme costituisce un valido strumento di sostegno e un adeguato mezzo di esplorazione per condurre il paziente a una presa di coscienza del problema. Spesso nella cura dell'alcolismo si ricorre a più modalità di intervento diverse, proprio per le sensibili differenze che sono presenti in ogni singolo soggetto. L'approccio terapeutico è diverso da quello adottato per altri disturbi psicologici che derivano principalmente dall'interazione tra il soggetto e l'ambiente, perché per l'etilismo esiste un terzo elemento, cioè l'alcol, che agisce modificando l'interazione tra gli altri due. Il bevitore, attraverso l'uso della sostanza, trasforma sensibilmente la propria realtà interna, la percezione di quella esterna e il suo corpo. Tutto ciò determina reazioni capaci di stravolgere ogni contesto e rendere particolarmente difficile un programma psicoterapico.

Trattamento individuale

Nel trattamento individuale le difficoltà maggiori nascono quando il paziente continua a bere durante il periodo di trattamento e l'abuso di alcol diventa il mezzo per non affrontare argomenti per lui spiacevoli e la scusa per saltare le sedute. E' piuttosto difficile che un alcolista rispetti con regolarità gli appuntamenti di terapia, che frequenti con assiduità le sedute e che rispetti la regola dell'astinenza dal bere. Questi sono i motivi per i quali è indispensabile che il terapeuta sappia instaurare con il soggetto un rapporto aperto ed elastico, tanto da poter includere, accanto alla psicoterapia, anche interventi attivi quali consigli, proibizioni e controlli sul comportamento ed, eventualmente, ricorrere, al momento del bisogno, alla richiesta di ricoveri e di trattamenti medici.
La volontà di smettere è una realtà estremamente variabile tra i vari soggetti, che affrontano la terapia con atteggiamenti che oscillano dal farlo soltanto perché costretti da motivi fisici o da pressioni esterne sino alla reale buona fede personale che si scontra però con le resistenze inconsce. Quando il soggetto si trova in una condizione di alcolismo estremo e grave risulta impossibile instaurare un trattamento individuale, proprio per la mancanza di collaborazione del paziente. In questa particolare situazione è preferibile iniziare con una terapia esclusivamente di appoggio basata sull'ascolto e mirata a ridimensionare le manifestazioni emotive e le interpretazioni distorte della realtà da parte del soggetto.

A chi si rivolge

L'approccio della terapia individuale varia in base ai diversi tipi di paziente e alle diverse motivazioni che portano alla scelta di questo approccio terapeutico. Si può fare una suddivisione a grandi linee in due gruppi di potenziali candidati alla terapia individuale.

  • Il primo gruppo comprende il soggetto che non si è mai sottoposto a trattamenti disintossicanti, che non ha mai provato ad astenersi dal bere per periodi prolungati e difficilmente è motivato ad affrontare la cura. L'insufficienza di motivazioni da parte del soggetto non deve comunque essere un motivo di rifiuto da parte del terapeuta Spesso il ricorso a questa terapia è voluto dalla famiglia, oppure è stimolato dalla presenza di un problema di licenziamento o dalla paura di un pericolo fisico, ma non sicuramente da una reale convinzione personale.
  • Al secondo gruppo appartengono quei bevitori che hanno smesso di bere più volte per brevi periodi e che hanno fatto dell'incapacità di restare astinenti quasi uno stile di vita. Questi soggetti vedono il terapeuta come il chirurgo capace di recidere il male. Le caratteristiche personali e gli atteggiamenti dei bevitori di questo gruppo sono veramente molte, perché tanto diverse sono le condizioni personali, i comportamenti, le modalità del bere e le motivazioni che spingono a questa scelta.

Vantaggi e svantaggi

Con il tempo l'astinenza deve diventare per tutti gli alcolisti l'elemento centrale del rapporto psicoterapeutico, talvolta non si riescono ad evitare le ricadute, ma è sempre possibile, di volta in volta, valutare con che sofferenza le viva il paziente, come lotti contro tale pericolo e come avvenga il conseguente progresso nel cammino terapeutico. Quando la condizione di alcolismo presenta intolleranza alla terapia psicologica e la tendenza a cercare nuovamente rifugio nell'alcol ed è presente anche il danno fisico, è opportuno l'intervento a più presidi. Da un lato il terapeuta, teso a comprendere il paziente, dall'altro il clinico impegnato a controllare le condizioni fisiche del soggetto: dovrà proprio essere il medico a stabilire e a provvedere ad eventuali terapie collaterali o restrittive in accordo con il terapeuta Spesso l'internista, preoccupato soprattutto per la salute del soggetto, richiede un ricovero, mentre il terapeuta preferisce arrivare alla soluzione del problema attraverso la presa di coscienza da parte del paziente degli aspetti conflittuali della sua esistenza. In certi casi si impone assolutamente l'allontanamento immediato e fulmineo del soggetto dall'alcol, perciò il suo ricovero ospedaliero diventa inevitabile ed avviene anche la sospensione temporanea della psicoterapia.Un limite della terapia individuale è quello di poter seguire un numero piuttosto limitato di casi e il costo è molto elevato. Impone alle persone sacrifici economici che si sommano a quelli già fatti per rimanere astinenti, perciò di frequente avviene l'abbandono da parte del paziente. Spesso il terapeuta, costretto a trattare il singolo individuo, non può affrontare le dinamiche familiari e ambientali del soggetto in esame, perciò crea un isolamento psicologico che talvolta è negativo. Certo è che, quando la terapia individuale continua, offre maggiori garanzie di profondità e di stabilità, perché prende in considerazione la personalità globale del soggetto. Il trattamento individuale può essere la scelta migliore per quei soggetti motivati, con un buon livello di introspezione anche con un grosso problema di dipendenza, ma con una ragionevole capacità di frenare gli impulsi. E' meglio affiancare altri interventi sulla famiglia e di gruppo e non trascurare mai l'aspetto fisico del problema.

Trattamento di gruppo

Si basa sull'ascolto dei problemi del singolo grazie allo scambio di informazioni, all'incoraggiamento e al sostegno di un insieme di pazienti, che condividono gli stessi pensieri e gli stessi fantasmi. Il gruppo diventa l'agente terapeutico e può essere il mezzo sia per un sostegno più superficiale che per l'esplorazione più profonda. Per alcuni soggetti è più indicata che per altri, perché in alcuni riesce ad attivare meglio le dinamiche psicosociali e interpersonali utili ad affrontare e a rimuovere i blocchi psicopatologici dell'alcolismo.

A chi si rivolge

La psicoterapia di gruppo è consigliata a quei pazienti che rifuggono la terapia individuale a causa del rapporto eccessivamente stretto con il terapeuta che viene visto come oppressivo e giudicante, oppure a coloro che hanno difficoltà nelle relazioni interpersonali o che vivono situazioni familiari difficili. A questi soggetti può risultare inizialmente difficile accettare la terapia di gruppo, perciò è importante prepararli a questa esperienza con un periodo di terapia individuale.Dal confronto tra la terapia di gruppo e quella individuale si rileva certamente il minore costo della prima, ma anche di come sia altrettanto efficace. La decisione su quale tipo di terapia seguire spesso si basa sulla valutazioni di fattori contingenti, come il costo in denaro o la disponibilità di tempo, e di fattori psicologici. Generalmente i soggetti con una personalità meno forte, più avanti nella dipendenza alcolica, trovano una maggior indicazione nella terapia di gruppo, a patto che si riesca a far superare loro l'iniziale paura del confronto. Accettare una terapia di gruppo significa modificare la propria struttura difensiva, osservare le reazioni degli altri, abbandonare l'idea di ricevere passivamente la soluzione del problema come per magia dal terapeuta, rafforzare la propria motivazione personale attraverso il sostegno e la sfida degli altri.

Il metodo

Il percorso di un gruppo è schematizzabile in 4 stadi:

  • difensivo, perché il paziente non si sente ancora accettato dal gruppo e non si espone molto
  • autocentrato , quando il soggetto riferisce a sé steso ogni argomento di discussione
  • orientato sul gruppo, perché il soggetto è interessato e partecipa attivamente operando una differenza tra i suoi problemi e quelli degli altri
  • orientamento all'esterno , quando il paziente riesce ad applicare all'esterno i comportamenti acquisiti nel gruppo e può, grazie a questi modelli di comportamento appresi, instaurare nuovi rapporti interpersonali.

Pubblicità
Recentemente questi gruppi terapeutici si sono sviluppati anche in Italia e sono in grado di assicurare un sostegno anche mantenendo l'anonimato della persona che chiede aiuto. Esistono associazioni, come per esempio l'Associazione Alcolisti Anonimi, che offrono i loro servizi in molte città. Sono disponibili a fornire indicazioni e suggerimenti anche alla famiglia o alle persone che dividono la vita con alcolisti e che non sanno come affrontare la situazione. Sta iniziando anche in Italia la psicoterapia familiare o di coppia, che si prefigge il compito non semplice di adattare la personalità dell'alcolista all'ambiente e di creare un nuovo modo di vivere. Inoltre, coinvolgendo i familiari e quindi gli affetti profondi, è possibile capire quanto sia effettivamente vero e sincero il desiderio di tutti di lavorare per risolvere il problema. Vari sono i trattamenti familiari proposti ed alcuni richiedono una partecipazione più attiva di altri. In alcune situazioni, per esempio quando c'è anche un problema di violenza nella coppia, si preferisce trattare i coniugi in modo separato e distinto o in due gruppi separati tra di loro. La terapia di coppia o di famiglia congiunta prevede, invece, che i membri si ritrovino tutti assieme per facilitare la spiegazione dei comportamenti e favorire la comprensione di atteggiamenti consci o inconsci che possono costituire un ostacolo per il raggiungimento finale della sobrietà.

Terapia farmacologica

Un grosso intervento nella cura dell'alcolismo viene fatto attraverso la terapia farmacologica.
Il disulfiram è la sostanza oggi usata di frequente nella terapia dell'alcolismo cronico. E' questa una sostanza che agisce come inibitore enzimatico, altera il metabolismo dell'etanolo e induce nel soggetto un'avversione all'alcol. Particolare attenzione deve essere prestata ai vari e severi effetti collaterali, tanto che il protocollo classico della cura dovrebbe essere avviato in ambiente ospedaliero e dopo l'accettazione del paziente. Le complicanze possibili sono specialmente di ordine ipotensivo e cardiaco. Quando il soggetto decide di continuare ad assumere il farmaco anche al di fuori dell'ospedale, deve essere informato dei rischi e del fatto che l'ingestione di alcol, sotto qualsiasi forma, gli scatenerà la stessa reazione di sensibilizzazione avuta in ospedale e che gli effetti possono persistere anche per due settimane.
Per evitare la non corretta applicazione del protocollo di assunzione del farmaco, oggi si sta diffondendosi la pratica di innesti sottocutanei del farmaco. In questo modo si ottiene una liberazione lenta e costante della sostanza per un periodo di 6/8 mesi, non si corre il rischio di una sospensione incontrollata del farmaco e si riesce ad ottenere un periodo più prolungato di astinenza con un conseguente miglioramento delle condizioni del paziente. La sola terapia farmacologica non è tuttavia sufficiente a sconfiggere l'alcol, perciò è sempre necessario associare l'intervento psicoterapeutico di sostegno. Inoltre, bisogna anche dire che, la reale efficacia del trattamento dipende quasi esclusivamente dall'intenzione del soggetto di assumere la sostanza e dalla sua volontà di smettere di bere.
Vengono utilizzati anche altri tipi di farmaci per controllare alcuni effetti dell'alcolismo. I principali sono:

  • i tranquillanti minori, che agiscono sull'ansia, specialmente nella forma nevrotica, e sulle sue espressioni psicosomatiche
  • i tranquillanti maggiori, che hanno un effetto tranquillante e sedativo e agiscono sull'agitazione intensa, hanno un effetto antiproduttivo, con un'azione nei casi di delirio e di allucinazioni, e un effetto disinibente.
  • gli antidepressivi, che agiscono sul tono dell'umore in senso antidepressivo, visto e considerata l'alta incidenza di sintomi di depressione nell'alcolismo, specialmente in quello femminile.

L'uso di qualsiasi farmaco deve essere fatto sotto severo controllo medico e meglio se dopo disintossicazione, onde evitare effetti collaterali indesiderati. Non bisogna delegare a questi farmaci il compito di risolvere tutto, perché spesso la capacità personale di superare, con l'appoggio psicologico soltanto, senza l'ausilio farmacologico, la fase carenziale, può rafforzare nell'alcolista la fiducia nella riuscita del trattamento. Generalmente i farmaci ad azione più potente, vengono somministrati in quei casi dove esiste una precisa patologia psichiatrica e, quindi, dove è presente una forma di alcolismo secondario. 

Le interferenze tra alcol e farmaco sono ormai accertate ed avvengono a livello della cinetica del farmaco, cioè sul suo assorbimento, sulla distribuzione, sul metabolismo e sull'eliminazione, e sulla sua dinamica, infatti l'alcol influenza l'attività del farmaco sviluppando un potenziamento o una riduzione dell'effetto. L'associazione di alcol e farmaci è sempre pericolosa, ma se avviene con sostanze tipo i barbiturici possono esserci conseguenze estremamente gravi, anche la morte. Anche l'associazione tra farmaci usati per la cura di patologie più o meno comuni e gravi come gli antistaminici , gli analgesici, gli antipiretici, gli ipoglicemizzanti, gli antipertensivi, gli anticoagulanti, i chemioterapici, gli antineoplastici, gli antifungini può causare differenti reazioni di potenziamento dell'attività farmacologica o di annullamento di tale funzione e di conseguenza creare anche situazioni difficile e pericolose.
Conclusioni

 La guarigione, concetto controverso e di difficile precisazione in ogni settore della medicina, è sicuramente un risultato non facile da raggiungere nella cura dell'alcolismo. Certezze assolute, cure facili e certamente efficaci non esistono, ma è indispensabile conoscere sempre meglio il problema dell'alcoldipendenza sia per poterlo affrontare il più efficacemente possibile e con tutti i mezzi terapeutici a nostra disposizione, sia per accrescere la cultura generale sull'alcol. Unico consiglio sicuro, oltre a quello di evitare l'abuso e, quando questo non è subito possibile, di tenere sotto controllo eventuali eccessi alcolici, è quello di rivolgersi con tempismo, quando si hanno dei dubbi anche piccoli, a chi può darci una mano e può indicarci le strade migliori da seguire. Affrontare il problema in modo corretto e positivo, senza inutili perdite di tempo è il primo passo verso la soluzione.

Benessere TV

Benessere Tv ti porta nel mondo della salute, della dietetica, dell'alimentazione sana, della bellezza, della psicologia e del fitness. Grazie alle rubriche con gli esperti del settore e alle video interviste con professionisti di alto livello, sarete sempre informati sulle novità di benessere a 360°.
Ultimo video pubblicato

Curarsi con le erbe: un aiuto per il colon irritabile

Il colon irritabile è un disturbo che colpisce il 7% della popolazione, con un’incidenza tre volte superiore nelle donne, spesso viene individuato tardivamente, dopo anni di dolori e terapie errate che non curano l’origine del problema. Dalle erbe arriva un valido supporto per...

Ultimi post dal blog

Allegria e benessere

Altrimenti ci divertiamo

Scritto il 16 gennaio 2018 da Alberto&Alberto

I film interpretati da Bud Spencer e Terence Hill hanno rallegrato per decenni il pubblico di tutto il mondo. Un fenomeno nato in Italia e che sopravvive, con le riproposte televisive, ai mutamenti delle mode e dei gusti degli spettatori.

Pillole di benessere

Dieta mediterranea e longevità

Scritto il 19 gennaio 2018 da Welly

Gli italiani sono tra le popolazioni più longeve del mondo e ciò è probabilmente dovuto ad una alimentazione che comprende quella stessa quantità di macronutrienti che due recenti studi associano ad una minore mortalità.

Offerta del mese
Biochef Axis Cold!Il Meglio a Poco Prezzo!
Offerta del mese

 

BioChef Axis è il primo estrattore di succo orizzontale della marca australiana BioChef. La filosofia di questa casa produttrice consiste nell'offrire la più alta qualità al miglior prezzo.Robot da cucina: fa pasta (spaghetti e noodles), baguette, sorbetti, gelati, omogeneizzati, salse, latte vegetale, burro di frutta secca e molto altro!BioChef Axis Cold Press Juicer è un eccellente estrattore lento, masticatore orizzontale e robot da cucina.Tutte le parti mobili sono fatte in Tritan!

 

Vedi prodotto

Novità
Bio-mex Formato Maxii!!850g incluse 2 spugne speciali rettangolari
Novit del mese

 

Bio-mex .. Grazie ai suoi componenti naturali, biologici e degradabili e’ un aiuto indispensabile per la pulizia della casa e per la gastronomia, scioglie il calcare e il grasso dalle superfici.Ideale per la pulizia e la cura di: acciaio, alluminio, argento, oro, rame, ottone, smalto, stagno, vetro, plastica liscia, legno laccato, ceramica, piastrelle, wc, lavandini, vasche da bagno, lavelli, piani di cottura, pentole, scarpe da ginnastica!
Inoltre e’ anche economico perche' puo' essere un buon sostituto a molti detersivi!
Vedi prodotto

Prenota la tua vacanza benessere!

Cerca

http://www.benessere.com/aec/privacy.htm


copyright © 1999-2018 Vertical Booking S.r.l. - CONTATTI | PUBBLICITÀ | SHOPPING ON-LINE | COOKIE POLICY | PRIVACY

Vertical Booking S.r.l. - Piazza Pontida, 7, 24122 Bergamo (Italia)
CF/P.IVA 02657150161 | REA: BG-312569 | Capitale sociale 100000 € interamente versato