Menu Sessuologia
Sei in:   benessere.com / Sessuologia / Articoli vari / Vari / Handicap e sesso

HANDICAP E SESSUALITÀ

DISABILITÀ, EROTISMO E PIACERE ORGASMICO (1/2)

A cura del
Dott. Fabrizio Quattrini

Chiunque ha il diritto di sperimentare le proprie emozioni intime, l’erotismo e l’amore. Ancora oggi purtroppo, quando si parla in generale di relazione intima e sessuale, raramente si osserva una serena e chiara affermazione della sessualità tra e per le persone con disabilità. Qualunque sia l’handicap, fisico o psichico, diagnosticato alla nascita oppure causato da improvvisi o inaspettati incidenti di percorso nella fase evolutiva, c’è sempre una certa difficoltà tra le persone normodotate ad affrontare questa tematica.

Nell’immaginario collettivo, sembra comune la fantasia che le persone con disabilità non possano vivere un’intimità erotico-sessuale di coppia e autoerotica, allontanandosi inevitabilmente dallo sperimentare l’esperienza del piacere. Che significato possono dare alla sessualità le persone che già vivono particolari difficoltà e disagi? Probabilmente sono come degli eterni bambini, oppure degli angeli senza sesso e, quindi, lontani dal poter provare emozioni erotiche e sessuali.

Si prova qui a fare maggiore chiarezza sul tema abbattendo false credenze e stereotipi culturali, permettendoci di dare un significato più “umano” e degno di una società evoluta, rispettosa e fiera di appartenere all’era del III millennio.

Handicap e disabilità
Già Baldaro Verde et al. nel 1987 tentarono di portare alla luce il significato importante della sessualità delle persone con disabilità, promuovendo nella società un certo diritto ad essere individui, superando tabù e condizionamenti in modo da rinnovare una certa mentalità sulla base di una salda solidarietà umana. Chiaramente è necessario differenziare caratteristiche emotivo-affettive e sessuali nelle persone con disabilità motoria e fisica rispetto a quelle con disabilità psichica.

Coloro che accusano disagi e disabilità di tipo motorio hanno inevitabilmente un’interruzione dell’identità sessuale a livello del sé corporeo, nel senso che la possibilità a gestire in modo fluido i propri desideri erotici, le proprie fantasie, le proprie pulsioni sessuali, sono ancorate a doppio nodo a quell’interruzione funzionale di tipo fisico. In termini psicologici si viene a formare una ferita del sé corporeo che rischia di ancorare l’individuo a certe forme di chiusura, tristezza e isolamento. L’immagine intrapsichica, solitamente rinforzata da una società disprezzante e giudicante, non permetterà ai disabili motori di instaurare o mantenere in modo sereno una relazione intimo-affettiva. A tale riguardo è necessario distinguere le persone con disabilità motoria almeno in tre gruppi:
1) disabilità fisica presente alla nascita;
2) disabilità fisica sopraggiunta dopo una malattia o un incidente prima dell’esperienza sessuale e scelta del partner;
3) disabilità motoria acquisita dopo incidenti o malattia, successivamente alla strutturazione della coppia.

Questa differenza permette di individuare importanti caratteristiche non solo dei vissuti psicocorporei ed affettivi della persona con disabilità, ma soprattutto risorse necessarie al superamento degli stati disfunzionali di tipo psicoaffettivo e relazionale.

I disabili fisici dalla nascita come suggerisce Baldaro Verde et al. (1987) subiscono delle differenziazioni a livello della conoscenza erotico-sessuale e corporea sia tra i generi (maschio, femmina), che in tutto il percorso evolutivo. Infatti, sin da piccoli, questi bambini avranno in primis relazioni disfunzionali con le figure genitoriali e in fase puberale/adolescenziale anche con gli stessi pari. Ad esempio, nella bambina i genitori eviteranno di investire il significato di “oggetto di desiderio” evitando anche di rinforzare stereotipi quali la funzione adulta di essere moglie e madre, in quanto ostacolata nella possibilità di accudire una casa ed avere ed allevare dei figli. Per quanto riguarda il bambino, invece, la difficile accettazione ed identificazione con la figura paterna lo porterà a chiusura, isolamento e in fase adolescenziale a vivere la sessualità esprimendola solamente con attività di tipo masturbatorio.
Spesso, questi individui, a prescindere dal genere sessuale, si trovano a vivere gravi sentimenti d’inferiorità con conseguente paura di una non accettazione da parte del sociale. Chiaramente, il ruolo genitoriale è di fondamentale importanza, soprattutto nelle prime fasi di sviluppo psicocorporeo e affettivo. L’educazione dei genitori alla sessualità nella diversità diventa quindi necessaria e di primaria importanza.

I disabili che hanno acquisito l’handicap successivamente ad incidenti o malattie, durante la fase pubero/adolescenziale hanno un disagio specifico legato alla rabbia e alla delusione. Infatti, la deprivazione della libertà di movimento e di esperienza, in una fase così “critica” come il passaggio dalla fanciullezza all’età adulta, può indurre gli individui ad isolamento e chiusura, non volendo riconoscere potenziali segnali che, invece, riguardano solo le persone “sane”. Anche in questo caso le famiglie hanno un ruolo importante nell’educazione alla salute e all’affettività, ma l’ignoranza e la paura del giudizio sociale rinforzano questo isolamento, impedendo quindi la crescita e il superamento del periodo di crisi. Ad esempio, in questa fase delicata i ragazzi che si trovano a frequentare centri di riabilitazione o comunitari vengono monitorati attentamente al fine di evitare fidanzamenti tra gli stessi ospiti o situazioni imbarazzanti legati alla scoperta della sessualità. I genitori stessi, qualora percepissero un tale “pericolo”, invece di aiutare a comprendere l’esperienza funzionale della relazionalità, allontanano i figli, oppure suggeriscono agli stessi operatori di essere più attenti e rigidi nel vigilare e svolgere il “proprio lavoro”. Come già ricordato per i genitori, anche gli operatori hanno una necessità urgente di essere formati e educati al tema della sessualità nella disabilità.

I disabili che invece hanno acquisito un handicap successivamente ad incidenti o malattie vivendo in una relazione stabile, dopo un primo momento di frustrazione e sconforto ridefiniscono con il partner l’esperienza di un nuovo modo di vivere l’affettività e la sessualità. In base alle caratteristiche dei membri della coppia si osservano differenze in colui/lei che ha acquisito l’handicap, viene considerato down oppure up all’interno della coppia. Chiaramente colui/lei che ha sempre avuto un ruolo tendenzialmente passivo all’interno della dinamica di coppia continuerà ad essere accudito e supportato dal partner, ancora maggiormente dopo l’accaduto; differentemente il partner che ha acquisito una disabilità ed è stato sempre attivo nel menage di coppia dovrà ridefinire ed attuare una grande ristrutturazione della coppia stessa.

La disabilità di tipo psichico ha invece tutta un’altra caratteristica in quanto gli individui hanno sviluppi psico-fisici differenti. A livello cognitivo possono rimanere lontani dall’età biologica, mentre a livello corporeo e sessuale rispettare i tempi della pubertà, dell’adolescenza, dell’esperienza erotico-sessuale.
La sessualità è “relazione, contatto, desiderio, piacere e sofferenza” e tutto questo passa inevitabilmente attraverso il corpo e con il corpo viene sperimentata.
L’evoluzione di questi individui è costantemente monitorata dai rischi dei fattori socio-culturali e dalla percezione e immaginazione sociale ad essi associati. Appare quindi scontato che ancor più degli handicap motori, gli individui con disabilità psichica e mentale, oltre a subire maggiori restrizioni e privazioni in campo sessuale, vivranno una certa limitazione e quindi negazione dalla stessa sessualità.
Come suggerisce Loperfido (1987) è possibile però non rimanere ancorati ai giudizi e pregiudizi nei confronti della sessualità nella disabilità psichica. Infatti, sul piano del “fare”, l’educazione sessuale acquista un significato fondamentale.
A tale riguardo alcuni criteri guida possono risultare importanti e utili:
1) non sostituirsi mai alla persona con disabilità, decidere per lui è non solo disfunzionale, ma sicuramente poco educativo;
2) è fondamentale cercare di comprendere il reale bisogno della persona con disabilità psichica durante le manifestazioni verbali o comportamentali;
3) accertare una certa correlazione tra il bisogno specifico a livello cognitivo e affettivo e la comprensione delle conseguenze possibili in tema di sessualità (i rischi come le malattie trasmesse sessualmente, le gravidanze indesiderate etc).

Questi criteri possono indirizzare una certa educazione sessuo-affettiva necessaria ad evitare di rilegare gli individui con disabilità psichica all’isolamento e alla negazione totale della loro esperienza libidica e orgasmica.


Sei qui Pagina successiva
Inizio articolo Pagina 2/2
Handicap e sessualità L'assistenza sessuale

Benessere TV

Benessere Tv ti porta nel mondo della salute, della dietetica, dell'alimentazione sana, della bellezza, della psicologia e del fitness. Grazie alle rubriche con gli esperti del settore e alle video interviste con professionisti di alto livello, sarete sempre informati sulle novità di benessere a 360°.
Ultimo video pubblicato

Ambiente e fertilità: il progetto EcoFoodFertility

L’ambiente può influire molto sulla capacità riproduttiva, maschile e femminile, poiché le sostanze chimiche che possono essere presenti nell’aria, unitamente a stili di vita non corretti e all’inquinamento elettromagnetico, sono in grado di modificare il DNA...

Ultimi post dal blog

Allegria e benessere

Al mercato, allegria e benessere

Scritto il 17 April 2018 da Alberto&Alberto

Una passeggiata in un qualsiasi mercato rionale è una sana iniezione di allegria. E ci racconta lo spirito di una città e di coloro che la abitano.

Pillole di benessere

Contro l’ictus, misuriamo la pressione

Scritto il 30 March 2018 da Welly

Aprile è il mese di prevenzione dall’ictus; un’occasione per ricordare come il controllo periodico della pressione sia fondamentale a causa del ruolo rappresentato dall’ipertensione come fattore di rischio. 

Offerta del mese
Biochef Axis Cold!Il Meglio a Poco Prezzo!
Offerta del mese

 

BioChef Axis è il primo estrattore di succo orizzontale della marca australiana BioChef. La filosofia di questa casa produttrice consiste nell'offrire la più alta qualità al miglior prezzo.Robot da cucina: fa pasta (spaghetti e noodles), baguette, sorbetti, gelati, omogeneizzati, salse, latte vegetale, burro di frutta secca e molto altro!BioChef Axis Cold Press Juicer è un eccellente estrattore lento, masticatore orizzontale e robot da cucina.Tutte le parti mobili sono fatte in Tritan!

 

Vedi prodotto

Novità
Bio-mex Formato Maxii!!850g incluse 2 spugne speciali rettangolari
Novit del mese

 

Bio-mex .. Grazie ai suoi componenti naturali, biologici e degradabili e’ un aiuto indispensabile per la pulizia della casa e per la gastronomia, scioglie il calcare e il grasso dalle superfici.Ideale per la pulizia e la cura di: acciaio, alluminio, argento, oro, rame, ottone, smalto, stagno, vetro, plastica liscia, legno laccato, ceramica, piastrelle, wc, lavandini, vasche da bagno, lavelli, piani di cottura, pentole, scarpe da ginnastica!
Inoltre e’ anche economico perche' puo' essere un buon sostituto a molti detersivi!
Vedi prodotto

Prenota la tua vacanza benessere!

Cerca

http://www.benessere.com/aec/privacy.htm


copyright © 1999-2018 Vertical Booking S.r.l. - CONTATTI | PUBBLICITÀ | SHOPPING ON-LINE | COOKIE POLICY | PRIVACY

Vertical Booking S.r.l. - Piazza Pontida, 7, 24122 Bergamo (Italia)
CF/P.IVA 02657150161 | REA: BG-312569 | Capitale sociale 100000 € interamente versato