Menu Salute

LA BRUCELLOSI

A cura di Alessandra Mallarino

La brucellosi, detta anche aborto epizotico o anche malattia di Bang (nei bovini) o ancora febbre mediterranea, è una zoonosi, ovvero una malattia che può colpire gli animali, il cui decorso è normalmente di tipo cronico con una sintomatologia normalmente a carico sopratutto degli organi genitali, con diversi effetti tra cui aborto, metriti, orchiti ecc.
È causata da un gruppo di batteri (brucelle) ed è trasmissibile all'uomo; nell’essere umano il decorso è acuto con una tipica febbre intermittente.

Storia
La brucellosi prende il nome dallo studioso David Bruce, un medico australiano che nel 1887 condusse degli studi su diverse malattie infettive nell'isola di Malta scoprendo il germe al quale diede il nome di “Brucella melitensis”. Nel 1897 Bernhard Lauritz Frederik Bang, uno studioso di medicina veterinaria che stava studiando l'aborto infettivo delle vacche, riuscì a isolare il germe (l'agente causale dell'infezione). Nel 1918 Alice Evans, una batteriologa americana, studiò le analogie morfologiche, culturali, sierologiche di questi germi.

Diffusione geografica e ricaduta economica
La brucellosi è una malattia a diffusione mondiale, ciò che ha portato molti Paesi a creare degli istituti speciali con il solo compito di studiare questa infezione.
Si tratta di una zoonosi presente soprattutto nei Paesi del Mediterraneo, nell’Asia Centrale, in America Latina, in India e nei Paesi mediorientali.
È una malattia che essendo largamente diffusa incide molto negativamente dal punto di vista economico, soprattutto in quelle aree in cui l’economia stessa è improntata sull’allevamento o alla pastorizia, dove appunto gli animali possono essere potenzialmente colpiti e soggetti ad ammalarsi.

Pubblicità
Eziologia
I batteri responsabili della brucellosi sono gram negativi e appartengono al genere Brucella, ne esistono di sei specie: B. melitensis, B. aboutus, B.suis, B. canis, B. ovis, B. neotomae. I primi quattro possono contagiare anche l’uomo.

Caratteristiche generali
Le brucelle, dal punto di vista morfologico, sono dei cocchi bacillari, asporigine e immobili, gram negativi. Producono solamente delle endotossine. Hanno inoltre un’esigenza di CO2 e sono molto resistenti, al punto di rimanere in ambiente esterno vive e virulente per molto tempo, arrivando alla putrefazione anche a quattro mesi.
Il sole può rappresentare un nemico, poiché la sua luce può ucciderli in brevissimo tempo. Tra gli animali domestici i più soggetti e sensibili all’infezione sono: pecore, capre, maiali e bovini in generale. Più i soggetti sono giovani, maggiore è la loro recettività.
L’azione patogena non cambia sull’animale e sull’uomo: entrambi dimostrano la stessa recettività e risposta patogena; il tipo abortus è uno dei più pericolosi, sia per l’uomo sia per i bovini, il tipo melitentis è il meno pericoloso.
Quest’ultima tipologia è quella più diffusa nel nostro Paese, soprattutto nell’Italia meridionale e nelle Isole, e colpisce le capre, i bovini e gli ovini. Nell’Italia del Nord prevale invece il tipo abortus che colpisce sicuramente di più i bovini.

Contagio e trasmissione
Le brucelle si annidano nel liquido amniotico e nei liquidi fetali in generale, quindi il momento dell’aborto è quello più a rischio per un’eventuale e ipotetica trasmissione.
L’eliminazione dei germi persiste anche dopo l’aborto attraverso la vagina, per qualche giorno. Altre vie di eliminazione e dunque di contagio sono rappresentate dalle urine e dal latte, ove i germi mantengono la loro virulenza anche fino a cinque mesi.
La moltiplicazione delle brucelle non avviene mai fuori dall’animale, anche perché le condizioni atmosferiche non lo permetterebbero, anche se nell’ambiente per un certo periodo di tempo riescono a sopravvivere.
L’infezione avviene quando si ha un contatto diretto con l’animale portatore della brucella, quindi tra un soggetto sano e uno malato, oppure anche attraverso il contatto con mangimi, acqua del letame, pascoli contaminati, insetti quali ad esempio mosche, tafani e tutti gli ematofogi in generale.
L’uomo può entrare in contatto con la malattia attraverso il contatto diretto con animali infetti, oppure anche attraverso il cibo o delle bevande contaminate, piccoli tagli o ferite anche superficiali sulla pelle (via di penetrazione purtroppo facile per l’entrata di molti batteri nell’organismo umano).
Tra gli alimenti il latte, quello crudo e non trattato termicamente (pastorizzazione), può rappresentare un pericolo nel caso in cui l’animale sia infetto, a tal proposito è bene sempre farlo bollire prima del suo consumo diretto, soprattutto se si decide di somministrarlo a bambini e anziani i quali hanno minore difese immunitarie.
C’è comunque sempre da considerare che nelle aziende in cui si produce e si commercializza il latte, anche quello inserito nel canale dei distributori per la somministrazione diretta al pubblico, i controlli veterinari sono molto rigidi e attenti.
Un’altra via di contagio è anche quella inalatoria, ad esempio ne sono esposti tutti coloro che lavorano all’interno dei laboratori in cui si coltivano i suddetti batteri.
La pelle è invece una via di contagio soprattutto per chi lavora nei macelli ed è a rischio di ferite.
Anche il cane può rappresentare una fonte di contagio, anche se statisticamente i dati al riguardo sono molto scarsi e un eventuale infezione di un cane può essere facilmente e velocemente curata.
Ancora più remota la possibilità di contagio tra esseri umani, attuabile solo attraverso l’allattamento.

Patogenesi
Le brucelle raggiungono i linfonodi, da qui poi passano nel sangue ove restano a lungo, non causando nessun disturbo particolarmente evidente.
Quando la brucella raggiunge l’uomo i germi determinano la tipica febbre intermittente. A livello uterino, invece, le brucelle colpiscono subito gli epiteli di rivestimento della mucosa, i villi placentari e il corion. Ma anche le mammelle nelle femmine e dai genitali nei maschi, reni, ghiandole surrenali, milza.
Tutti questi vanno progressivamente in necrosi degenerando, poiché a quello livello la brucella riesce a proliferare.
I germi sono eliminati dall'utero dopo 2-3 settimane dall'aborto.
Il periodo d’incubazione è variabile a partire dalle 6 settimane fino ai 6 mesi.

Pubblicità
Sintomatologia
La sintomatologia della brucellosi è rappresentata nelle femmine dall’aborto, dalla ritenzione della placenta ecc. Le manifestazioni più blande sono assimilabili ad un quadro di tipo influenzale con febbre, mal di schiena, male alla testa. I livelli più gravi caratterizzano nel soggetto debolezza, gravi infezioni generalizzate, febbri ricorrenti, dolori alle articolazioni.

Terapia e diagnosi
A livello terapico, al cospetto della brucellosi, i medici normalmente prescrivono degli antibiotici (doxiciclina e rifampin) usati insieme per almeno un mese e mezzo; se la situazione e il quadro generico si evidenzia molto grave allora è necessario il ricovero in ospedale.
La percentuale di rischio è bassa, aggirandosi intorno al 2%.
La diagnosi si effettua tramite le classiche prove sierologiche.

Bibliografia
Pignatelli p., Medicina veterinaria non convenzionale. Un libro prezioso per valutarne l'efficacia,  Edagricole, 2007
Di Aichelburg U., Igiene e Medicina Sociale, SEI Società Editrice Internazionale, 1987
Mandell G., Bennett J., Dolin R., Principles and practice of infectious diseases. 6th ed. Elsevier Churchill Livingstone, 2005.

Benessere TV

Benessere Tv ti porta nel mondo della salute, della dietetica, dell'alimentazione sana, della bellezza, della psicologia e del fitness. Grazie alle rubriche con gli esperti del settore e alle video interviste con professionisti di alto livello, sarete sempre informati sulle novità di benessere a 360°.
Ultimo video pubblicato

Le malattie oculari nell'anziano: riconoscere e curare glaucoma, retinopatia, degenerazione maculare

La cataratta è la malattia oculare più conosciuta nell'anziano, ma ci sono altre patologie che, se non riconosciute e curate in tempo, possono portare alla cecità. Glaucoma e retinopatia diabetica, per esempio, possono essere trattate a seguito di una tempestiva diagnosi fatta...

Ultimi post dal blog

Allegria e benessere

Chiedi cos'era il flipper

Scritto il 31 luglio 2018 da Alberto&Alberto

Slot machine e videogiochi hanno soppiantato nei locali pubblici i meno redditizi ma decisamente più divertenti (seppur più rumorosi) flipper. Che celebriamo qui.

Pillole di benessere

I bambini italiani tra i più obesi

Scritto il 28 luglio 2018 da Welly

Uno studio della Commissione Europea fa il punto sull’obesità infantile nel Vecchio Continente. E rivela come l’Italia sia tra i Paesi con la maggiore presenza, in percentuale, di bambini obesi o in sovrappeso.

Offerta del mese
Biochef Axis Cold!Il Meglio a Poco Prezzo!
Offerta del mese

 

BioChef Axis è il primo estrattore di succo orizzontale della marca australiana BioChef. La filosofia di questa casa produttrice consiste nell'offrire la più alta qualità al miglior prezzo.Robot da cucina: fa pasta (spaghetti e noodles), baguette, sorbetti, gelati, omogeneizzati, salse, latte vegetale, burro di frutta secca e molto altro!BioChef Axis Cold Press Juicer è un eccellente estrattore lento, masticatore orizzontale e robot da cucina.Tutte le parti mobili sono fatte in Tritan!

 

Vedi prodotto

Novità
Bio-mex Formato Maxii!!850g incluse 2 spugne speciali rettangolari
Novit del mese

 

Bio-mex .. Grazie ai suoi componenti naturali, biologici e degradabili e’ un aiuto indispensabile per la pulizia della casa e per la gastronomia, scioglie il calcare e il grasso dalle superfici.Ideale per la pulizia e la cura di: acciaio, alluminio, argento, oro, rame, ottone, smalto, stagno, vetro, plastica liscia, legno laccato, ceramica, piastrelle, wc, lavandini, vasche da bagno, lavelli, piani di cottura, pentole, scarpe da ginnastica!
Inoltre e’ anche economico perche' puo' essere un buon sostituto a molti detersivi!
Vedi prodotto

Prenota la tua vacanza benessere!

Cerca

http://www.benessere.com/aec/privacy.htm


copyright © 1999-2019 Vertical Booking S.r.l. - CONTATTI | PUBBLICITÀ | SHOPPING ON-LINE | COOKIE POLICY | PRIVACY

Vertical Booking S.r.l. - Piazza Pontida, 7, 24122 Bergamo (Italia)
CF/P.IVA 02657150161 | REA: BG-312569 | Capitale sociale 100000 € interamente versato