Menu Salute

L’ARTERIOPATIA CRONICA OSTRUTTIVA DEGLI ARTI INFERIORI

A cura di Fabio Raja

L’arteriosclerosi - l’indurimento e la chiusura delle arterie - colpisce, generalmente, tutti i vasi dell’organismo, anche se alcuni distretti possono essere maggiormente interessati.
Accade, così, che in alcuni casi siano più coinvolti i vasi del cuore, con possibilità di infarti e dolore cardiaco, mentre in altri è maggiormente interessato il circolo cerebrale, con probabilità di ictus o deterioramento delle funzioni cognitive. Quando la malattia interessa i vasi che portano il sangue alle gambe, alle volte, si hanno una serie di disturbi, più o meno invalidanti, il più caratteristico dei quali è la claudicatio intermittens.
Queste persone, infatti, dopo aver percorso un tratto di cammino più o meno lungo (dipende dalla gravità della malattia) sono costrette a fermarsi per la comparsa di un intenso dolore al polpaccio o, meno frequentemente, nella parte bassa della schiena, alle natiche o alle cosce.
È sufficiente fermarsi e riposarsi per alcuni secondi, per stare subito meglio e poter riprendere a camminare, salvo doversi nuovamente fermare dopo aver percorso un tratto di strada di uguale lunghezza.
Questo problema è provocato dalla riduzione del flusso del sangue lungo le arterie malate, parzialmente o completamente ostruite. È come se il tubo che porta la benzina (il sangue) al motore dell’auto (i muscoli) fosse in parte otturato. Con il motore al minimo, la quantità di benzina che arriva ai cilindri è proporzionata al bisogno ed il motore gira normalmente, ma appena si affonda il piede sull’acceleratore, il motore tende a spegnersi perché la benzina che arriva al motore non è più sufficiente alle richieste nel frattempo aumentate. I medici chiamano questa condizione arteriopatia ostruttiva periferica (AOP).
L’arteriosclerosi non è l’unica causa dell’AOP, anche se è di gran lunga la più frequente.

Chi rischia

L’arteriopatia ostruttiva periferica colpisce prevalentemente i maschi e la sua frequenza aumenta con l’età, specie dopo i 60 anni, mentre le donne sono relativamente protette, almeno sino ai 70 anni. In seguito, il rischio tra i due sessi tende a pareggiarsi. Il fumo è il fattore di rischio più importante. Tutti gli studi hanno confermato che lo sviluppo dell’arteriopatia ostruttiva periferica è strettamente collegato al vizio di fumare e, continuare a fumare anche dopo la comparsa dei primi disturbi, contribuisce ad aggravare la malattia. Il diabete mellito è altrettanto importante nello sviluppo della malattia ed i diabetici, non solo hanno più probabilità di avere l’arteriopatia ostruttiva periferica , ma rischiano, di più, un’evoluzione della verso forme più gravi. Anche ipertensione e ipercolesterolemia ne favoriscono la comparsa.

I sintomi

I disturbi dell’arteriopatia ostruttiva periferica sono molto variabili e dipendono dalla gravità dell’ostruzione delle arterie e dallo sviluppo dei cosiddetti circoli collaterali.
È evidente che placche piccole e scarse non riducono di molto il flusso del sangue e causano pochi o nessun disturbo, mentre se sono grosse e numerose, possono chiudere completamente i vasi e permettere solo ad una piccola quantità di sangue di raggiungere le gambe con gravi conseguenze.
Bisogna dire, però, che il nostro organismo, in questi casi, corre ai ripari attraverso la costruzione di nuovi vasi sanguigni che cercano di aggirare il blocco.

Pubblicità
Queste arterie di nuova formazione, finiscono per costituire una rete, che i medici chiamano circoli collaterali , che nascono sopra l’ostacolo, lo aggirano e si inseriscono, di nuovo, nei vasi principali sotto l’ostruzione.
Si tratta, in pratica, di veri e propri by pass naturali.
Circoli collaterali ben sviluppati possono rimediare a gravi ostruzioni e, dall’altra parte, ostruzioni più modeste, ma non adeguatamente riequilibrate da circoli collaterali validi, possono dare disturbi più gravi.
L’arteriopatia ostruttiva periferica, con placche modeste o buoni circoli di compenso, può essere asintomatica , cioè non causare alcun disturbo, ed è identificabile solo con un’attenta visita ed un esame ecodoppler.
In casi più gravi, invece, compare la claudicatio intermittens, con autonomia di marcia sempre più breve man mano che la malattia si aggrava. A volte questi pazienti possono fare solo pochi passi prima d’avvertire dolore e finiscono con il ridurre sempre più le loro attività e il raggio del loro cammino, circoscritto allo spazio di casa.
Nei casi più preoccupanti, la quantità di sangue che raggiunge le gambe è insufficiente anche se il paziente non cammina. Il dolore si fa continuo, anche a riposo, soprattutto di notte.
Da qui ai casi estremi, il passo è breve. Le ostruzioni sono estese a tal punto che solo una piccolissima quantità di sangue raggiunge i tessuti (muscoli, cute e sottocute) ed è inadeguata a mantenerli in vita. A questo punto la pelle si ulcera e si formano piaghe e gangrene più o meno vaste che possono richiedere, nei casi più gravi, amputazioni estese.

L’evoluzione

Bisogna dire che l’AOP è una delle manifestazioni dell’arteriosclerosi che interessa le arterie che portano il sangue alle gambe - aorta addominale, arteria iliaca, femorale e poplitea - ma, in realtà, è solo un aspetto di una malattia più diffusa che colpisce tutti i vasi del corpo. In pratica, il danno è esteso anche alle arterie che irrorano il cervello, il cuore e gli organi addominali.
Il paziente con AOP, specie se ha già disturbi alle gambe, rischia, perciò, di avere, nel giro di pochi anni, un infarto al cuore o un ictus cerebrale.
Le manifestazioni a livello degli arti inferiori hanno, in confronto, un andamento relativamente migliore, perché solo 2 pazienti con claudicatio su 10, peggiora nel corso degli anni, e solo 5 su 100 richiedono d’interventi chirurgici.
La gran maggioranza dei pazienti con AOP non peggiora o addirittura migliora per quanto riguarda la circolazione delle gambe, grazie allo sviluppo di buoni circoli collaterali e i rischi maggiori sono perciò, quelli, per il cuore e la circolazione del cervello.
Anche i soggetti asintomatici con AOP, quelli cioè con placche diffuse alle arterie delle gambe ma senza alcun disturbo nel camminare, hanno un rischio maggiore da 2 a 5 volte, di avere ictus o infarti, nel corso degli anni.

Pubblicità
La diagnosi

Scoprire precocemente d’avere un’AOP permette di intervenire per tempo sui fattori di rischio - fumo soprattutto, ma anche ipertensione e colesterolo alto - in modo da ridurre il pericolo di avere un infarto o un ictus.
È bene, perciò, che chi ha uno o più fattori di rischio (specie chi fuma!) sappia cogliere precocemente i segni di un’eventuale insufficienza della circolazione arteriosa alle gambe.
Le caratteristiche del dolore permettono di distinguere l’arteriopatia ostruttiva periferica da altre malattie che causano dolore alle gambe. Il dolore da claudicatio compare dopo un certo tratto di cammino, si attenua e scompare rallentando la marcia o fermandosi.
Il dolore da altre cause (malattie dei nervi come la sciatica) non si attenua arrestando il cammino, ma anzi, spesso aumenta con lo stare in piedi o seduti.
La localizzazione del dolore, inoltre, ci fa capire dove è il problema: il dolore al polpaccio è il risultato di danni a livello dell’arteria femorale superficiale, mentre il dolore alle cosce o alle natiche è segno di ostruzioni di arterie più alte, come le arterie iliache e l’aorta.
In quest’ultimi casi, spesso, è presente nell’uomo impotenza sessuale, poiché il flusso di sangue agli organi genitali è gravemente compromesso.

Le cure

Le cure dell’AOP hanno tre obiettivi:

  1. Arrestare il peggioramento dell’arteriosclerosi in tutto l’organismo e ridurre il rischio d’infarto e ictus.
  2. Migliorare la qualità di vita di questi pazienti, cercando di recuperarli ad una vita più attiva e consentire loro di camminare il più possibile, senza dolore.
  3. Impedire la comparsa di piaghe e gangrene.

Per conseguire il primo obiettivo è necessario agire sui fattori di rischio, in primo luogo il fumo. Cessare l’abitudine di fumare è essenziale, perché riduce immediatamente i rischi, anche se sono necessari anni per annullarli del tutto. È importante che l’astensione dal fumo sia completa perché anche una sola sigaretta al giorno può aggravare i danni delle arterie.

Il secondo obiettivo è raggiungibile con l’esercizio fisico. Camminare, infatti, favorisce lo sviluppo di circoli collaterali e consente di aumentare gradatamente il tratto di cammino percorso, così che questi pazienti possono allungare la marcia senza dolore anche per più di 200 metri. Sembra che i risultati migliori si abbiano quando i pazienti continuano a camminare anche dopo la comparsa del dolore, cercando di resistere il più possibile perché, probabilmente, si favorisce in tal modo lo sviluppo di circoli collaterali . Molti medici sono dubbiosi che l’attività fisica eseguita solo su consiglio, senza supervisione d’esperti, sia utile a migliorare l’autonomia di marcia e consigliano di rivolgersi sempre a centri riabilitativi competenti. È bene dire che il migliore esercizio è proprio il camminare, mentre altri esercizi, come l’andare in bicicletta, non hanno effetti benefici.

Raccomandazioni per questi pazienti:

  • Camminare lentamente per cercare di percorrere il maggior percorso possibile anche dopo la comparsa del dolore.
  • Evitare traumi ai piedi che possono favorire la comparsa di piaghe, ulcerazioni e infezioni (raccomandazioni rivolte, particolarmente, ai pazienti diabetici).
  • Segnalare al proprio medico qualsiasi trauma ai piedi, la comparsa di dolore a riposo o improvvise modificazioni del colore e temperatura della pelle dei piedi e delle gambe.

I diabetici devono porre particolare cura per i piedi allo scopo di prevenire traumi ed infezioni. Devono, inoltre, scegliere calzature adatte che non ostacolino la circolazione a livello del piede.

Poiché la pressione alta è un fattore di rischio per l’AOP, i medici raccomandano di tenere la pressione controllata, preferibilmente sotto 130 la massima e 85 la minima.

Le cure farmacologiche

L’aspirina e altre sostanze che contrastano la tendenza delle piastrine ad aggregarsi sulla placca erteriosclerotica, per questo motivo chiamate antiaggreganti, sono comunemente prescritte ai pazienti con AOP.
Questi farmaci sono in grado di rallentare l’evoluzione della malattia e ridurre la necessità di intervenire chirurgicamente. L’aspetto più importante di queste cure non riguarda, però, la circolazione degli arti inferiori, ma la loro capacità di prevenire l’infarto cardiaco e l’ictus, poiché, come detto, l’AOP è soprattutto la spia di un’arteriosclerosi grave e diffusa. In definitiva, l’aspirina e gli antiaggreganti, in generale, difficilmente miglioreranno la marcia di questi pazienti, ma, in compenso, riducono la possibilità di complicazioni cerebrali o cardiache.
La terapia con anticoagulanti, al contrario, né migliora la marcia né riduce il rischio d’ictus e infarti. Espone, invece, al rischio di gravi emorragie. Queste cure sono, perciò, indicate solo in particolari casi.
I pazienti con improvviso peggioramento dei disturbi, infine, devono ricorrere alle cure del chirurgo vascolare per valutare la possibilità di un intervento di rivascolarizzazione o un’angioplastica.

Benessere TV

Benessere Tv ti porta nel mondo della salute, della dietetica, dell'alimentazione sana, della bellezza, della psicologia e del fitness. Grazie alle rubriche con gli esperti del settore e alle video interviste con professionisti di alto livello, sarete sempre informati sulle novità di benessere a 360°.
Ultimo video pubblicato

Rianimazione cardiopolmonare: tutti possono imparare a intervenire e salvare una vita

Nell’ambito della settimana di sensibilizzazione sul tema della rianimazione cardiopolmonare “Viva! La vita nelle tue mani”, promossa da Italian Resuscitation Council (IRC), vi proponiamo un approfondimento sul tema dell’arresto cardiaco, che colpisce in Europa oltre 400.000...

Ultimi post dal blog

Allegria e benessere

Let's get physical!

Scritto il 21 ottobre 2014 da Alberto&Alberto

Incappo casualmente nell'ascolto di una vecchia hit degli anni '80, "Physical" di Olivia Newton-John e la mente torna al 'boom' del fitness che data in quel periodo e la cui principale paladina fu Jane Fonda con le sue "mitiche" lezioni di aerobica in versione casalinga.

Pillole di benessere

Emorroidi, sfatiamo il tabù

Scritto il 24 ottobre 2014 da Welly

È una delle malattie più diffuse del mondo occidentale eppure della patologia emorroidiaria (volgarmente detta "emorroidi") se ne sa poco, perché ammantata di un'aura di vergogna. E invece bisogna parlarne e conoscerla. Oppure spiegarla, come facciamo qui.

Offerta del mese
Oscar Neo Estrattore di succo vivente Offerta del mese
L' Estrattore di Succo Vivente più resistente al mondo! Oscar Neo appartiene alla generazione degli ultimi e più moderni estrattori di succo a freddo.Vedi prodotto

Novità
Estrattore di succo Hippocrates Hippo Plus Novit del mese

La centrifuga Hippocrates ha una resa maggiore rispetto alle altre centrifughe e produce un succo di frutta e verdure che non contiene alcuna traccia di polpa; è un robot da cucina perfetto per la cucina sana, in particolare per quella crudista. Comprare una centrifuga è un investimento che non si fa tutti i giorni e Hippo Plus di Hippocrates è la migliore centrifuga in cui investire i tuoi soldi!
Vedi prodotto

Prenota la tua vacanza benessere!

Cerca

Nazione
Regione
Struttura
Data di arrivo
Data di partenza
Camere
Adulti
Bambini



copyright © 1999-2014 A.E.C. Advertising and Electronic Commerce srl - CONTATTI | PUBBLICITÀ | SHOPPING ON-LINE