Menu Sessuologia
Sei in:   benessere.com / Sessuologia / Articoli vari / Adolescenza / Sesso precoce

SESSO IN ETA' PRECOCE

L’adolescenza, il periodo che va dai 12 ai 17 anni di età, è la fase determinante nello sviluppo di un individuo ed è anche quello in cui avviene la scoperta del sesso, con tutti gli interrogativi ad esso connessi. È questo anche il periodo nel quale i giovanissimi iniziano a considerare quali comportamenti sessuali possono essere piacevoli, moralmente accettabili e appropriati per la loro età. È ormai  statisticamente provato che nella prima adolescenza una sessualità attiva può essere dannosa sia sotto il profilo psicologico che fisico. Il fenomeno della sessualità attiva precoce, d’altra parte, dimostra come il sesso sia presente nella vita degli adolescenti ancora prima che essi siano preparati alle sue conseguenze.

In Italia, secondo i dati diffusi dagli specialisti del Congresso Europeo di ginecologia pediatrica e adolescenziale, la “prima volta” delle adolescenti italiane si verifica mediamente all’età di 17 anni, con un trend in crescita rispetto al passato, cui si accompagna anche la constatazione di una maggiore maturità sessuale. Tale dato, però, è da rapportare ad una situazione formativa e familiare normale, escludendo quindi tutte quelle situazioni di disagio nelle quali sono più frequenti comportamenti anomali rispetto ad una media che è in linea con la statistica europea ma che risulta superiore a quella, per esempio, degli Stati Uniti. Qui, infatti, il fenomeno della sessualità precoce è avvertito sensibilmente, soprattutto nelle comunità afroamericane e in quelle ispaniche. Con conseguenti ricadute sul piano sanitario. Negli Stati Uniti, ogni anno, un caso di malattia trasmessa per via sessuale ogni quattro è da imputare ad uno o ad una adolescente sessualmente attivo/a. La percentuale di gravidanze tra i minorenni è la più alta tra tutti i paesi civilizzati. Gravidanze non pianificate e malattie trasmesse per via sessuale sono inoltre più comuni tra coloro che hanno iniziato molto presto l’attività sessuale, prima cioè dei 16 anni di età. Uno studio reso pubblico nel 2001dallo Alan Guttmacher Institute e curato dalla Dott.ssa Lydia O’Donnell aggiunge agli effetti descritti, la probabilità che chi ha iniziato a praticare il sesso in giovanissima età possa avere molti partner sessuali, forzare uno o una partner ad avere sesso contro la sua volontà, avere rapporti frequenti e assumere alcool e stupefacenti prima o durante l’atto sessuale. In sostanza, i minorenni che hanno iniziato molto presto a praticare sesso finiscono per adottare comportamenti che li mettono in pericolo sotto il profilo della salute. Ma quali sono i fattori che incoraggiano il rapporto sessuale precoce e quali sono in grado di ritardarli?

Il sesso in televisione

Esistono diversi elementi che possono portare un adolescente ad affrontare prematuramente il rapporto sessuale completo, ma quello che viene più evocato, sia in ambito familiare che in quello politico o pedagogico, è il mezzo televisivo. Ci sono buone ragioni scientifiche per pensare che la televisione possa contribuire ad una attività sessuale precoce. Il comportamento sessuale, infatti, è fortemente influenzato dalla cultura e la televisione è parte integrante della cultura degli adolescenti. Secondo studi effettuati negli Stati Uniti, gli adolescenti guardano fino a 3 ore di televisione ogni giorno. Una indagine scientifica di un campione rappresentativo di programmi andati in onda durante la stagione televisiva 2001-2002, ha stabilito che il 64% di tutti i programmi televisivi contengono riferimenti più o meno espliciti al sesso. Inoltre un programma televisivo su sette (14%) include la descrizione di un rapporto sessuale. Questa alta esposizione dei giovanissimi al sesso può incidere sulle convinzioni degli adolescenti in materia di norme culturali. La TV può infatti creare l’illusione che il sesso sia più centrale nella vita quotidiana di quanto non lo sia in realtà. L’esposizione ai modelli sociali forniti dalla TV può anche alterare le opinioni rispetto alle probabili conseguenze che comporta l’attività sessuale. Una teoria sociologica, infatti, sostiene che gli adolescenti che vedono in televisione (o al cinema) personaggi che hanno rapporti sessuali casuali senza conseguenze negative, sono maggiormente inclini ad assumere gli stessi atteggiamenti nella vita reale. Sebbene la televisione possa al contrario inibire l’attività sessuale illustrandone i rischi (sopratutto la possibilità di contrarre una malattia virale o di affrontare una gravidanza indesiderata), incoraggiare l’astinenza o promuovere l’opportunità del “sesso sicuro”, essa svolge assai raramente questo compito, in una misura pari al 15% dei programmi che presentano contenuti legati al sesso. Ha fatto molto discutere, in questo senso, lo studio dalla Dott.ssa Rebecca Collins della RAND Corporation di Santa Monica (California) pubblicato nel settembre 2004 sulla rivista “Pediatrics” che ha dimostrato come la televisione possa influenzare i giovanissimi nell’avere rapporti sessuali in età precoce. Raccogliendo un segnale proveniente dall’Accademia Americana dei Pediatri che ha collegato il fenomeno dei contenuti sessuali nei programmi televisivi (anche non espliciti) a quello del sesso praticato in età adolescenziale, la Dott.ssa Collins ed alcuni colleghi hanno indagato approfonditamente il fenomeno su basi scientifiche, prendendo in esame per un periodo di due anni un campione significativo di 1792 ragazzi e ragazze di età compresa tra i 12 e i 17 anni.

Pubblicità
Al campione di giovanissimi, eterogeneo per area di appartenenza, è stato chiesto di raccontare le loro abitudini in fatto di televisione e le risposte sono state confrontate con i risultati di una analisi scientifica dei programmi televisivi per ricavarne metri di valutazione rispetto ai contenuti sessuali. Il risultato finale attesta che il 90% degli adolescenti che guardano programma televisivi ad alto contenuto sessuale ha una probabilità doppia di iniziare precocemente l’attività sessuale rispetto a coloro che guardano la televisione in modo meno assiduo. Un dato tanto più significativo se si pensa che i programmi cosiddetti “a rischio” rispetto all’indagine, non erano solamente quelli che mostravano atti sessuali ma anche quelli in cui il sesso veniva solo evocato verbalmente.

La prevenzione

Alla luce di un fenomeno che in Italia risulta circoscritto, ma che rischia di esplodere in modo proporzionale alla presenza crescente di contenuti sessuali nei programmi televisivi, risulta importante stimolare i genitori e le scuole in direzione di un’opera di prevenzione che indirizzi l’iniziazione sessuale nella prima adolescenza, rendendo consapevoli i ragazzi dei rischi ai quali espongono se stessi e i propri partner. Ridurre la quantità di contenuti sessuali nei programmi di intrattenimento, ridurre l’esposizione degli adolescenti a questi contenuti ed offrire spiegazioni riguardo alle possibili conseguenze negative dell’attività sessuale in giovanissima età potrebbe ritardare l’inizio dei rapporti completi o non. In alternativa, i genitori di figli adolescenti potrebbero essere in grado di contenere gli effetti negativi, guardando la televisione insieme a loro e discutendo con loro sulle opinioni che hanno sul sesso e sulle situazioni che vengono rappresentate nei programmi televisivi.

Benessere TV

Benessere Tv ti porta nel mondo della salute, della dietetica, dell'alimentazione sana, della bellezza, della psicologia e del fitness. Grazie alle rubriche con gli esperti del settore e alle video interviste con professionisti di alto livello, sarete sempre informati sulle novità di benessere a 360°.
Ultimo video pubblicato

Ambiente e fertilità: il progetto EcoFoodFertility

L’ambiente può influire molto sulla capacità riproduttiva, maschile e femminile, poiché le sostanze chimiche che possono essere presenti nell’aria, unitamente a stili di vita non corretti e all’inquinamento elettromagnetico, sono in grado di modificare il DNA...

Ultimi post dal blog

Allegria e benessere

Al mercato, allegria e benessere

Scritto il 17 April 2018 da Alberto&Alberto

Una passeggiata in un qualsiasi mercato rionale è una sana iniezione di allegria. E ci racconta lo spirito di una città e di coloro che la abitano.

Pillole di benessere

Contro l’ictus, misuriamo la pressione

Scritto il 30 March 2018 da Welly

Aprile è il mese di prevenzione dall’ictus; un’occasione per ricordare come il controllo periodico della pressione sia fondamentale a causa del ruolo rappresentato dall’ipertensione come fattore di rischio. 

Offerta del mese
Biochef Axis Cold!Il Meglio a Poco Prezzo!
Offerta del mese

 

BioChef Axis è il primo estrattore di succo orizzontale della marca australiana BioChef. La filosofia di questa casa produttrice consiste nell'offrire la più alta qualità al miglior prezzo.Robot da cucina: fa pasta (spaghetti e noodles), baguette, sorbetti, gelati, omogeneizzati, salse, latte vegetale, burro di frutta secca e molto altro!BioChef Axis Cold Press Juicer è un eccellente estrattore lento, masticatore orizzontale e robot da cucina.Tutte le parti mobili sono fatte in Tritan!

 

Vedi prodotto

Novità
Bio-mex Formato Maxii!!850g incluse 2 spugne speciali rettangolari
Novit del mese

 

Bio-mex .. Grazie ai suoi componenti naturali, biologici e degradabili e’ un aiuto indispensabile per la pulizia della casa e per la gastronomia, scioglie il calcare e il grasso dalle superfici.Ideale per la pulizia e la cura di: acciaio, alluminio, argento, oro, rame, ottone, smalto, stagno, vetro, plastica liscia, legno laccato, ceramica, piastrelle, wc, lavandini, vasche da bagno, lavelli, piani di cottura, pentole, scarpe da ginnastica!
Inoltre e’ anche economico perche' puo' essere un buon sostituto a molti detersivi!
Vedi prodotto

Prenota la tua vacanza benessere!

Cerca

http://www.benessere.com/aec/privacy.htm


copyright © 1999-2018 Vertical Booking S.r.l. - CONTATTI | PUBBLICITÀ | SHOPPING ON-LINE | COOKIE POLICY | PRIVACY

Vertical Booking S.r.l. - Piazza Pontida, 7, 24122 Bergamo (Italia)
CF/P.IVA 02657150161 | REA: BG-312569 | Capitale sociale 100000 € interamente versato