Menu Terme e cure termali
Sei in:   benessere.com / Terme / Apparati / Locomotore

APPARATO LOCOMOTORE Trattamento di malattie reumatiche

Indicazioni e risultati terapeutici

La terapia termale nell'apparato locomotore è indicata nelle patologie degenerative, infiammatorie e traumatiche croniche e/o recidivanti osteo-artro-muscolari.
La terapia termale svolge un ruolo prevalentemente riabilitativo, volto cioè al ripristino della funzione. Questo si ottiene operando un recupero dei potenziali residui attraverso la riduzione od eliminazione di quei fattori che dalla lesione primitiva si estendono riducendo ulteriormente la funzione dell'apparato interessato e coinvolgendo altre strutture ed apparati.

Con le terapie termali si possono ottenere due tipi di risultati terapeutici: a breve ed a medio-lungo termine.
A breve termine, nella maggior parte dei casi, si assiste ad un miglioramento della sintomatologia soggettiva ed obiettiva e a un certo grado di ripresa funzionale evidenziabile dall'incremento dell'articolarità e dalla riduzione delle limitazioni nel compiere gesti quotidiani o lavorativi.
In una piccola percentuale di pazienti è stato osservato un peggioramento sintomatologico alla fine del ciclo termale che può protrarsi per circa un mese, in casi rari per due mesi, cui segue in genere un miglioramento rispetto all'anno precedente.
Studi recenti fondati sull'osservazione dell'andamento clinico della patologia nel periodo intercura (autunno-inverno-primavera: che intercorre tra i periodi di cura termale effettuata in genere in estate) hanno dimostrato il miglioramento di parametri quali:

  • numero degli episodi acuti
  • intensità degli episodi acuti
  • assenteismo lavorativo
  • ricorso ad altre terapie.

Nella media dei pazienti c'è un miglioramento del 30-50% dopo il primo anno di cura che aumenta progressivamente fino ad attestarsi, dopo tre anni consecutivi di terapia termale, sul 70-90%. Dopo il terzo anno non vi è un ulteriore incremento; tuttavia è necessario continuare le cure per mantenere i risultati conseguiti. Si può infatti osservare un peggioramento se si sospende per un anno la terapia termale.

Le patologie osteo-artro-muscolari che trovano indicazione alle terapie termali 

  • Osteoartrosi primitive e secondarie
  • Reumatismi infiammatori cronici: artrite reumatoide, artropatia psoriasica, spondilite anchilosante
  • Osteoporosi post-menopausale e senile
  • Gotta
  • Esiti di traumi e di interventi chirurgici: algodistrofie, rigidità articolari, dolore post-traumatico cronico, sinoviti e borsiti croniche, lesioni della cartilagine articolare, meniscopatie, lesioni dei legamenti, etc.
  • Sindromi fibromialgiche (fibrositi)
  • Sindromi canalicolari (soprattutto sindrome del tunnel carpale)
  • Tendinopatie croniche
  • "Periartriti" croniche
  • Alcune forme di neuropatie croniche: sciatalgie, cruralgie, brachialgie, etc.

Pubblicità
Oltre al rispetto della fase termale occorre anche considerare lo stadio di evoluzione delle patologie. Come sempre in medicina i risultati migliori si ottengono quando l'intervento è precoce. Nelle fasi tardive, soprattutto se si sono instaurati quadri di lesioni organiche strutturate, il successo terapeutico sarà senz'altro minore. In stati molto avanzati di alcune malattie, soprattutto se l'evoluzione è stata molto rapida e/o con notevole componente infiammatoria, la terapia termale potrebbe anche essere controindicata.
Ricordiamo anche che la terapia termale delle patologie elencate non è necessariamente volta contro l'agente etiologico od alla lesione primitiva. Spesso, come nel caso di osteoporosi o reumatismi infiammatori cronici, tende ad alleviare alcune componenti del quadro clinico tra le quali il dolore, la contrattura muscolare, la frequenza degli accessi acuti. L'intervento termale rende più tollerabile al paziente la malattia e favorisce il recupero funzionale.

Meccanismi d'azione

Le azioni biologiche specifiche ed aspecifiche della crenoterapia nelle patologie dell'apparato locomotore sono trattati nella specifica sezione "meccanismi d'azione" ed in quelli sulle singole acque minerali  Indipendentemente dalle azioni biologiche attraverso le quali si realizzano, si ritiene che gli effetti terapeutici possano essere i seguenti:

  • analgesico
  • decontratturante
  • antiinfiammatorio su flogosi croniche
  • trofico su strutture articolari, para e periarticolari
  • prevenzione delle riacutizzazioni
  • aumento dell'escursione articolare.

Peculiare è il fatto che questi effetti si mantengono per lungo tempo, fino a 8-10 mesi. Non sono spesso in grado di coprire l'intero periodo di un anno tra un ciclo terapeutico e l'altro. Per questo motivo si consiglia, quando è possibile, di ripetere le cure due volte l'anno preferibilmente a metà primavera ed a fine estate.

Fase termale e controindicazioni

E' necessario che in ogni caso venga rispettata, oltre all'indicazione specifica, la fase termale.
Come regola generale non si deve sottoporre a terapia termale (soprattutto se la metodica implica l'utilizzo del calore) una malattia in fase acuta.
Questa regola non deve essere applicata sempre, ma deve essere valutata dal medico caso per caso.

  • cattive condizioni generali del paziente
  • presenza di malattie debilitanti o febbrili
  • presenza di varici e/o pregresse flebiti o trombosi venose profonde
  • cardiopatia ischemica con o senza pregressi infarti miocardici acuti
  • altre cardiopatie; aterosclerosi ed arteriosclerosi (con o senza pregressi eventi ischemici) perché le terapie termali possono rendere insufficienti i meccanismi atti a mantenere una normale irrorazione cerebrale e miocardica in seguito ai notevoli stimoli vasomotori
  • insufficienze di grado medio-elevato a carico della funzione cardiocircolatoria, epatica, renale e respiratoria che possono causare difficoltà al mantenimento dell'omeostasi organica in seguito agli stimoli destabilizzanti della terapia termale
  • neoplasie maligne
  • patologie cutanee nella zona di applicazione per le quali la terapia specifica è controindicata soluzioni di continuo della cute

Metodiche e mezzi termali

Le metodiche di più comune utilizzo sono:

L'efficacia ed i meccanismi d'azione terapeutici di questi mezzi possono in una certa misura differire tra di loro.
Alcune grotte possono essere più "forti" dei fanghi e dare risultati migliori, le grotte hanno anche il vantaggio di non sottoporre la parte interessata dal processo patologico direttamente al calore per contatto. 

Vengono infatti meglio tollerate dai pazienti portatori di malattie infiammatorie (es. periartriti) e da radiculopatie compressive (es. sciatalgie e cruralgie).   

Le muffe sono in genere più "leggere" dei fanghi perchè agiscono con principi attivi diversi, sono infatti meglio tollerate nelle patologie infiammatorie (reumatismi infiammatori, periartriti, tendiniti, etc.), ma poco indicate nelle artrosi polidistrettuali dove necessita un intervento più completo e più stimolante su tutto l'organismo. E' anche interessante notare che lo scarso potere termico e la limitata zona di applicazione rendono le muffe indicate anche nei pazienti con patologie cardiocircolatorie abbastanza severe o di altri apparati per le quali fanghi, grotte o bagni a temperature superiori a quella indifferente sarebbero controindicati.

Ultimi post dal blog

Allegria e benessere

Stanlio & Ollio, una serata in allegria

Scritto il 19 settembre 2017 da Alberto&Alberto

“Cucciolo, ma tu li conosci Stanlio & Ollio”? “No, papà”. “Allora abbandono questo film noioso che stavo vedendo e ti presento alcuni dei miei amici più cari di sempre!”.

Pillole di benessere

L’ictus cerebrale, non solo tra gli anziani

Scritto il 22 settembre 2017 da Welly

Aumentano i casi di ictus cerebrale in giovane età. Per l’Associazione per la Lotta all’Ictus Cerebrale, l’incidenza è da attribuirsi a una maggiore diffusione dell’abuso di alcol e droghe.

Offerta del mese
Biochef Axis Cold!Il Meglio a Poco Prezzo!
Offerta del mese

 

BioChef Axis è il primo estrattore di succo orizzontale della marca australiana BioChef. La filosofia di questa casa produttrice consiste nell'offrire la più alta qualità al miglior prezzo.Robot da cucina: fa pasta (spaghetti e noodles), baguette, sorbetti, gelati, omogeneizzati, salse, latte vegetale, burro di frutta secca e molto altro!BioChef Axis Cold Press Juicer è un eccellente estrattore lento, masticatore orizzontale e robot da cucina.Tutte le parti mobili sono fatte in Tritan!

 

Vedi prodotto

Novità
Bio-mex Formato Maxii!!850g incluse 2 spugne speciali rettangolari
Novit del mese

 

Bio-mex .. Grazie ai suoi componenti naturali, biologici e degradabili e’ un aiuto indispensabile per la pulizia della casa e per la gastronomia, scioglie il calcare e il grasso dalle superfici.Ideale per la pulizia e la cura di: acciaio, alluminio, argento, oro, rame, ottone, smalto, stagno, vetro, plastica liscia, legno laccato, ceramica, piastrelle, wc, lavandini, vasche da bagno, lavelli, piani di cottura, pentole, scarpe da ginnastica!
Inoltre e’ anche economico perche' puo' essere un buon sostituto a molti detersivi!
Vedi prodotto

Prenota la tua vacanza benessere!

Cerca

http://www.benessere.com/aec/privacy.htm


copyright © 1999-2017 A.E.C. Advertising and Electronic Commerce srl - CONTATTI | PUBBLICITÀ | SHOPPING ON-LINE | COOKIE POLICY | PRIVACY

A.E.C. Advertising and Electronic Commerce srl - Piazza Pontida, 7, 24122 Bergamo (Italia)
CF/P.IVA 02657150161 | REA: BG-312569 | Capitale sociale 100000 € interamente versato

Società con unico socio, soggetta all’attività di direzione e coordinamento di GUADAFIN s.r.l.