Menu Salute

LA TARSALGIA: CONSIGLI E RIMEDI

A cura di Maura Peripoli

Con il termine tarsalgia o metatarsalgia si intende una sindrome dolorosa acuta o cronica localizzata in corrispondenza di una o più articolazioni metatarso-falangee e provocata dalla compromissione, meccanica e non, di tutte le strutture anatomiche che interagiscono con l’articolazione (osso, cartilagine articolare, capsula, legamenti e tendini).

È chiamata anche la “patologia dello sportivo” perché colpisce particolarmente gli atleti che praticano discipline sportive e soprattutto le donne. Il termine metatarsalgia è piuttosto generico: con esso vengono indicati tutta una serie di sintomi relativi all’avampiede; la patologia può interessare un solo metatarso o estendersi a tutti gli altri e consiste in un'infiammazione in questa particolare “zona” del piede, che insorge soprattutto nelle donne, che hanno legamenti più fragili, e nelle persone, come accennato, che praticano sport con regolarità. La causa scatenante della patologia è da attribuire per lo più alla cattiva postura: il peso del corpo non viene distribuito sulla pianta del piede in modo simmetrico e una delle cinque teste metatarsali, se non tutte e cinque, si infiammano. Quando si alza il tallone durante una camminata o nella corsa, se il peso viene poggiato male e in modo non omogeneo si sforza troppo sull'avampiede, e la parte inferiore del piede può infiammarsi. Il dolore che si manifesta quando si cammina o si corre, e a volte anche a riposo, è abbastanza forte, e quindi bisogna repentinamente sospendere ogni attività fisica per non peggiorare la situazione. Talora si crea una ipercheratosi (ispessimento della pelle) o una borsite (infiammazione).
Ma non è solo una cattiva postura a creare questo tipo di problemi, esistono anche persone che hanno difetti congeniti a livello dell’avampiede, quali una diversa forma del piede o metatarsi più inclinati o di lunghezza diversa tra loro. Anche le malattie articolari hanno la loro importanza in questa situazione: molti si recano dallo specialista lamentando fastidi riconducibili alla metatarsite, ma le cause scatenanti possono essere anche particolari forme di artrosi, artrite deformante e addirittura malattie vascolari e metaboliche.
Come ci si accorge di soffrire di metatarsalgia? Innanzitutto insorge un dolore che può essere alternante, continuo e nella maggior parte dei casi può aumentare quando si cammina e si poggia il piede a terra. Spesso, proprio a causa del fastidio, vengono assunte posizioni che sembrano più comode per non poggiare troppo l’avampiede, col rischio di creare danni anche peggiori sia a carico del piede sano sia a carico della colonna vertebrale.

Collegamento tra tarsalgia e altre patologie del piede
La tarsalgia può essere diagnosticata in modo isolato oppure in associazione ad altre malattie del piede, quali l’alluce valgo, l’alluce rigido e le dita a martello. Ad eccezione delle metatarsalgie secondarie (le reumatoidi, le postraumatiche etc.) le metatarsalgie primarie, le più comuni dipendono, come già detto, da uno squilibrio nella distribuzione dei carichi tra le teste metatarsali e le dita. Nella maggioranza dei casi, però, a prescindere dalla causa scatenante, la patologia si caratterizza per la comparsa di dolore riferito alla pianta del piede e la presenza di callosità plantari in corrispondenza delle teste metatarsali sovraccaricate. Sono molto importanti la diagnosi clinica della patologia e il suo accertamento per poter decidere un trattamento efficace e veloce, in grado di permettere al paziente di poter riprendere le proprie attività quotidiane.

Le cause della tarsalgia
Tra le principali cause dell’insorgenza di tarsalgia, c’è quelle prodotta da un’alterazione della normale meccanica dell’avampiede, ma ciò può avvenire anche in situazioni in cui non riscontrabile alcuna alterazione meccanica. Anche un semplice trauma dell’avampiede, provocato da un incidente stradale o sul lavoro, può portare alla tarsalgia, come anche un rapporto alterato rispetto alla lunghezza dei metatarsali. Esistono poi metatarsalgie di origine vascolare, da malattie metaboliche, reumatiche, osteoarticolari e anche di origine nervosa.

Pubblicità

Diagnosi e trattamento
La diagnosi dello specialista è orientata a ripristinare, nel minor tempo possibile, le condizioni di normalità del piede, eliminando o riducendo la sintomatologia dolorosa. Tuttavia, ciò viene reso possibile solo nel caso in cui esista un’attiva collaborazione del paziente che dovrà mettere in pratica i suggerimenti del medico, rispettando i tempi di recupero e le regole dettate, senza forzare in anticipo la ripresa. La prima cosa da tener presente è che, in questo caso, l’unica alternativa sicura per eliminare il dolore persistente, è quella di tenere il piede fermo per alcuni giorni, naturalmente sollevato da terra, per permettere all’infiammazione di regredire spontaneamente. È inoltre opportuno sapere che la tarsalgia è “recidiva” e se il paziente non rispetta i tempi di inattività “imposti”, facilmente può ricadere nello stesso problema e trascinare a lungo l’infiammazione che diventerà poi cronica e difficilissima da trattare.
Il trattamento ortesico è quello più accreditato per la risoluzione efficace del problema. In cosa consiste? In una serie di bendaggi e feltraggi adesivi, da adottare per un lungo periodo. Dunque, dopo una diagnosi estremamente corretta e precisa, il medico suggerirà di rivolgersi ad un podologo che sarà in grado di indicare il tipo di soluzione più adatto. Il problema è quello di evitare alla parte dolorante, l’impatto con il terreno, perché questo movimento ripetuto (specialmente nella corsa) non fa che peggiorare il fastidio.
Come sollevare allora da terra quella “porzione” di piede che causa tanto dolore? Potrebbero essere sufficienti dei semplici cuscinetti in gel che vengono applicati sotto la pianta del piede ed hanno la funzione di modificare il rapporto tra il piede e il suolo, agendo su strutture osteoarticolari: questa soluzione non è sicuramente risolutiva ma può tuttavia ridurre il dolore e il paziente viene messo così in condizione di poter camminare senza troppo fastidio. Ma non sempre l’utilizzo dei cuscinetti porta miglioramenti e in questo caso la soluzione arriva dall’utilizzo di plantari, studiati su misura per il paziente e confezionati “ad hoc”, secondo il risultato di un accurato esame baropodometrico statico/dinamico/stabilometrico e morfologico.

L’importanza delle scarpe giuste
Quando si pratica attività sportiva quotidiana, occorre stare molto attenti alle scarpe che si indossano, infatti l’uso di calzature sbagliate è tra le situazioni più frequenti di insorgenza o peggioramento della tarsalgia. Le scarpe infatti devono essere morbide per permettere i naturali movimenti del piede e devono avere un plantare interno che permetta una postura corretta. Da tenere presente anche che, per quanto riguarda le scarpe da corsa, queste vanno utilizzate al massimo per 8/12 mesi e vanno poi sostituite. Per quanto riguarda invece le calzature da indossare nelle normali attività quotidiane, sono assolutamente da evitare quelle con la punta stretta (perché l’eccessiva compressione delle dita potrebbe creare processi infiammatori a carico della pianta del piede) e quelle con i tacchi alti, che costringono il piede a caricare tutto il peso del corpo sulla parte anteriore, zona in cui ha origine appunto la tarsalgia. Anche l’uso di scarpe molto rigide va evitato perché potrebbero impedire la naturale flessione della struttura articolare quando si cammina, favorendo l’indebolimento del piede e facilitando la comparsa di alterazioni.

Primo intervento per attenuare il dolore da tarsalgia
Purtroppo, in questa situazione non ci sono molti consigli da dare: il primo suggerimento è quello di rimanere fermi per un po', senza poggiare il piede a terra e senza praticare alcun tipo di disciplina sportiva. In secondo luogo, si possono assumere antinfiammatori sia per via orale, sia sotto forma di pomate o cerotti. Anche il laser talvolta dà buoni risultati, specialmente se utilizzato per almeno 10 giorni in sedute che non dovranno superare i 15 minuti. Infine, se oltre alla metatarsalgia si individua qualche deformità causata da essa, l'unico rimedio è il trattamento chirurgico volto alla correzione del problema, per restituire al piede la sua originale forma e cancellare ogni possibile situazione di peggioramento di questa patologia.

Benessere TV

Benessere Tv ti porta nel mondo della salute, della dietetica, dell'alimentazione sana, della bellezza, della psicologia e del fitness. Grazie alle rubriche con gli esperti del settore e alle video interviste con professionisti di alto livello, sarete sempre informati sulle novità di benessere a 360°.
Ultimo video pubblicato

Le malattie oculari nell'anziano: riconoscere e curare glaucoma, retinopatia, degenerazione maculare

La cataratta è la malattia oculare più conosciuta nell'anziano, ma ci sono altre patologie che, se non riconosciute e curate in tempo, possono portare alla cecità. Glaucoma e retinopatia diabetica, per esempio, possono essere trattate a seguito di una tempestiva diagnosi fatta...

Ultimi post dal blog

Allegria e benessere

Chiedi cos'era il flipper

Scritto il 31 luglio 2018 da Alberto&Alberto

Slot machine e videogiochi hanno soppiantato nei locali pubblici i meno redditizi ma decisamente più divertenti (seppur più rumorosi) flipper. Che celebriamo qui.

Pillole di benessere

I bambini italiani tra i più obesi

Scritto il 28 luglio 2018 da Welly

Uno studio della Commissione Europea fa il punto sull’obesità infantile nel Vecchio Continente. E rivela come l’Italia sia tra i Paesi con la maggiore presenza, in percentuale, di bambini obesi o in sovrappeso.

Offerta del mese
Biochef Axis Cold!Il Meglio a Poco Prezzo!
Offerta del mese

 

BioChef Axis è il primo estrattore di succo orizzontale della marca australiana BioChef. La filosofia di questa casa produttrice consiste nell'offrire la più alta qualità al miglior prezzo.Robot da cucina: fa pasta (spaghetti e noodles), baguette, sorbetti, gelati, omogeneizzati, salse, latte vegetale, burro di frutta secca e molto altro!BioChef Axis Cold Press Juicer è un eccellente estrattore lento, masticatore orizzontale e robot da cucina.Tutte le parti mobili sono fatte in Tritan!

 

Vedi prodotto

Novità
Bio-mex Formato Maxii!!850g incluse 2 spugne speciali rettangolari
Novit del mese

 

Bio-mex .. Grazie ai suoi componenti naturali, biologici e degradabili e’ un aiuto indispensabile per la pulizia della casa e per la gastronomia, scioglie il calcare e il grasso dalle superfici.Ideale per la pulizia e la cura di: acciaio, alluminio, argento, oro, rame, ottone, smalto, stagno, vetro, plastica liscia, legno laccato, ceramica, piastrelle, wc, lavandini, vasche da bagno, lavelli, piani di cottura, pentole, scarpe da ginnastica!
Inoltre e’ anche economico perche' puo' essere un buon sostituto a molti detersivi!
Vedi prodotto

Prenota la tua vacanza benessere!

Cerca

http://www.benessere.com/aec/privacy.htm


copyright © 1999-2019 Vertical Booking S.r.l. - CONTATTI | PUBBLICITÀ | SHOPPING ON-LINE | COOKIE POLICY | PRIVACY

Vertical Booking S.r.l. - Piazza Pontida, 7, 24122 Bergamo (Italia)
CF/P.IVA 02657150161 | REA: BG-312569 | Capitale sociale 100000 € interamente versato