Menu Salute
Sei in:   benessere.com / Salute / Disturbi / Disturbi endocrini / Tiroide - Anatomia 

MALATTIE DELLA TIROIDE


Anatomia-funzionalità | Ipotiroidismo | Ipertiroidismo | Tiroiditi | Tiroidite di hashimoto

La tiroide, con le malattie ad essa correlate, è un argomento sempre più al centro dell'attenzione. Il che non dovrebbe stupire, considerata la diffusione delle patologie tiroidee. Basti pensare che solo i noduli tiroidei, la più frequente delle malattie collegate a questa ghiandola, interessano all'incirca il 10 per cento della popolazione.
La tiroide è una ghiandola cosiddetta endocrina, cioè che ha una secrezione interna. Infatti sintetizza ormoni, principalmente due fra i più importanti per il funzionamento del metabolismo, la Triiodotironina e la Tiroxina, oltre alla Calcitonina, che è l'ormone deputato a regolare la presenza di calcio e fosforo nel corpo.

Com'è fatta

Osservandola in un'ecografia, la tiroide appare come una farfalla posata fra trachea e laringe. La sua tipica forma è dovuta alla posizione e alla sua anatomia: situata nella parte anteriore del collo, sui primi anelli della trachea e nella parte anteriore e laterale della laringe, la ghiandola è composta da due lobi, il lobo destro e il lobo sinistro, uniti da un istmo. Osservando la tiroide si nota in moltissimi soggetti, tra il 30 e il 50 per cento dei casi, un prolungamento che parte dall'istmo, denominato lobo piramidale di Morgagn. Non è altro che un residuo del dotto tireoglosso, presente nel feto, che congiunge tiroide a lingua. Purtroppo non è del tutto ininfluente: dai residui del dotto possono generarsi cisti o fistole mediane del collo. 

La tiroide si sviluppa molto con la crescita dell'individuo: se alla nascita pesa intorno ai due grammi, in età adulta in genere arriva a decuplicare il suo peso, che oscilla intorno ai 20 grammi, per quanto ci possano essere notevoli differenze tra soggetto e soggetto.

La capsula che avvolge la tiroide si aggancia tramite la guaina peritiroidea a trachea, laringe, fasci nervosi e vascolari. Si tratta di una zona anatomicamente molto complessa, tant'è che lo spazio tra la guaina  e la capsula fibrosa viene chiamato spazio pericoloso: è infatti questa l'area dove si trovano i vasi sanguigni, e il nome si riferisce all'alta casistica di emorragie che si verificano in caso di intervento chirurgico. In pochi centimetri di spazio si trovano i muscoli sottoioidei e sternocleidomastoidei, che coprono la ghiandola in zona anteriore e laterale; dietro i lobi c'è il fascio nerveovascolare, con l'arteria carotide comune, la vena giugulare interna e il nervo vago; a ciò si aggiungono i nervi ricorrenti e le paratiroidi.
I primi, detti anche laringei inferiori, raggiungono quasi tutti i muscoli della laringe. Quanto alle paratiroidi, sono minuscoli organi endocrini, grandi pochi millimetri. La loro funzione è quella di secernere il Paratormone, che ha lo stesso compito della calcitonina, regolare il metabolismo di calcio e fosforo.
Le paratoidi in genere sono quattro, due superiori, due inferiori, ma a causa delle dimensioni non è possibile riuscire a localizzarle con un'ecografia, e la loro posizione non è fissa; in caso di intervento chirurgico quindi, oltre a dover fare estrema attenzione a non lesionare alcun nervo, che porterebbe a danni alle corde vocali, si pone anche il problema di questi piccoli organi endocrini, la cui rimozione causerebbe uno squilibrio del metabolismo del calcio e la necessità di una successiva terapia farmacologica.

Nella tiroide ci sono cellule apposite che sintetizzano gli ormoni tiroidei, e che circondano delle cavità chiamate follicoli. I follicoli accolgono gli ormoni prodotti, e li accumulano in forma di una molecola definita tireoglobulina; dopodiché vengono immessi nella circolazione sanguigna. La quantità di tireoglobulina che viene accumulata nei follicoli è tale che anche se per qualche motivo la tiroide smette di produrre ormoni, i risultati si notano solo dopo diversi mesi, perché nel frattempo l'organismo ha potuto contare sulle scorte immagazzinate nella ghiandola.
Pubblicità

A cosa serve

La tiroide, come detto, è una ghiandola endocrina, e ha la funzione di secernere ormoni.
L'ormone chiamato tiroxina, che viene convenzionalmente indicato con la sigla T4, rappresenta il 90 per cento della secrezione della tiroide; i suoi valori nel sangue variano tra i 5 e i 12 microgrammi per decilitro. Nei tessuti periferici buona parte della tiroxina viene poi trasformata in triiodotironina.
Il restante 10 per cento della secrezione ormonale riguarda direttamente la triiodotironina, sigla T3, i cui valori normali sono in genere compresi fra 80 e 180 nanogrammi per decilitro di sangue; quando si parla di questo tipo di valori, comunque, è importante considerare che possono essere molto diversi a seconda di quale ordine di misura si considera e di quale laboratorio esegue l'analisi.
Per la produzione di questi ormoni è necessario che nella dieta settimanale sia presente circa un milligrammo di iodio; per prevenire eventuali carenze nel comune sale da cucina viene spesso aggiunto ioduro di sodio. Una volta che sono in circolo, questi ormoni vengono legati a proteine che servono a trasportarli nei tessuti, e una volta lì vengono di nuovo liberati. Poiché solo da "liberi" sono biologicamente attivi, quando si esegue una ricerca per dosarli nel sangue, si dosa la frazione libera, che si indica con le sigle FT3 e FT4.
Gli effetti degli ormoni tiroidei sull'organismo sono principalmente due:
1. determinano l'aumento del metabolismo nella sua totalità (metabolismo basale e attività metabolica);
2. stimolano la crescita nei bambini.

Il metabolismo basale è la quantità di spesa energetica di un soggetto sveglio ma in stato di riposo (vedi calcolo del metabolismo basale). Se aumentano gli ormoni tiroidei, aumenta il consumo energetico.
L'attività metabolica dei tessuti indica l'accresciuta velocità di uso delle sostanze energetiche.
Questi ormoni sono anche in grado di aumentare la risposta dell'organismo ad un altro tipo di ormoni, detti catecolamine, vale a dire dopamina, adrenalina, noradrenalina, prodotte nel cervello, nel surrene e nelle terminazioni nervose del sistema simpatico. Semplificando, si tratta degli ormoni che determinano la reazione dell'organismo a ogni tipo di stress, ad esempio facendo sì che aumenti la quantità di sangue pompata dal cuore, quindi la quantità di sangue che poi arriva ai tessuti, oppure stimolando il metabolismo cellulare; è indicativo, per capire questo processo, pensare alla reazione dell'organismo di fronte ad un eventuale pericolo.

Capire qual è l'influenza che la tiroide esercita sulle cellule di tutto l'organismo, porta a comprendere perché è assolutamente indispensabile che sia prodotta la quantità di ormoni adeguata, che influisce sull'accrescimento del corpo e lo sviluppo e la maturazione degli apparati, soprattutto quello scheletrico e quello riproduttivo.

Un metabolismo normale dipende dalla secrezione della perfetta quantità di ormoni tiroidei: un disvalore anche minimo può comportare conseguenze anche molto importanti su tutto l'organismo. La sintesi e la secrezione di questi ormoni da parte della tiroide viene controllata da altre due ghiandole, situate nel cervello: si tratta dell'ipotalamo e dell'ipofisi.
L'ipotalamo produce un ormone noto con la sigla TRH, il cui compito è quello di controllare la produzione di un altro ormone da parte dell'ipofisi, la tireotropina: indicata dalla sigla TSH (ormone stimolante la tiroide), è la responsabile dell'aumentata secrezione degli ormoni tiroidei.
Per comprendere come funziona questo processo, basta pensare che ci sono molte situazioni che richiedono ad esempio l'aumento del metabolismo basale, come semplicemente il freddo: una bassa temperatura porterà quindi l'ipotalamo a secernere più TRH, che aumenterà la secrezione di TSH da parte dell'ipofisi, che porterà ad una maggiore secrezione di T3 e T4; stesso processo si andrà ad innescare non solo per cause ambientali, ma anche emozionali, come stati di grande ansia o eccitazione.

La modificazione della produzione di ormoni in base alle richieste dell'organismo viene controllata dall'asse ipotalamo-ipofisario. Un eventuale eccesso di ormoni tiroidei provoca l'inibizione della produzione di TSH e contrasta l'azione del TRH, il che porta al ritorno alla normalità dei valori. Se si verifica il caso contrario, se ad esempio a causa di carenza di iodio ci sono pochi ormoni tiroidei in circolo, il TSH aumenta e di conseguenza aumenta il volume della tiroide, perché la ghiandola cerca di produrre più ormoni. È il caso chiamato "gozzo", che è tipico delle aree in cui lo iodio è carente, tanto che se almeno il 10 per cento della popolazione locale presenta un ingrossamento della tiroide si parla di "gozzo endemico". L'ipotiroidismo gozzigeno è un tipico esempio del controllo con funzione di riequilibrio che viene fatto dall'asse ipotalamo-ipofisi: se l'alterazione del metabolismo dovuta alla mancanza di ormoni tiroidei è grave, la risposta compensatoria determina un aumento del TSH in circolo, che porta a un aumento del volume della tiroide, che però non è comunque in grado di sintetizzare l'appropriata quantità di ormoni.

Le sue malattie
La tiroide va incontro a svariate patologie, e per molti e differenti motivi. Queste malattie possono essere catalogate in base all'alterazione della quantità di ormoni in circolo, il che porta ad una suddivisione fra ipotiroidismo e ipertiroidismo, che ovviamente daranno sintomi opposti: se ad esempio nel primo caso tra i segni della malattia c'è il rallentamento psicomotorio, nel secondo si assiste invece ad un aumento di eccitabilità.

Sei qui Pagina successiva Pagina successiva
Inizio articolo Pagina 2/3 Pagina 3/3
Tiroide - anatomia e funzionalità Tiroide - Ipotiroidismo Ipertiroidismo

Benessere TV

Benessere Tv ti porta nel mondo della salute, della dietetica, dell'alimentazione sana, della bellezza, della psicologia e del fitness. Grazie alle rubriche con gli esperti del settore e alle video interviste con professionisti di alto livello, sarete sempre informati sulle novità di benessere a 360°.
Ultimo video pubblicato

Social Egg Freezing

Social Egg Freezing è un nuovo protocollo che permette il congelamento degli ovociti per programmare temporalmente la gravidanza. Ne parliamo con la Dott.ssa Maria Giuseppina Picconeri – ginecologa e specialista in medicina della riproduzione, direttrice del Nike Medical Center di...

Ultimi post dal blog

Allegria e benessere

Un weekend con gli aquiloni

Scritto il 30 settembre 2014 da Alberto&Alberto

Quanto sono belli e allegri gli aquiloni. E possono fare anche del bene, come si può scoprire leggendo qui

Pillole di benessere

Un premio Oscar per i diritti dei disabili

Scritto il 26 settembre 2014 da Welly

Due filmati in pochi giorni - uno del regista premio Oscar Bernardo Bertolucci - ci ricordano i disagi quotidiani dei disabili di fronte alle barriere architettoniche e al degrado delle strade.

Offerta del mese
Oscar Neo Estrattore di succo vivente Offerta del mese
L' Estrattore di Succo Vivente più resistente al mondo! Oscar Neo appartiene alla generazione degli ultimi e più moderni estrattori di succo a freddo.Vedi prodotto

Novità
Estrattore di succo Hippocrates Hippo Plus Novit del mese

La centrifuga Hippocrates ha una resa maggiore rispetto alle altre centrifughe e produce un succo di frutta e verdure che non contiene alcuna traccia di polpa; è un robot da cucina perfetto per la cucina sana, in particolare per quella crudista. Comprare una centrifuga è un investimento che non si fa tutti i giorni e Hippo Plus di Hippocrates è la migliore centrifuga in cui investire i tuoi soldi!
Vedi prodotto

Prenota la tua vacanza benessere!

Cerca

Nazione
Regione
Struttura
Data di arrivo
Data di partenza
Camere
Adulti
Bambini



copyright © 1999-2014 A.E.C. Advertising and Electronic Commerce srl - CONTATTI | PUBBLICITÀ | SHOPPING ON-LINE