Menu Salute
Sei in:   benessere.com / Salute / Disturbi / App. respiratorio / Insuff. respirat.

L’INSUFFICIENZA RESPIRATORIA

A cura di Dott. Fabio Raja

Una candela accesa, messa dentro un bicchiere rovesciato, si spenge spontaneamente dopo pochi istanti. La cera, bruciando l’ossigeno dell’aria, produce energia sotto forma di luce e calore e, quando tutto l’ossigeno contenuto nel bicchiere è stato consumato, la combustione non può più continuare e la fiamma si estingue.
La combustione è un processo che i chimici chiamano, anche, ossidazione proprio per mettere in evidenza la necessità dell’ossigeno. I processi ossidativi sono molto importanti nella vita d’ogni giorno. L’auto si muove perché incendia la benzina, il camino produce calore bruciando legna e i fornelli della cucina, il gas: in tutti i casi, la presenza dell’ossigeno è indispensabile.
Ci si potrebbe chiedere, a questo punto, che fine fanno l’ossigeno ed i combustibili presi in considerazione: la cera, la benzina, la legna ed il gas.
I chimici hanno scoperto che nella combustione, ossigeno e combustibile, combinandosi, si trasformano in acqua ed anidride carbonica (CO2), che è un gas. In altre parole, nella combustione l’ossigeno ed il combustibile danno origine da un lato all’energia, luce o calore o movimento, e dall’altro ad acqua e anidride carbonica. Per questo, il camino deve avere un buon tiraggio, per assicurare un continuo apporto d’ossigeno e allontanare velocemente l’anidride carbonica. Per questo, i tecnici esigono che nelle cucine con il gas ci siano adeguate prese d’aria.
Nel motore dell’auto l’ossigeno è preso dall’esterno e l’anidride carbonica è mandata via attraverso il tubo di scappamento. Lo stesso avviene nelle cellule del nostro organismo dove l’energia indispensabile alla vita è ottenuta bruciando gli zuccheri in presenza d’ossigeno. Il sangue rifornisce costantemente le cellule d’ossigeno e, sempre per mezzo del sangue, l’anidride carbonica è allontanata velocemente. Solo un continuo e costante apporto d’ossigeno fresco e un ininterrotto e valido allontanamento della CO2 garantiscono, perciò, una buona combustione e la vita stessa.
Il sangue, poi, quando giunge nei polmoni, scarica l’anidride carbonica accumulata, che viene eliminata svuotando i polmoni, e si carica d’ossigeno fresco, quando vengono riempiti di aria.
Questi sono gli scopi della respirazione polmonare: eliminare all’esterno la CO2 prodotta dalle cellule e rifornire l’organismo d’ossigeno fresco.

Con un semplice esame si può dosare la quantità d’ossigeno e anidride carbonica presenti nel sangue.

Se la quantità d’ossigeno diminuisce i medici parlano d’ipossiemia, mentre se la quantità d’anidride carbonica aumenta in modo anomalo, i medici parlano di ipercapnia. La contemporanea presenza di queste due situazioni caratterizza l'insufficienza respiratoria.

Le conseguenze sono note: da una parte meno ossigeno nel sangue significa meno ossigeno per le cellule e, perciò, cattiva combustione degli zuccheri e poca energia a disposizione dell’organismo. Il paziente si sentirà stanco e ogni minimo movimento diventa uno sforzo insostenibile ed, in condizione estreme, ci saranno danni gravi e persino la morte delle cellule. D’altra parte l’accumulo della CO2 nel sangue produce un avvelenamento perché questo gas è tossico per il sistema nervoso e, inoltre, combinandosi con l’acqua dell’organismo, produce un acido, l’acido carbonico, che fa aumentare l’acidità del sangue. Oltre certi livelli d’acidità, la vita è impossibile e le cellule muoiono.
Se le conseguenze dell’insufficienza respiratoria sono sempre le stesse (poco ossigeno e troppa CO2 nel sangue), le cause che portano a questa situazione sono moltissime.
In primo luogo i medici differenziano un’insufficienza respiratoria che insorge improvvisamente, in modo acuto, e che può risolversi altrettanto rapidamente con la guarigione completa o con conseguenze fatali, da quella cronica che insorge pian piano, nel corso d’anni, con disturbi dapprima lievi, poi man mano sempre più gravi e invalidanti e che porta a danni irreversibili.

Un’altra distinzione che fanno i medici riguarda, invece, il modo con cui l’insufficienza respiratoria s’instaura.
Quando un corpo estraneo è accidentalmente inalato, può ostruire i canali che portano l’aria ai polmoni e causa, perciò, un’insufficienza di tipo ostruttivo. Questo può capitare per esempio se un boccone è accidentalmente spinto nella trachea, o com’è accaduto in bambini con piccoli oggetti o parti di giocattoli o, ancora, in persone anziane e poco vigili che inspirano, senza accorgersene, parti di protesi dentarie. In altri casi, invece, le vie respiratorie sono libere, ma i polmoni non riescono a muoversi come dovrebbero.
Il polmone è come un mantice: quando si dilata l’aria vi penetra, mentre quando si restringe, l’aria esce. Un mantice che non riesce a dilatarsi e restringersi come si deve, indubbiamente non funziona bene.

Pubblicità
Molti ricorderanno la disgraziata finale di Coppa Campioni allo stadio Belga di Heysel nel 1985 tra Juventus e Liverpool. In quel caso, molti spettatori persero la vita a causa della calca che impedì loro di espandere il torace come normalmente avviene, quando si respira. La morte, per molti sfortunati, intervenne perciò per insufficienza respiratoria acuta di tipo restrittivo, in assenza, in pratica d’ostruzioni dei canali del respiro.

I succitati esempi si riferiscono a due tipi d’insufficienza respiratoria acuta che possono risolversi senza gravi danni o, come talvolta accade, con la morte nel giro di pochi secondi. Sono casi, fortunatamente, molto rari. La maggioranza dei casi interessa, invece, malati che sviluppano un’insufficienza respiratoria nel corso di anni. La maggior parte di questi presenta una situazione che i medici chiamano BPCO.

BPCO è una sigla che significa Bronco pneumopatia cronica ostruttiva e che chiarisce subito che l’insufficienza respiratoria nasce sia da un’ostruzione cronica, in altre parole durevole nel tempo, dei bronchi sia da un’alterazione polmonare. La bronchite cronica e l’enfisema polmonare sono le cause più frequenti.

Ci sono persone, per lo più forti fumatori, che presentano uno stato infiammatorio cronico dei bronchi. Queste persone hanno costantemente, o frequentemente, tosse con continua produzione e espulsione di catarro. Si tratta di situazioni apparentemente banali, che sono sottovalutate dal paziente che finisce per abituarsi a questo stato di cose e lo considera “normale”.
Inoltre, poiché queste situazioni si protraggono per anni, chi ne è affetto, è in un certo qual modo rassicurato e pensa che non ne patirà importanti conseguenze. Proprio il protrarsi nel tempo di queste situazione conduce invece, giorno dopo giorno, a danni dei bronchi e dei polmoni che, alla fine, risulteranno gravissimi e quel che più conta, irrimediabili.
La tosse e l’infiammazione continua, infatti, finiscono per rovinare i tessuti di cui è fatto il polmone. Questi tessuti sono naturalmente elastici e consentono al mantice polmonare di dilatarsi e restringersi. Tosse e infiammazione cronica sfiancano questi tessuti che perdono la loro elasticità ed il polmone diventa come un mantice sempre dilatato che riesce a restringersi solo di pochissimo.
È chiaro che in queste condizioni il ricambio d’aria all’interno del polmone è minimo: minimo sarà l’ingresso di ossigeno fresco nei polmoni e minima l’espulsione della CO2.
In conclusione, nella BPCO c’è un’ostruzione dei bronchi per l’infiammazione cronica e, al tempo stesso, una riduzione dell’elasticità dei polmoni con minore efficienza del mantice polmonare.
Questi pazienti, da anni abituati ad una tosse cronica cominciano, pian piano, ad avere affanno, ossia fiato corto, dapprima durante sforzi relativamente modesti, come salire le scale o camminare svelti, poi per piccolissimi sforzi ed infine anche quando sono a completo riposo. Contemporaneamente si manifestano altri segni dell’insufficienza respiratoria come la cianosi, un caratteristico colorito bluastro della pelle, conseguente a ridotta ossigenazione del sangue, ben visibile a livello dei lobi degli orecchi e labbra ed un particolare aspetto delle unghie delle mani che i medici chiamano “a vetrino d’orologio” proprio perché, per la loro forma, lo ricordano.

L’ipossia, cioè la carenza d’ossigeno nel sangue, causa agitazione, confusione, delirio, svenimento, ipotensione, battiti cardiaci accelerati, mentre l’ipercapnia mal di testa, vertigini, confusione, svenimenti, sussulti muscolari, pupille piccole, ipertensione arteriosa, sudorazione.
Sarà, però, la misurazione nel sangue della quantità d’ossigeno e anidride carbonica, che consentirà di fare, con certezza, diagnosi di insufficienza respiratoria.
La raccolta della storia del malato, una visita accurata e alcuni test, tra i quali la spirometria che valuta l’efficienza del mantice polmonare, chiariranno come e perché il danno si è prodotto e quale la sua gravità.
La migliore cura dell’insufficienza respiratoria cronica è, evidentemente, la prevenzione di quelle malattie dei polmoni e dei bronchi che la causano.
Astensione dal fumo di sigaretta, cura di ogni episodio di bronchite, allontanamento di polveri e sostanze tossiche dai luoghi di lavoro, sono misure che possono prevenire o arrestare l’evoluzione dell’insufficienza respiratoria.
Quando l’insufficienza respiratoria si è ormai stabilita è necessario dare farmaci per cercare di impedire un peggioramento della situazione polmonare e ridurre l’ostruzione dei bronchi.
La riabilitazione respiratoria migliora la tolleranza allo sforzo e l’affanno; una corretta alimentazione contribuisce a migliorare la qualità della vita soprattutto nei pazienti con condizioni generali scadenti. La somministrazione continua di piccole quantità d’ossigeno per più di 15 ore il giorno è uno dei principali trattamenti nei pazienti con BPCO ed è l’unico trattamento capace di prolungare la vita dei pazienti con insufficienza respiratoria.

Benessere TV

Benessere Tv ti porta nel mondo della salute, della dietetica, dell'alimentazione sana, della bellezza, della psicologia e del fitness. Grazie alle rubriche con gli esperti del settore e alle video interviste con professionisti di alto livello, sarete sempre informati sulle novità di benessere a 360°.
Ultimo video pubblicato

I Bio-occhiali: l’allenamento della vista per recuperare diottrie

Si presentano come normali occhiali, ma al posto delle lenti, hanno una struttura composta da fori tronco-conici allineati in modo da ricoprire tutta la superficie. Sono la nuova frontiera degli occhiali stenopeici, pensati per allenare il nervo ottico e stimolare la vista, tanto da renderli dei...

Ultimi post dal blog

Allegria e benessere

Disco music, allegria in pista

Scritto il 22 August 2017 da Alberto&Alberto

Non solo “Febbre del sabato sera”: la disco music vanta un catalogo di classici che sfidano mode e generazioni. A che a oltre quarant’anni dalla loro uscita spopolano ancora allegramente alla radio e nelle discoteche di tutto il mondo. E oggi molti artisti tra i più noti del periodo, si sono riaffacciati sulla scena

Pillole di benessere

La dieta sotto l’ombrellone

Scritto il 18 August 2017 da Welly

I consigli di una nutrizionista su cosa è meglio mangiare in estate per non rischiare di tornare con qualche chilo in più al termine delle vacanze.

Offerta del mese
Biochef Axis Cold!Il Meglio a Poco Prezzo!
Offerta del mese

BioChef Axis è il primo estrattore di succo orizzontale della marca australiana BioChef. La filosofia di questa casa produttrice consiste nell'offrire la più alta qualità al miglior prezzo.Robot da cucina: fa pasta (spaghetti e noodles), baguette, sorbetti, gelati, omogeneizzati, salse, latte vegetale, burro di frutta secca e molto altro!BioChef Axis Cold Press Juicer è un eccellente estrattore lento, masticatore orizzontale e robot da cucina.Tutte le parti mobili sono fatte in Tritan!

Vedi prodotto

Novità
Bio-mex Formato Maxii!!850g incluse 2 spugne speciali rettangolari
Novit del mese

Bio-mex .. Grazie ai suoi componenti naturali, biologici e degradabili e’ un aiuto indispensabile per la pulizia della casa e per la gastronomia, scioglie il calcare e il grasso dalle superfici.Ideale per la pulizia e la cura di: acciaio, alluminio, argento, oro, rame, ottone, smalto, stagno, vetro, plastica liscia, legno laccato, ceramica, piastrelle, wc, lavandini, vasche da bagno, lavelli, piani di cottura, pentole, scarpe da ginnastica!
Inoltre e’ anche economico perche' puo' essere un buon sostituto a molti detersivi!
Vedi prodotto

Prenota la tua vacanza benessere!

Cerca

http://www.benessere.com/aec/privacy.htm


copyright © 1999-2017 A.E.C. Advertising and Electronic Commerce srl - CONTATTI | PUBBLICITÀ | SHOPPING ON-LINE | COOKIE POLICY | PRIVACY

A.E.C. Advertising and Electronic Commerce srl - Piazza Pontida, 7, 24122 Bergamo (Italia)
CF/P.IVA 02657150161 | REA: BG-312569 | Capitale sociale 100000 € interamente versato

Società con unico socio, soggetta all’attività di direzione e coordinamento di GUADAFIN s.r.l.