Menu Salute

LA MILIARIA

A cura di Maura Peripoli

Chiamata anche “sudamina”, la miliaria è rappresentata da un’eruzione cutanea in forma di leggero gonfiore e la presenza, spesso, di piccole vesciche. Il disturbo insorge generalmente per l’eccessiva sudorazione e i suoi sintomi sono riscontrabili soprattutto nei bambini (maggiormente in quelli con la pelle chiara). La miliaria è in larga misura presente nelle regioni caldo-umide, ma anche in climi più freddi.
In presenza della miliaria la pelle si ricopre di piccoli edemi che vanno ad ostruire i dotti delle ghiandole sudoripare; quando il sudore quindi raggiunge la superficie cutanea, “ristagna” in quella zona, provocando irritazioni (spesso anche “importanti”) e prurito. La gravità o meno delle lesioni è strettamente proporzionata alla profondità dell’ostruzione.
Esistono tre tipologie di questo disturbo:
1) miliaria cristallina in cui l’ostruzione dei dotti è localizzata a livello più superficiale ed è possibile osservare piccole lesioni puntiformi, senza evidenti fenomeni infiammatori;
2) miliaria rubra in cui l’infiammazione raggiunge gli strati più profondi e le lesioni hanno il “caratteristico” colore rossastro;
3) miliaria profonda, la forma più grave che si manifesta con grosse vesciche dolenti, specialmente nelle zone dove la pelle “si piega” (avambraccio).

Gli uomini a differenza delle donne, sono quelli che sudano di più e ciò dipende dalle diverse caratteristiche fisiche e dal metabolismo. Benché le donne posseggano una maggiore quantità di ghiandole sudorifere, infatti, la loro pelle è irrorata dal sangue in modo consistente ed esse quindi riescono a “smaltire” il calore in eccesso anche attraverso il flusso sanguigno.

Le cause
Nella maggior parte dei casi, un individuo suda per “regolare” la sua temperatura e quando suda in maniera eccessiva ostruendo i pori e impedendo al sudore di fuoriuscire, si sviluppa il fenomeno chiamato “sudamina” o “miliaria”. I bambini e i neonati risentono maggiormente di questo disturbo perché hanno i pori della pelle più piccoli rispetto a quelli degli adulti. Il clima caldo sicuramente incide molto nella sua insorgenza, tuttavia si riscontrano anche casi durante i climi freddi, quando si indossano abiti eccessivamente pesanti.

Terapia
Non esistono particolari terapie in caso di disturbo da “miliaria”. Sicuramente però, per alleviare il sintomo, è efficace raffreddare e asciugare le zone della pelle coinvolte e cercare di evitare le situazioni che potrebbero favorire la sudorazione. In questo caso è molto indicata l’aria condizionata, in grado di creare un ambiente favorevole al “contenimento” dell’eccessiva sudorazione. Gli esperti dermatologi suggeriscono anche l’impiego di lozioni steroidee, alle quali generalmente viene aggiunta una piccola parte di mentolo (0,25). Tuttavia la soluzione più favorevole rimane quella di provvedere al ricambio dell’aria nella casa e indossare abiti leggeri. Quando, come nella maggior parte dei casi, a soffrire di questo disturbo sono i più piccoli, occorrerà intervenire nel seguente modo:
1) rinfrescare il bimbo levandogli possibilmente i vestiti e facendolo soggiornare in un ambiente aerato o in un posto ombreggiato;
2) tamponare la pelle con un morbido asciugamano di cotone per poter assorbire il sudore;
3) preparare un bagno tiepido nel quale aggiungere un po’ di bicarbonato e far asciugare il piccolo all’aria senza utilizzare accappatoi.

Per tutti coloro che ancora non sono riusciti a trovare un rimedio efficace per l’eccessiva sudorazione, un valido aiuto arriva dall’allume di potassio, meglio conosciuto con il nome di allume di Rocca. Si tratta di una pietra che va passata sul corpo bagnato, soprattutto nelle zone “a rischio” quali inguine, piedi e ascelle. Questa pietra è composta da alcune microparticelle saline che “ostacolano” i microbatteri, responsabili del cattivo odore; è possibile trovarla in erboristeria e non ha controindicazioni.

Pubblicità

Come prevenire la miliaria
Un utile metodo di prevenzione del disturbo da eccessiva sudorazione è quello di tenere sempre ben aerati gli ambienti in cui si soggiorna, come accennato sopra, ma sarà anche utile cambiare spesso gli abiti. Gli indumenti indossati dovranno essere comodi e leggeri e il tessuto più “indicato” è il cotone, che permette la traspirazione. Inoltre per prevenire il disturbo sarà opportuno tamponare spesso la pelle mantenendola asciutta. In questo caso è molto importante l’utilizzo dell’aria condizionata che assicura un andamento costante della temperatura e impedisce quindi la sudorazione. Per ottenere questo risultato andrà bene anche un semplice ventilatore da casa che dovrà essere azionato “canalizzando” l’aria in diverse direzioni.

Cosa fare se il vostro bimbo soffre di miliaria rubra
Spesso viene scambiata per allergia della pelle, ma quando il bambino improvvisamente si riempie di piccole macchie e puntini rossi, in genere si è in presenza di Miliaria Rubra o sudamina. Sono soprattutto i neonati a soffrirne, tuttavia non si tratta di un fenomeno grave ma di una patologia “fastidiosa” che insorge quando le ghiandole sudoripare non funzionano bene e si ostruiscono, non lasciando traspirare la pelle. Gli esperti dermatologi ane ttribuiscono la causa allo stafilococco epidermidis e i disturbi possono peggiorare con il caldo ma anche se il neonato indossa pannolini sintetici o se è troppo fasciato. Inoltre, nelle forme più gravi possono insorgere anche infezioni batteriche e in questo caso sarà possibile notare sulla pelle, piccole pustole piene di pus che provocano bruciore e prurito. Nel caso dei neonati, il disturbo è destinato a scomparire del tutto dopo le prime settimane di vita ma, qualora il fenomeno dovesse ripetersi più volte nel corso degli anni, sarà opportuno consultare uno specialista in grado di trovare soluzioni per eliminare il problema in via definitiva. Infine per dare sollievo al bimbo, è consigliabile lavarlo spesso con un sapone neutro e utilizzare morbidi indumenti possibilmente in cotone.

Iperidrosi: anticamera della miliaria
La miliaria è generalmente preceduta da un altro importante fenomeno: l’iperidrosi (ne soffre l’1% della popolazione mondiale) che consiste in una forma eccessiva di sudorazione. Quando la quantità di sudore prodotto dall’organismo va oltre la temperatura normale di 37°, si parla di iperidrosi perché le ghiandole sudoripare diventano particolarmente reattive agli stimoli nervosi che ricevono dal cervello e che le inducono quindi a produrre sudore. Da qui il nome di sudorazione eccessiva, fenomeno che può insorgere indipendentemente dalle stagioni e dalle temperature (più o meno caldo) anche se è opportuno dire che in estate, il sintomo peggiora. Chi ne soffre sicuramente si trova in uno stato di disagio perché il sudore sembra davvero inarrestabile e in alcuni casi raggiunge anche un odore acre e intenso. Il problema insorge generalmente con la pubertà e la sua intensità può variare a seconda delle condizioni psico-fisiche in cui si trova il paziente. Inizialmente il fenomeno riguarda le mani, per poi diffondersi ad altre “tipiche” zone del corpo, quali ascelle, avambraccio e schiena. Spesso questo disturbo si tramuta in “miliaria”.

Benessere TV

Benessere Tv ti porta nel mondo della salute, della dietetica, dell'alimentazione sana, della bellezza, della psicologia e del fitness. Grazie alle rubriche con gli esperti del settore e alle video interviste con professionisti di alto livello, sarete sempre informati sulle novità di benessere a 360°.
Ultimo video pubblicato

Le malattie oculari nell'anziano: riconoscere e curare glaucoma, retinopatia, degenerazione maculare

La cataratta è la malattia oculare più conosciuta nell'anziano, ma ci sono altre patologie che, se non riconosciute e curate in tempo, possono portare alla cecità. Glaucoma e retinopatia diabetica, per esempio, possono essere trattate a seguito di una tempestiva diagnosi fatta...

Ultimi post dal blog

Allegria e benessere

Chiedi cos'era il flipper

Scritto il 31 luglio 2018 da Alberto&Alberto

Slot machine e videogiochi hanno soppiantato nei locali pubblici i meno redditizi ma decisamente più divertenti (seppur più rumorosi) flipper. Che celebriamo qui.

Pillole di benessere

I bambini italiani tra i più obesi

Scritto il 28 luglio 2018 da Welly

Uno studio della Commissione Europea fa il punto sull’obesità infantile nel Vecchio Continente. E rivela come l’Italia sia tra i Paesi con la maggiore presenza, in percentuale, di bambini obesi o in sovrappeso.

Offerta del mese
Biochef Axis Cold!Il Meglio a Poco Prezzo!
Offerta del mese

 

BioChef Axis è il primo estrattore di succo orizzontale della marca australiana BioChef. La filosofia di questa casa produttrice consiste nell'offrire la più alta qualità al miglior prezzo.Robot da cucina: fa pasta (spaghetti e noodles), baguette, sorbetti, gelati, omogeneizzati, salse, latte vegetale, burro di frutta secca e molto altro!BioChef Axis Cold Press Juicer è un eccellente estrattore lento, masticatore orizzontale e robot da cucina.Tutte le parti mobili sono fatte in Tritan!

 

Vedi prodotto

Novità
Bio-mex Formato Maxii!!850g incluse 2 spugne speciali rettangolari
Novit del mese

 

Bio-mex .. Grazie ai suoi componenti naturali, biologici e degradabili e’ un aiuto indispensabile per la pulizia della casa e per la gastronomia, scioglie il calcare e il grasso dalle superfici.Ideale per la pulizia e la cura di: acciaio, alluminio, argento, oro, rame, ottone, smalto, stagno, vetro, plastica liscia, legno laccato, ceramica, piastrelle, wc, lavandini, vasche da bagno, lavelli, piani di cottura, pentole, scarpe da ginnastica!
Inoltre e’ anche economico perche' puo' essere un buon sostituto a molti detersivi!
Vedi prodotto

Prenota la tua vacanza benessere!

Cerca

http://www.benessere.com/aec/privacy.htm


copyright © 1999-2019 Vertical Booking S.r.l. - CONTATTI | PUBBLICITÀ | SHOPPING ON-LINE | COOKIE POLICY | PRIVACY

Vertical Booking S.r.l. - Piazza Pontida, 7, 24122 Bergamo (Italia)
CF/P.IVA 02657150161 | REA: BG-312569 | Capitale sociale 100000 € interamente versato