Menu Salute
Sei in:   benessere.com / Salute / Disturbi / Ortopedici/muscoli / Artrosi - Manifestazioni

ARTROSI
Manifestazioni



Artrosi primaria o idiopatica

Localizzata:

  • Mani (noduli di Heberden e Bouchard, artrosi erosiva, artrosi trapezio metacarpale)
  • Piedi (alluce valgo, alluce rigido, dita a martello)
  • Ginocchio (compartimento laterale, mediale, femoro-rotuleo, condromalacia di rotula)
  • Anca
  • Colonna (apofisaria, intervertebrale o discale, spondilosi osteofitica…)
  • Altre sedi singole (spalla, temporo-mandibolare, caviglia)

Generalizzata:

  • Piccole articolazioni (periferiche) e colonna
  • Grandi articolazioni e colonna
  • Articolazioni miste e colonna

Artrosi secondaria

Post-traumatica:

  • Distorsioni - lussazioni - fratture

Da malattie congenite, acquisite o dello sviluppo localizzate:

Da malattie congenite, acquisite o dello sviluppo generalizzate:

  • Displasie ossee (displasia multipla epifisaria, displasia spondilo-epifisaria)
  • Sindromi da ipermobilità
  • Malattie metaboliche (obesità, diabete, gotta, emocromatosi,emoglobinopatie…)
  • Malattie endocrine (acromegalia, iperparatiroidismo)

Da depositi di sali di calcio:

  • Condrocalcinosi (pirofosfato di calcio, diidrato)
  • Idrossiapatite ed altri fosfati basici di calcio
  • Artropatia destruente (spalla , ginocchio…)

Da altre malattie osteoarticolari:

Pubblicità
Ogni condizione capace di alterare la normale biomeccanica articolare, da sola o con il concorso di altri fattori (ad esempio predisposizione genetica), può innescare un processo la cui tappa ultima consisterà in una artrosi.Displasia dell'anca, scoliosi, gotta, artrite reumatoide etc. sono solo alcune delle condizioni che possono comportare "disagio" meccanico, capace di concludersi con un quadro artrosico.

Obesità

L'associazione di obesità ed artrosi, specie a livello di alcuni livelli articolari, risulta ben documentata; si è rilevato in particolare una relazione tra artrosi di ginocchio, "gonartrosi", ed obesità. Da sottolineare altresì l'associazione tra obesità ed artrosi delle mani e di altri distretti non particolarmente sottoposti a carico, indicante una ripercussione sul processo artrosigeno del metabolismo e della distribuzione dell'adipe nell'obesità. Uno stato di sovrappeso nel terzo decennio di vita può ritenersi predittivo nei confronti della artrosi di ginocchio che si manifesterà assai più tardi, dopo 20-30 anni.

Prevalenza degli obesi negli artrosici

Il peso corporeo era del 10-30% sopra la norma nei due terzi degli obesi

Al di sotto dei 30 anni2,5%
31-40 anni11,2%
41-50 anni21,1%
51-60 anni51,0%
oltre 60 anni14,2
Calcola il tuo peso forma

Ipermobilità articolare o lassità legamentosa

Cinque volte più frequente nel sesso femminile, caratterizzata da un aumentata escursione articolare ( in particolar modo nell'estensione attiva e passiva ) è condizione preartrosica.Non esiste a tutt'oggi una spiegazione della ipermobilità ma si ipotizzano delle anomalie ereditarie del tessuto connettivo.

Displasie

Il termine indica un'alterazione della normale morfologia articolare che usualmente avviene già durante il periodo fetale. Se non viene riconosciuta e curata per tempo un articolazione displasica è destinata a sviluppare un'artrosi secondaria anche precocemente.

L' articolazione più frequentemente colpita è l'anca, con maggior incidenza del sesso femminile, e con varietà di quadro clinico che può arrivare attraverso vari stadi alla lussazione dell'anca.Sono anche da ricordare, causate da varie patologie dell'età dell'accrescimento, le alterazioni del fisiologico asse tra la testa del femore ed il collo femore che possono causare sia la "coxa var a" che la "coxa valga " il cui risultato sarà un'artrosi d'anca da giovane adulto.

Osteocondrosi

Indica un alterazione della normale formazione di osso, "osteogenesi ", e di cartilagine, "condrogenesi ", su un processo di accrescimento normale. Colpisce entrambi i sessi, predilige lo scheletro in accrescimento e riconosce come causa una sofferenza vascolare, simile alla necrosi asettica dell'adulto.Quando interessa le superfici articolari o le cartilagini d'accrescimento, ovvero le aree dello scheletro deputate all' allungamento dell'osso durante la crescita, provoca delle deformità che possono condurre ad artrosi secondaria precoce.

Osteocondrosi della testa femorale (malattia di Legg-Perthes-Calvè)

Colpisce tra i 4 e 8 anni, con maggior frequenza i maschi, interessando solo un arto. La regione interessata è l'epifisi prossimale di femore; la causa sembra essere un deficit vascolare. La sintomatologia, qualora si manifesti, consiste in dolore all' anca interessata e zoppia. Se riconosciuta e trattata per tempo guarisce lasciando postumi irrilevanti , in caso contrario permangono deformità sia della testa che del collo femorale con aumentato rischio di sviluppare un'artrosi d'anca per lo squilibrio meccanico.

Osteocondrosi del condilo femorale (malattia di Konig)

Colpisce più frequentemente i condili femorali mediali (articolazione del ginocchio), il sesso maschile in età adolescenziale, riconosce un carattere familiare. La sintomatologia è costituita da dolore, versamento articolare e compare spesso dopo un trauma al ginocchio. Se non riconosciuta a correttamente trattata può ledere seriamente l'articolazione del ginocchio provocando una degenerazione precoce.

Osteocondrosi vertebrale giovanile (malattia di Scheuermann)

E' un affezione non rara, più frequente nel sesso maschile, insorge tra i 10 ed i 16 anni in individui di aspetto longilineo. Colpisce i corpi vertebrali dorsali deformandoli a cuneo; la schiena tenderà quindi ad accentuare la fisiologica curvatura dorsale, "cifosi ". La deformità sembrerebbe causata da un eccessivo carico sulle vertebre in relazione alla qualità della matrice ossea in accrescimento. Completato l' accrescimento una colonna siffatta sarà una colonna rigida e con zone di sovraccarico legate all'alterata statica e conseguenti aree di degenerazione articolare con dolore.ù

Tibia vara (malattia di Blount)

E' un disturbo della crescita della porzione mediale della cartilagine d'accrescimento dell' episi prossimale di tibia (parte tibiale dell'articolazione del ginocchio). Può colpire nei primi anni di vita, forma infantile, o più avanti nell'adolescenza.La prima forma, più frequente, interessa nel 60% dei casi entrambe le articolazioni e consiste nell'accentuazione della fisiologica curvatura della tibia. La deformità sembra favorita dal carico precoce, dall'obesità e dalla lassità legamentosa che creerebbero un'abnorme pressione sul comparto mediale della cartilagine d'accrescimento.Il quadro nell'adolescente è per il 90% monolaterale, senza causa apparente.Il difetto, sia che insorga in età infantile che in quella più avanzata, se non riconosciuto e corretto altera la statica della tibia esponendo l'articolazione del ginocchio ad un precoce instaurarsi di un processo artrosico.

Osteonecrosi Asettica

Il termine indica la morte dei costituenti cellulari del midollo osseo e dell'osso maturo, quindi dell'adulto, in conseguenza di eventi ischemici, ovvero di diminuito o cessato flusso sanguigno all'osso.Le osteonecrosi asettiche si distinguono in idiopatiche o primitive e secondari e.Le prime non riconoscono cause precise mentre le seconde sono dette iatrogene , in seguito a particolari terapie quali la terapia radiante o con cortisonici ad alto dosaggio, post-traumatiche in seguito a lesioni vascolari per traumi, da embolie per barotraumi (attività subacquee) o per alterazioni delle componenti ematiche, da alterazioni metaboliche come l'alcolismo, la gotta ecc., da vasculiti ovvero infiammazione delle pareti vascolari.Tra i distretti più colpiti e che maggiormente possono poi sviluppare un artrosi ricordiamo la coxo- femorale (articolazione dell'anca), il ginocchio, la testa omerale (articolazione della spalla) e l'astragalo (articolazione della caviglia).Il risultato del processo osteonecrotico è una deformità dell'osso colpito, che a volte si frammenta, con incongruità articolare a cui consegue un'usura delle superfici articolari e l'instaurarsi di un processo artrosico.

Artrosi cervicale

L'aumento dell'età media della popolazione, l'incremento dell'uso dell'automobile e della patologia da traffico, le occupazioni sedentarie con posizioni del capo obbligate, espongono le superfici articolari delle vertebre cervicali al rischio di degenerazione artrosica che talora si manifesta con sintomatologia polimorfa.Infatti, accanto a quadri di semplice dolenzia nucale, pur in presenza di radiogrammi che evidenziano artrosi di grado elevato, si rilevano sintomatologie molto complesse e debilitanti quali cefalea e dolore nucale,vertigini, limitazione funzionale del collo su tutti i piani, disturbi sensitivi ad uno od entrambi gli arti superiori.La spiegazione di tale sintomatologia, una volta che un accurato esame medico e degli esami approfonditi abbiano escluso altre patologie concomitanti, risiede nella particolare struttura anatomica funzionale del rachide cervicale: questo sorregge il capo, ne consente i movimenti nello spazio, accoglie e protegge il midollo spinale permettendo l'emergere dallo scheletro delle radici nervose che consentono il movimento del collo, degli arti superiori e delle spalle e forniscono a questi la sensibilità. Il processo artrosico in tal caso non solo limita l'attività articolare ma per "contiguità" irrita le radici nervose che sono a contatto con gli spazi articolari provocando una sintomatologia nevritica assai dolorosa.

Artrosi della mano

In realtà la mano per la sua complessità articolare può venire colpita da un processo artrosico a differenti livelli; come si vede dalla figura l'artrosi può interessare l'articolazione metacarpo falangea, le articolazioni interfalangee sia prossimali che distali e la trapezio metacarpale (rizartrosi).

Le artrosi metacarpo-falangee colpiscono per lo più i maschi forti lavoratori manuali (carpentieri, contadini, giardinieri, muratori che utilizzino martelli pneumatici) talune attività sportive (pugilato) e frequentemente i pianisti. L'articolazione si presenta deforme scarsamente dolorabile.L'artrosi delle interfalangee colpisce più frequentemente le distali, il sesso femminile e sembra prediligere chi è dedito a lavori domestici con frequente contatto con l'acqua. Nella fase conclamata della malattia si avrà limitazione funzionale delle dita soprattutto nei movimenti fini, per l'atteggiamento in flessione e la tumefazione nodosa che deforma l'articolazione.

La artrosi trapezio-metacarpale o rizartrosi predilige il sesso femminile, compare tra i 50 ed i 60 anni, colpisce più frequentemente un lato. La deformità che provoca a livello articolare è assai dolorosa, tanto da impedire il riposo notturno, invalidante poiché impedendo la normale funzione del pollice sia nella presa grossolana che nei movimenti fini, quali il disegno ricamo ecc., influisce gravemente sulla qualità della vita di chi ne è affetto.

Artrosi dell'anca (Coxartrosi)

L'artrosi dell'anca per la gran parte dei casi è secondaria ad altre patologie che costituiscono, come si è brevemente illustrato prima, dei fattori favorenti l'insorgere della malattia. Colpisce più frequentemente le donne sopra i 50 anni.Caratterizzata da un dolore sordo in regione inguinale e/o glutea, che si aggrava con la stazione eretta prolungata o con lo sforzo, via via che la degenerazione articolare procede tende ad estendersi venendo riferito anche alla coscia ed al ginocchio.La limitazione articolare che si accompagna tenderà a ridurre l'arco di movimento dell'anca in tutti i suoi piani rendendo difficoltose attività banali quali alzarsi da seggiole basse, infilarsi calze e scarpe, entrare nella vasca da bagno. Ovviamente anche la deambulazione non sarà più fisiologica, soprattutto sui terreni accidentati ed in salita, obbligando a "scaricare" l'appoggio sull'anca malata mediante inclinazione del bacino e sovraccarico della regione lombare.

Artrosi di ginocchio (Gonartrosi)

La localizzazione al ginocchio è la più frequente ed una delle più disabilitanti; maggiormente colpito il sesso femminile. Sicuramente vi è un nesso tra sovrappeso, lassità legamentosa, difetti assiali (ginocchio varo o valgo), sedentarietà ed artrosi di ginocchio.Il dolore è il campanello d'allarme principale. Assente a riposo compare con la stazione eretta o deambulando; peggiora decisamente deambulando su fondi sconnessi od in salita. Altro segnale è "l'incertezza" accusata ginocchio subito dopo essersi alzati dalla posizione seduta così come lo "sbandamento" mostrato nei primi passi dopo una prolungata posizione seduta.Il dolore dopo sforzo, anche banale, così come la consapevolezza che il riposo evita il dolore induce l'artrosico alla sedentarietà che non favorisce il recupero articolare.Con l'andare del tempo l'articolazione diviene sempre più limitata nel movimento impedendo attività quotidiane, quali scendere e salire le scale o chinarsi sulle ginocchia, rendendo scadente la qualità di vita.

Pagina precedente Sei qui Pagina successiva
Inizio articolo Pagina 2/3 Pagina 3/3
Artrosi: Descrizione generale Artrosi - Manifestazioni Artrosi: Prevenzione e Terapia

Benessere TV

Benessere Tv ti porta nel mondo della salute, della dietetica, dell'alimentazione sana, della bellezza, della psicologia e del fitness. Grazie alle rubriche con gli esperti del settore e alle video interviste con professionisti di alto livello, sarete sempre informati sulle novità di benessere a 360°.
Ultimo video pubblicato

SLA, una malattia degenerativa di cui si conosce ancora poco

L’Ice Bucket Challenge, la sfida delle docce gelate, è diventata un fenomeno virale, una vera moda che, però, ha avuto il merito di porre all’attenzione dell’opinione pubblica il problema della carenza di fondi per la ricerca medica per la lotta alla SLA....

Ultimi post dal blog

Allegria e benessere

Un clown italiano tra i bambini di Gaza

Scritto il 16 settembre 2014 da Alberto&Alberto

Il clown italiano Marco Rodari, conosciuto come Il Pimpa, si è recato a Gaza City per un progetto di volontariato legato ai bambini. Per poi decidere di restarvi ben oltre il previsto

Pillole di benessere

La SLA tra ricerca e carenze

Scritto il 19 settembre 2014 da Welly

Domenica 21 è la Giornata Nazionale della Sclerosi Laterale Amiotrofica. L'Italia è uno dei paesi che contribuisce maggiormente alla ricerca di nuove terapie ma resta il problema dell'assistenza domiciliare ai pazienti.

Offerta del mese
Oscar Neo Estrattore di succo vivente Offerta del mese
L' Estrattore di Succo Vivente più resistente al mondo! Oscar Neo appartiene alla generazione degli ultimi e più moderni estrattori di succo a freddo.Vedi prodotto

Novità
Estrattore di succo Hippocrates Hippo Plus Novit del mese

La centrifuga Hippocrates ha una resa maggiore rispetto alle altre centrifughe e produce un succo di frutta e verdure che non contiene alcuna traccia di polpa; è un robot da cucina perfetto per la cucina sana, in particolare per quella crudista. Comprare una centrifuga è un investimento che non si fa tutti i giorni e Hippo Plus di Hippocrates è la migliore centrifuga in cui investire i tuoi soldi!
Vedi prodotto

Prenota la tua vacanza benessere!

Cerca

Nazione
Regione
Struttura
Data di arrivo
Data di partenza
Camere
Adulti
Bambini



copyright © 1999-2014 A.E.C. Advertising and Electronic Commerce srl - CONTATTI | PUBBLICITÀ | SHOPPING ON-LINE