Menu Terme e cure termali
Sei in:   benessere.com / Terme / Apparati / Genitale femminile

APPARATO GENITALE FEMMINILE

Trattamento delle malattie ginecologiche

Anche tenendo conto dei notevoli progressi farmacologici e chirurgici in campo ginecologico cui si è assistito negli ultimi decenni, la terapia termale conserva attualmente un ruolo di fondamentale importanza nel trattamento di numerose patologie dell'apparato genitale femminile.
Assistiamo infatti, nella pratica ginecologica, a flogosi genitali recidivanti spesso ribelli alla terapia farmacologica che costituiscono le patologie di più frequente riscontro ed anche più altamente in causa nel determinare alcune forme di sterilità.
La ricerca scientifica riporta dati confortanti circa le attività antiflogistica ed antisettica delle acque solfuree e salsobromoiodiche che spiegano i risultati ottenibili nelle flogosi subacute e croniche della vagina, del collo dell'utero e degli annessi.
Altre acque come le bicarbonate e le solfate agiscono in maniera efficace con differenti meccanismi.
Le patologie infiammatorie dell'apparato genitale femminile hanno oggi assunto uno sviluppo considerevole ed un'etiopatogenesi polimorfa.
Dal punto di vista etiologico le vaginiti possono essere suddivise in:

  • parassitarie
  • micotiche
  • microbiche
  • miste.

Le acque solfuree e salsobromoiodiche possono essere considerate veri e propri agenti terapeutici ginecologici.
L'azione terapeutica è strettamente legata alle caratteristiche delle acque stesse e di conseguenza alle caratteristiche fisico-chimiche dell'acqua, alle proprietà farmacologiche degli elementi chimici ed alle proprietà fisiche delle metodiche utilizzate.
Una prima azione è attribuibile all'ipertonia che, agendo con meccanismo osmotico, è in grado di determinare una corrente sierosa dai tessuti profondi a quelli superficiali, poiché le mucose possono essere considerate membrane semipermeabili.
L'azione generale è data dagli stimoli in senso eccitante trasmessi al sistema nervoso centrale dalle terminazioni sensitive cutanee e mucose.
E' stata inoltre dimostrata un'esaltazione da parte di queste acque della funzione granulopessica del sistema reticolo-endoteliale.
Alcuni Autori ritengono infine che l'azione sull'organismo femminile si svolga attraverso:

  • Modificazione in senso attivante il ricambio generale.
  • Modificazione dello stato endocrino, in senso prevalentemente stimolante la tiroide e regolante la funzione ormonale.
  • Attivazione generale dei poteri di difesa e riparazione dell'organismo.
  • Azione farmacologica diretta nei confronti di tessuti, organi e territori vascolari su cui vengono effettuate le applicazioni.

Lo ione zolfo, che si trova allo stato colloidale è responsabile di azioni specifiche che trovano particolare indicazione nelle patologie in esame.

Pubblicità
Possiamo distinguere un'azione locale, antiflogistica, eutrofica, e risolvente sui processi infiammatori ed un'azione generale stimolante i processi del ricambio, nonché sedativa e tonica sul sistema nervoso. Sono documentate inoltre azioni decongestionanti ed antipruriginose sulla mucosa, antibatteriche ed anche antiprotozoarie. L'irrigazione vaginale consente di sfruttare l'azione eutrofica antiinfiammatoria, antimicrobica ed antisecretiva esercitata sulle mucose dallo zolfo colloidale, dall'idrogeno solforato libero, dal cloruro di sodio e dallo iodio. Da ciò deriva la particolare efficacia della crenoterapia in affezioni quali vulvo-vaginiti, cerviciti, annessiti, sterilità secondaria legata a flogosi croniche ad evoluzione "torpida" con alterazioni vascolari locali e del pH. Le azioni antiinfiammatoria, antisettica, attivatrice sulle collagenasi dell'idrogeno solforato e regolatrice sui processi fibrotici dello iodio sono responsabili dell'effetto antisclerotico che assume un ruolo predominante nel contrastare i processi evolutivi fibrotici tubarici. L'azione della crenoterapia sulla sterilità è locale consentendo a volte la ricanalizzazione completa delle tube, l'eliminazione secrezioni catarrali, la risoluzione di aderenze ed infiltrazioni, la modificazione della circolazione pelvica; generale nel senso di normalizzare le secrezioni ormonali e l'impulso funzionale alle ghiandole sessuali. Consensualmente alle azioni sulle componenti distrofiche e flogistiche, alcune acque esplicano una notevole attività sulla componente sintomatologica con azione antipruriginosa e decongestionante. Il prurito vulvare e vaginale ed il bruciore possono essere conseguenza di affezioni distrofiche quali leucoplachia e craurosi e sono di osservazione comune in affezioni flogistiche sostenute da microorganismi patogeni. L'intervento delle crenoterapia è spesso risolutivo nei confronti di queste manifestazioni per le succitate azioni eutrofica, antiflogistica e antisettica. Per queste stesse azioni si osserva molto spesso una modificazione della componente secretoria leucorroica o leucoxantorroica.

Il fango (a mutandina: regione pelvica, addome, terzo prossimale degli arti inferiori) e la balneoterapia solfurea costituiscono, con le irrigazioni vaginali, le più utili metodiche terapeutiche in campo ginecologico.

Le principali patologie ginecologiche che trovano indicazione alle terapie termali 

  • Prurito vulvare e vaginale (essenziale, da leucoplachia e craurosi, Trichomonas, Monilia, etc., diabete etc.)
  • Vaginiti croniche
  • Metriti
  • Parametriti
  • Salpingoovariti
  • Pelviperitoniti croniche aspecifiche
  • Postumi di interventi sull'apparato genitale
  • Stati disormonali
  • Sterilità (uterina, tubarica, ovarica-ormonale)
  • Algie pelviche (essenziali e secondarie a fenomeni flogistici)
  • Sindrome menopausale


Ultimi post dal blog

Allegria e benessere

Sì alla ricerca, con allegria

Scritto il 27 settembre 2016 da Alberto&Alberto

Impazza sui social lo spot che Checco Zalone ha realizzato a favore della ricerca sull'atrofia muscolare spinale. Uno spot allegro, politicamente e socialmente scorretto com'è nello stile del comico pugliese. E perciò particolarmente efficace sul piano della comunicazione.

Pillole di benessere

Chi non beve, non lavora

Scritto il 23 settembre 2016 da Welly

Una nuova ricerca statunitense avvalora la tesi per cui una diminuzione della giusta percentuale di acqua nell’organismo rallenta le funzioni cognitive. Con conseguenze sulla produttività.

Offerta del mese
Sedia ergonomica naturale - Color ecrù
Offerta del mese

La sedia ergonomica professionale ideale chi svolge un lavoro sedentario: comoda e discreta, aiuta a mantenere la posizione corretta della spina dorsale, l'inclinazione è regolabile. La seduta è di alta qualità con imbottitura INDEFORMABILE e tessuto di ricopertura molto resistente. Le imbottiture sono sagomate per offrire un supporto confortevole

Altezza:63 cm
Larghezza:45 cm
Profondità:50 cm

Vedi prodotto

Novità
Linea Radiance - Maschera Illuminante
Novit del mese

Trattamento esfoliante delicato, con Acido Mandelico, Bacillus Ferment, Arnica e Complessi Vegetali ridona luminosità e turgore al viso mentre garantisce l'eliminazione delicata ma decisa delle cellule morte e delle impurità residue. Purifica la pelle, levigandola, riducendo la profondità delle rughe e amplificando l'assorbimento dei trattamenti cutanei di bellezza. I Polifenoli dell'Uva contenuti nella Vite Rossa fortificando i capillari proteggendo elastina e collagene, rendendo l'epidermide più tonica ed elastica.
Vedi prodotto

Prenota la tua vacanza benessere!

Cerca

http://www.benessere.com/aec/privacy.htm


copyright © 1999-2016 A.E.C. Advertising and Electronic Commerce srl - CONTATTI | PUBBLICITÀ | SHOPPING ON-LINE | COOKIE POLICY | PRIVACY

A.E.C. Advertising and Electronic Commerce srl - Piazza Pontida, 7, 24122 Bergamo (Italia)
CF/P.IVA 02657150161 | REA: BG-312569 | Capitale sociale 100000 € interamente versato

Società con unico socio, soggetta all’attività di direzione e coordinamento di GUADAFIN s.r.l.