Menu Sessuologia
Sei in:   benessere.com / Sessuologia / Articoli vari / Vari / Linguaggio proibito

LINGUAGGIO “PROIBITO”. SESSO E COMUNICAZIONE NELLA DINAMICA
DI COPPIA   

A cura del Dott. Fabrizio Quattrin

I pensieri, le parole, le espressioni più istintuali che si celano dietro i simboli della sessualità raccolgono elementi importanti, ma difficili da essere espressi in modo totalmente chiaro e naturale. Nella maggior parte degli individui il linguaggio sessuale è ricco di stereotipi, che si alternano in un turbinio di certezze ed eventuali false credenze. Ecco che la rappresentazione delle “immagini” sessuali diventa un “qualcosa” che potrebbe apparire come “proibito”. Ad alcuni è concesso di esprimere, in altri vige il divieto assoluto. La paura di svincolarsi, ovvero rendere il linguaggio della sessualità limpido ed elastico, evidenzia quanto l’esperienza della comunicazione rischi di rimanere incastrata nelle trame del “disfunzionale”. A tale riguardo, si può evidenziare quanto negli ultimi anni la richiesta di psicoterapia sessuologica sia aumentata in modo esponenziale rilevando un picco per quanto riguarda il genere maschile. Il concetto di “cura” ruota attorno alla possibilità di concedere agli esseri umani di abbassare i livelli di pregiudizio, concedendo una “giusta” educazione sessuo-affettiva, anche se difficilmente si riescono ad impostare chiari percorsi che si alternano nell’intero arco del ciclo di vita. La chiara e corretta comunicazione di concetti, che può ridefinire falsi miti e leggende metropolitane, può fare esprimere, in pieno rispetto di se stessi e degli altri, una sana comunicazione in tema di sessualità. A tale riguardo risulta efficace riconoscere i propri limiti e difficoltà quando la comunicazione si sofferma sulle tematiche dell’“amore”. Può essere utile osservare quello che viene espresso verbalmente, ma acquista più rilevanza quello che viene “pronunciato” con il linguaggio del corpo.

Il discorso sulla sessualità deve, innanzitutto, far si che uomini e donne possano sentirsi liberi di parlare di sessualità, supportati da indicazioni corrette e funzionali, utili a svincolarsi il più possibile dagli spettri della discriminazione e del paradosso. Diventa necessario, quindi, non rinunciare alla dimensione simbolica del sesso, tanto quanto quella di evitare una destrutturazione dello stesso simbolo. Sono gli specialisti della scienza sessuologica che hanno il compito di analizzare e portare avanti il linguaggio sessuologico, evitando falsi miti e inutili credenze, armonizzando lo stile linguistico e rendendolo fruibile e più appropriato.

Il linguaggio deve integrare tre settori: quello della sintassi, della semantica e della pragmatica . Questo permette una trasmissione dell’informazione (sintassi), associata al significato dei simboli del messaggio (semantica) e cosa più importante utile ad influenzare il comportamento umano (pragmatica). Ecco allora che comunicazione e comportamento possono essere utilizzati come sinonimi in quanto “i dati della pragmatica non sono soltanto le parole, le loro configurazioni e i loro significati, ma anche i fatti non verbali concomitanti come pure il linguaggio del corpo” (Watzlawick et all, Pragmatica della comunicazione, Astrolabio). Alla luce di quanto detto è indispensabile annullare il più possibile quello che solitamente viene represso all’interno di un linguaggio “proibito”. Infatti, se “comunicare” risulta essere in linea con “comportarsi”, è necessario che, in tema di sessualità, vi sia la minore quantità possibile di pregiudizi e stereotipie. La libertà sessuale intesa come espressione di viversi e comunicare il proprio sé nel rispetto di se stessi e degli altri, la propria identità sessuale in sintonia con il proprio orientamento e identità di genere percepiti, può essere portavoce di benessere e “salute mentale”. Nella comunicazione però, almeno per quanto concerne l’esperienza clinico-psicoterapeutica, ha una grande rilevanza tenere presenti più le differenze riscontrabili tra i generi, che le eguaglianze. Infatti, solamente analizzando i comportamenti, ovvero le espressioni della comunicazione verbale e non verbale delle coppie, è possibile definire meglio la problematica della coppia stessa. Nella differenza, riuscendo a distinguere in cosa consista il problema della comunicazione, è possibile non solo comprendere la reale disuguaglianza espressa dal partner, ma soprattutto “apprendere dall’esperienza” una “nuova” modalità di viversi più serenamente e in modo equilibrato, la relazione.

Spesso entrare nel vortice disfunzionale della comunicazione, trovarsi di fronte a muri di incomprensione, oltre ad incastrare i partner sollevando “inutili” oppure “utili” disagi psicosomatici può diventare l’unico modo per vivere l’esperienza relazionale. Questo, anche se vissuto del tutto inconsapevolmente, oltre ad evidenziare un disagio, conduce gli individui a procedere nella propria vita in “negazione” completa di un presunto, ma non impossibile equilibrio. Nella coppia parlare di sessualità può essere particolarmente difficile, tanto quanto estremamente sereno. Molto dipende dal proprio linguaggio appreso e compreso, come pure dalla libertà e capacità di non sentire particolari imbarazzi sia propri, che riferiti al partner. Comunicare in generale, ma ancor più addentrandosi nelle tematiche intimo-erotico-sessuali, deve permettere un equilibrio, che rappresenti nei partner la possibilità di riuscire a recitare uno stesso copione “teatrale”, riconoscendo in sé stessi e negli altri elementi essenziali, nonché significativi di differenziazione. Questo favorisce una diversità che può essere la causa di possibili incomprensioni, ma allo stesso tempo l’espressione della definizione di sé, della propria personalità, quindi della rappresentazione dell’esperienza della coppia. Riuscire a lavorare su questo primo elemento di base permette alla coppia una presa di coscienza, nonché il primo passo verso elementi di responsabilizzazione.

Si provi ad osservare alcuni stili e comportamenti delle dinamiche di coppia al fine di evidenziarne i differenti stili comunicativi. La coppia complementare rappresenta “comunemente” quella semplice modalità dove il rispetto tra i partner e le forme di dominio/potere sono equilibrate ed espresse nella ricerca di un’intimità moderata. È possibile che i conflitti ed eventualmente gli scontri vengano immediatamente affrontati, mantenendo un dialogo, quindi una comunicazione funzionale. Quello che emerge è sicuramente un rispetto reciproco anche se l’eventualità di cadere in comportamenti routinari e meccanici può nascondersi dietro l’angolo.

Pubblicità
Questo elemento acquista particolare significato soprattutto se a farne le spese è la componente sessuale, in quanto la coppia individua l’atto erotico come non prioritario. La coppia che “minimizza” il conflitto è probabilmente quella più stereotipata, i partners tendono a basare le loro modalità relazionali sui ruoli di genere tradizionali (uomo – capofamiglia; donna – casalinga). In questa coppia sono le emozioni che hanno un ruolo estremamente ridotto, soprattutto in riferimento alla loro modalità espressivo-comunicativa. Emerge la necessità di dare importanza più alla sicurezza rispetto all’intimità, come pure alla famiglia rispetto alla relazione di coppia. In questo stile è molto facile incontrare delle dinamiche relazionali legate ad una forte difficoltà nella comunicazione in tema di sessualità. Infatti, sembra che l’intimità erotico-sessuale abbia un ruolo particolarmente svalutato. Ciò che porta avanti la coppia è sicuramente il loro modo di minimizzare il conflitto, quindi evitare il confronto. In questa tipologia sono particolarmente forti i disagi legati ad una carente educazione sessuale e affettiva, inoltre la forte enfasi data ai valori religiosi, può accompagnare la coppia verso una strutturazione delle dinamiche relazionali, nonché delle modalità comunicative verbali e non verbali particolarmente rigide. La coppia “migliori amici” . Questa rappresenta il più alto livello di intimità, di accettazione reciproca e di condivisione. Sembra che lo stile in sé sia rappresentativo di un’equa distribuzione dei ruoli come delle responsabilità, ma potrebbe essere forte il senso di delusione nel momento in cui uno dei due partner procuri una forte delusione all’altro, spesso legata alle aspettative emotive e sessuali. L’ottima modalità comunicativa e la grande capacità espressiva non possono prescindere da tale forma di delusione, che appare legata ad un rischio quale quello che i partner sacrifichino la propria autonomia ed individualità per la causa della loro unione di coppia. Il rispetto reciproco e l’importanza espressa dalla necessità di non voler forzare l’altro, potrebbe far allontanare i partner incastrandoli in un circolo vizioso. Questo stile di coppia, quando entra in conflitto emotivo, rischia più degli altri la separazione. La coppia emotivamente espressiva. Probabilmente la più instabile, ma allo stesso tempo anche quella che evidenzia uno stile comunicativo più impegnativo. Sono le emozioni a fare da padrone nella coppia e la paura della rabbia e della comunicazione di eventuali conflitti sembra non destare particolari preoccupazioni. Infatti, se lo stile funziona anche la coppia ha una relazione appassionata ed eccitante, dove la comunicazione a più livelli viene espressa in modo vivace e funzionale. Quando invece sono le emozioni conflittuali a prendere il sopravvento, il rischio è sicuramente quello di una separazione preceduta o meno da eventuali esperienze di tradimento.

Appare quindi evidente che all’interno di eventuali differenti stili di coppia la modalità comunicativa in tema di sessualità è il fulcro su cui ruotano le vicende funzionali, ovvero disfunzionali della coppia stessa. Apprendere che il linguaggio sessuale è la chiave di apertura delle evoluzioni relazionali, comporta la necessità di abbattere falsi miti, paure, in un’unica parola: l’eventuale ignoranza del genere umano. Riconoscere la necessità di confrontarsi come pure di comprendere al meglio quegli elementi rappresentativi della dinamica relazionale può, non solo evitare spiacevoli incomprensioni, ma e soprattutto migliorare il rapporto intimo, stabilendone nuove prospettive.

Benessere TV

Benessere Tv ti porta nel mondo della salute, della dietetica, dell'alimentazione sana, della bellezza, della psicologia e del fitness. Grazie alle rubriche con gli esperti del settore e alle video interviste con professionisti di alto livello, sarete sempre informati sulle novità di benessere a 360°.
Ultimo video pubblicato

Ambiente e fertilità: il progetto EcoFoodFertility

L’ambiente può influire molto sulla capacità riproduttiva, maschile e femminile, poiché le sostanze chimiche che possono essere presenti nell’aria, unitamente a stili di vita non corretti e all’inquinamento elettromagnetico, sono in grado di modificare il DNA...

Ultimi post dal blog

Allegria e benessere

Al mercato, allegria e benessere

Scritto il 17 aprile 2018 da Alberto&Alberto

Una passeggiata in un qualsiasi mercato rionale è una sana iniezione di allegria. E ci racconta lo spirito di una città e di coloro che la abitano.

Pillole di benessere

Contro l’ictus, misuriamo la pressione

Scritto il 30 marzo 2018 da Welly

Aprile è il mese di prevenzione dall’ictus; un’occasione per ricordare come il controllo periodico della pressione sia fondamentale a causa del ruolo rappresentato dall’ipertensione come fattore di rischio. 

Offerta del mese
Biochef Axis Cold!Il Meglio a Poco Prezzo!
Offerta del mese

 

BioChef Axis è il primo estrattore di succo orizzontale della marca australiana BioChef. La filosofia di questa casa produttrice consiste nell'offrire la più alta qualità al miglior prezzo.Robot da cucina: fa pasta (spaghetti e noodles), baguette, sorbetti, gelati, omogeneizzati, salse, latte vegetale, burro di frutta secca e molto altro!BioChef Axis Cold Press Juicer è un eccellente estrattore lento, masticatore orizzontale e robot da cucina.Tutte le parti mobili sono fatte in Tritan!

 

Vedi prodotto

Novità
Bio-mex Formato Maxii!!850g incluse 2 spugne speciali rettangolari
Novit del mese

 

Bio-mex .. Grazie ai suoi componenti naturali, biologici e degradabili e’ un aiuto indispensabile per la pulizia della casa e per la gastronomia, scioglie il calcare e il grasso dalle superfici.Ideale per la pulizia e la cura di: acciaio, alluminio, argento, oro, rame, ottone, smalto, stagno, vetro, plastica liscia, legno laccato, ceramica, piastrelle, wc, lavandini, vasche da bagno, lavelli, piani di cottura, pentole, scarpe da ginnastica!
Inoltre e’ anche economico perche' puo' essere un buon sostituto a molti detersivi!
Vedi prodotto

Prenota la tua vacanza benessere!

Cerca

http://www.benessere.com/aec/privacy.htm


copyright © 1999-2018 Vertical Booking S.r.l. - CONTATTI | PUBBLICITÀ | SHOPPING ON-LINE | COOKIE POLICY | PRIVACY

Vertical Booking S.r.l. - Piazza Pontida, 7, 24122 Bergamo (Italia)
CF/P.IVA 02657150161 | REA: BG-312569 | Capitale sociale 100000 € interamente versato