Menu Salute

L'ALITOSI

A cura di Anna Paola Tortora, in collaborazione con il
Prof. Saverio Giovanni Condò, Università di Roma Tor Vergata

L’alitosi è un disturbo che si manifesta mediante l’emissione di un odore sgradevole in fase di espirazione o fonazione. Non esiste distinzione tra quello comunemente identificato come “alito cattivo” e l’alitosi, piuttosto è più corretto parlare di differenti origini del disturbo. Varie sono le cause che determinano l’alitosi: essa infatti è molto diffusa e – contrariamente all’opinione comune – la sua origine è quasi sempre nella bocca.
L’alitosi può essere transitoria o permanente ma la differenza tra le due forme è determinata unicamente dalle cause che provocano l’alito cattivo. È scorretto quindi operare una distinzione tra alito cattivo occasionale (ad esempio dopo un pasto a base di cibi che comunemente conferiscono un odore poco piacevole all’alito) e alitosi determinata da problemi dell’apparato digerente o della bocca.
Si tratta comunque di un fenomeno molto diffuso: essa interessa infatti circa il 50% della popolazione. Di alitosi si parla poco generalmente poiché, oltre a rappresentare un ingombrante disturbo per chi ne è affetto, è una patologia che trascina con sé anche una problematica sociale. Essa infatti tende ad avere ripercussioni negative sulla vita interpersonale di chi ne soffre: il soggetto affetto da alitosi tende a provare imbarazzo e a penalizzare la socializzazione. In realtà però la maggior parte delle persone che presenta alitosi non si rende conto di soffrire di questo problema.

Pubblicità
Cause dell’alitosi
L’origine dell’alitosi è quasi sempre nella bocca. Esistono casi invece in cui essa è determinata da altre patologie del cavo orale o di altri organi. Problemi di digestione ad esempio, possono rendersi responsabili di alitosi; e ancora, una caratteristica del paziente diabetico è presentare un odore di acetone nell’alito. In un numero minore di casi la causa dell’alitosi quindi è altrove: diabete o patologie che interessano l’apparato digerente o respiratorio o addirittura tumori possono infatti determinare un odore sgradevole del fiato, ma si tratta di casi molto rari.

Nel 90% dei casi l’alitosi è determinata da problematiche del cavo orale. La maggior parte dell’alitosi è generata dai batteri in esso presenti: una persona può per esempio avere una bocca sana e nonostante questo soffrire di alitosi. Una delle cause più frequenti è la presenza di residui di cibo tra i denti e la loro successiva trasformazione metabolica da parte dei batteri presenti nel cavo orale. La superficie posteriore della lingua, la placca dentale, i denti affetti da lesioni cariose, con polpa necrotica esposta o con restauri imperfetti (capsule o ponti), sono i luoghi dove si deposita una elevata quantità di batteri responsabili dell’alito cattivo.
In bocca l’uomo ha circa 700 specie batteriche, utili nel processo di digestione, che sono in equilibrio tra di loro e proteggono l’organismo da agenti molto pericolosi come virus o batteri patogeni. Una parte di questi batteri ha sede nella saliva; essi vengono definiti fluttuanti. La maggior parte dei batteri presenti nella bocca forma la placca e utilizzano i cibi che l’uomo ingerisce per sopravvivere. Per esempio, dopo aver mangiato carne i batteri presenti nella bocca scindono le proteine in amminoacidi (molti di questi contenenti zolfo) e durante questo processo vengono liberate delle sostanze volatili minuscole, detti mercaptani, che hanno un odore sgradevole. In generale tutti i composti solforati prodotti dal metabolismo dei batteri sono alitogeni, cioè producono alito cattivo. In totale sono un centinaio le sostanze – originate allo stesso modo – responsabili dell’alitosi, la maggior parte è però rappresentata dai composti volatili dello zolfo (VSC).

La persona che non cura sufficientemente la propria igiene orale è più soggetta ad alitosi. Pulire i denti non è sufficiente, però, poiché la maggior parte dei batteri responsabili dell’alito cattivo hanno sede sulla lingua: detergerla con il pulisci lingua è un modo di contrastare il fenomeno. Chi soffre di alitosi, deve utilizzare prodotti adatti: collutori ad esempio. Essi contengono antisettici che contrastano i batteri e la loro riproduzione; in particolare i prodotti specifici contro l’alitosi contengono sali di zinco, in grado di annientare l’azione dei VSC: lo zinco lega le molecole dei composti volatili (molto piccole) che, andando a formare un elemento più pesante, cessano di fluttuare nella bocca e, depositandosi, di produrre cattivo odore. Altro consiglio è utilizzare il filo interdentale.
La stessa gengivite – responsabile di alitosi – è causata dall’accumulo di batteri (placca) nel solco gengivale: essa provoca infiammazioni più o meno gravi oltre a conferire alito cattivo al soggetto che ne soffre. I batteri che si accumulano nelle gengive sono batteri che possono sopravvivere in assenza di ossigeno (anaerobi) e producono molte delle sostanze volatili maleodoranti responsabili dell’alitosi. Questi batteri sopravvivono bene anche in ambienti acidi: ecco spiegato perché il caffè (come tutte le altre bevande o sostanze acide) tende a conferire un cattivo odore all’alito di chi lo beve.
Esistono anche alitosi di tipo psicologico: il paziente è convinto che il suo alito abbia un cattivo odore quando invece non è così (pseudoalitosi). Lì è compito dell’odontoiatra o dell’igienista dentale convincere il soggetto che non sia così. Se la problematica continua allora il problema è psicologico (alitofobia).

L’alitosi può essere combattuta eliminando la causa che la determina e per questo il primo passo per affrontarla è classificarla in base alla percezione di essa da parte del paziente e di ciò che la genera.

Riassumendo, le cause dell’alitosi possono essere:
• Intraorali: ovvero le cause dell’alitosi sono dentro la bocca. Possono essere determinate da colonizzazione batterica del cavo orale come una patina sulla lingua o una parodontite cronica. Responsabili dell’alitosi possono essere anche infezioni orali acute.
• Extraorali: Infezioni nasali e faringee, condizioni respiratorie o gastro-intestinali o condizioni metaboliche, tumori;
• Transitorie: l’alitosi può essere determinata da particolari cibi e abitudini alimentari o da alcol e tabacco.

Alcol e fumo peggiorano l’alitosi. Lo schema mostra inoltre che esistono cibi che possono favorire la comparsa del disturbo: alcuni alimenti tendono ad aumentare l’alitosi cosiddetta “transitoria” sia per l’odore che hanno ma anche perché essi, una volta metabolizzati (digeriti) rilasciano dei composti maleodoranti che al termine del processo di digestione vengono assorbiti dall’intestino, rilasciati nel circolo sanguigno e successivamente espulsi dai polmoni mediante il processo di respirazione.
I cibi che determinano la comparsa dell’alitosi sono vari:
• Latticini (latte, formaggio, yogurt, gelato, ecc.): sono i cibi maggiormente responsabili dell’alito cattivo. Per molti, poi, le proteine presenti in essi non sono digeribili per l’insufficiente numero di enzimi necessari per metabolizzarle (lattosio);
• Cipolle e aglio: conferiscono all’alito un cattivo odore sia nell’immediato ma anche successivamente, poiché le componenti responsabili dell’alitosi entrano nel circolo sanguigno successivamente alla digestione e vengono poi espulse dai polmoni;
• L’alcool: le bevande alcoliche riducono la salivazione e per questo peggiorano l’alitosi;
• Zucchero: è un carburante per i batteri responsabili del disturbo;
• Il caffè (sia normale che decaffeinato): è una bevanda acida e favorisce la riproduzione rapida dei batteri.

Pubblicità
L’azione della saliva
La saliva è il detergente della bocca: la sua funzione infatti è pulire il cavo orale. Tutte le situazioni che vedono una diminuzione della salivazione possono essere seguite dalla comparsa di alitosi. Un alito secco può essere determinato da molte cause: da uno stato psicologico di agitazione o forte emozione, ad esempio. La riduzione della saliva può essere causata da xerostomia. Questa patologia è collegata all’età ma la scarsa secrezione salivare può essere determinata anche dall’uso di particolari farmaci. Aumentare la salivazione bevendo molta acqua può essere un modo per combattere l’alitosi.

Come si diagnostica l’alitosi
Lo sniff test è un metodo soggettivo per valutare la presenza o meno di alito cattivo. Uno strumento più specifico è l’halimetro, un macchinario che indica la concentrazione dei VSC nell’alito della persona che si sottopone all’esame. Un altro dispositivo, Oral Chroma, permette una determinazione migliore dei composti che provocano alitosi; è uno strumento piuttosto sofisticato e sono pochi i presidi in italia dove è possibile sottoporsi a questo esame. Di prossima commercializzazione infine sono dei kit di autoanalisi da comprare in farmacia.

Terapia
La terapia per combattere l’alitosi è risolvere il problema che la causa. Nei casi in cui l’alitosi non abbia origine nella bocca, il paziente dovrà sottoporsi ad ulteriori esami. Quando l’alitosi è generata da problematiche dell’apparato respiratorio o digerente, diabete o altre patologie più gravi, è necessario curare la malattia che determina l’alito cattivo per sconfiggerlo.
Poiché però, come detto, il 90% delle volte l’alitosi ha origine nella bocca, il primo passo per affrontare il disturbo è curare l’igiene orale. Lavare i denti almeno due volte al giorno, utilizzare strumenti specifici come il filo interdentale e il pulisci lingua, per eliminare meccanicamente le componenti responsabili del cattivo odore, e utilizzare dentifrici e collutori specifici in grado di neutralizzare chimicamente l’azione dei VSC. Non tutti i prodotti sono uguali, alcuni possono addirittura peggiorare il problema poiché aumentando l’acidità della bocca creano un ambiente favorevole alla vita dei batteri anaerobi responsabili dell’alitosi. Primo passo quindi è recarsi dal dentista o dall’igienista dentale che, dopo aver individuato la causa dell’alitosi, dovrà provvedere a sconfiggerla.

Benessere TV

Benessere Tv ti porta nel mondo della salute, della dietetica, dell'alimentazione sana, della bellezza, della psicologia e del fitness. Grazie alle rubriche con gli esperti del settore e alle video interviste con professionisti di alto livello, sarete sempre informati sulle novità di benessere a 360°.
Ultimo video pubblicato

Prevenzione delle malattie cardiovascolari: in età scolare già i primi check up

Il 4% della popolazione ha una predisposizione allo scompenso cardiaco senza accorgersene, perché molto spesso le cardiopatie sono asintomatiche. Per questo motivo la prevenzione delle malattie cardiovascolari inizia precocemente, in età scolare attraverso i primi check up e si...

Ultimi post dal blog

Allegria e benessere

Ci piace ‘o presepio

Scritto il 12 dicembre 2017 da Alberto&Alberto

Il Natale è alle porte e le nostre case - così come le strade - sono già allegramente decorate con luminarie, alberi addobbati e quant’altro richiami lo spirito della festa. Come il presepe

Pillole di benessere

Più acqua, meno dolore

Scritto il 24 novembre 2017 da Welly

Uno studio condotto da un gruppo di ricercatori neozelandesi ha dimostrato come la disidratazione aumenti la percezione del dolore fisico. E viceversa.

Offerta del mese
Biochef Axis Cold!Il Meglio a Poco Prezzo!
Offerta del mese

 

BioChef Axis è il primo estrattore di succo orizzontale della marca australiana BioChef. La filosofia di questa casa produttrice consiste nell'offrire la più alta qualità al miglior prezzo.Robot da cucina: fa pasta (spaghetti e noodles), baguette, sorbetti, gelati, omogeneizzati, salse, latte vegetale, burro di frutta secca e molto altro!BioChef Axis Cold Press Juicer è un eccellente estrattore lento, masticatore orizzontale e robot da cucina.Tutte le parti mobili sono fatte in Tritan!

 

Vedi prodotto

Novità
Bio-mex Formato Maxii!!850g incluse 2 spugne speciali rettangolari
Novit del mese

 

Bio-mex .. Grazie ai suoi componenti naturali, biologici e degradabili e’ un aiuto indispensabile per la pulizia della casa e per la gastronomia, scioglie il calcare e il grasso dalle superfici.Ideale per la pulizia e la cura di: acciaio, alluminio, argento, oro, rame, ottone, smalto, stagno, vetro, plastica liscia, legno laccato, ceramica, piastrelle, wc, lavandini, vasche da bagno, lavelli, piani di cottura, pentole, scarpe da ginnastica!
Inoltre e’ anche economico perche' puo' essere un buon sostituto a molti detersivi!
Vedi prodotto

Prenota la tua vacanza benessere!

Cerca

http://www.benessere.com/aec/privacy.htm


copyright © 1999-2017 A.E.C. Advertising and Electronic Commerce srl - CONTATTI | PUBBLICITÀ | SHOPPING ON-LINE | COOKIE POLICY | PRIVACY

A.E.C. Advertising and Electronic Commerce srl - Piazza Pontida, 7, 24122 Bergamo (Italia)
CF/P.IVA 02657150161 | REA: BG-312569 | Capitale sociale 100000 € interamente versato

Società con unico socio, soggetta all’attività di direzione e coordinamento di GUADAFIN s.r.l.