Menu Terme e cure termali
In evidenza:
MODULI INTERATTIVI

Indice generale:
Argomenti
Sei in:   benessere.com / Terme / Terme in Italia / Articoli / Terme di Castrocaro

LE TERME DI CASTROCARO

Sfruttate dalla metà dell’800, le Terme di Castrocaro hanno iniziato a conoscere una vera popolarità a partire dal 1938 quando è stato inaugurato il Centro Termale unitamente al Grand Hotel e al Padiglione delle Feste, baluardi di quella che è stata concepito da subito come una vera e propria “Città delle Terme”, successivamente ampliata e potenziata, insieme alla capacità ricettiva della città, fiore all’occhiello dell’industria termale italiana.

Un po’ di storia
Una delle stazioni termali più rinomate d’Italia ha, al contrario di molte altre, una storia relativamente recente. Sebbene, infatti, la salinità della acque fosse conosciuta dalle popolazioni umbre e dai romani, soltanto intorno al 1830 una analisi chimica delle acque rivelò la presenza di altri importanti componenti come il bromo e lo iodio e fu dunque chiaro che le acque possedevano proprietà terapeutiche. Come si arrivò allo studio e alla valorizzazione delle acque, si dice in seguito ad un singolare episodio: sul finire del 1829 un tal Antonio Samorì fu sorpreso e ‘bloccato’ da coloro che erano predisposti al pagamento delle tasse (i cosiddetti “gabellieri”) mentre stava riempiendo un barilotto con dell’acqua salata presso una sorgente detta della Bolca. Sequestrata in base ad un articolo del 1819 che recitava “Il detentore di acqua o di altra acqua salifera mancante della permissione del Direttore della Dogana, sarà condannato in tre scudi per ogni libbra di sale, che sarà giudicato da una perizia potere essere prodotto dall’acqua...” – il malcapitato Samorì dovette pagare una multa mentre il barilotto veniva affidato dalla magistratura fiorentina alla competenza del medico Antonio Targioni Tozzetti (marito della musa di Giacomo Leopardi, Fanny Targioni Tozzetti), l’acqua rivelò proprietà talmente benefiche da indurre ad un immediato sviluppo di un’attività termale che da allora non avrebbe mai conosciuto sosta: il suo inizio data 1838, con una serie di iniziative private che sorgono a partire dal 1850 (le famiglie Marescotti e Frassineti), ma l’impulso più notevole fu offerto dall’intraprendenza e la lungimiranza del cavaliere Aristide Conti che sul finire del XIX secolo realizzò importanti strutture ed ampliò lo sfruttamento delle acque alle inalazioni e alla fangoterapia. Un pozzo dal quale viene estratta l’acqua termale di Castrocaro porta il suo nome così come al suo nome fu legata la società termale fino al 1936, quando la proprietà passò allo Stato e iniziava la storia “moderna” delle Terme di Castrocaro.

Le acque
Le acque termali di Castrocaro sono di tipo salsobromoiodico e di tipo sulfureo. L’acqua salsobromoiodica è un’acqua minerale salina e con elevato contenuto di jodio e di bromo. Essa ha origine dalle acque fossili la cui presenza nel sottosuolo è legata all’antica presenza – si parla di circa 4 milioni di anni fa – del mare nel territorio, i cui depositi si trovano fra i 70 e i 150 metri di profondità in corrispondenza di strati di roccia porosa detta “spungone”. Prelevate attraverso un sistema di pozzi, le acque vengono depositate in sei laghetti di raccolta nella località di Bolga e quindi fatte confluire alle Terme.
Se utilizzata a livello locale, cioè su cute e mucose, l’acqua salsobromoiodica svolge un’efficace azione antiflogistica, utile per risolvere i processi infiammatori cronici, un’azione antiedemigena e vasoattiva, un’azione antifibrotica, utile per curare i postumi traumatici dell’apparato locomotore, un’azione antisettica ed una di detersione delle mucose. A livello generale, invece, l’acqua attiva la funzione tiroidea e il metabolismo basale, regolarizza la funzione ovarica, svolge un’azione antilinfatica e disidratante sul mantello cutaneo.
L’acqua sulfurea, che a Castrocaro viene intercettata alla sorgente e veicolata direttamente nello stabilimento termale, svolge un’azione antinfiammatoria, antianafilattica e anticatarrale sulle mucose delle vie respiratorie, potenzia la produzione di anticorpi, ha azione cheratoplastica, anticatarrale, antiinfiammatoria e lassativa, oltre ad avere un’azione di stimolo dei processi ossido-riduttivi del fegato e del sistema nervoso parasimpatico e un effetto vaso dilatatorio sul circolo capillare.
Per la cura idropinica, a Castrocaro vengono utilizzate tre diverse acque, ciascuna con una composizione diversa e dunque diversa efficacia per le patologie. L’acqua Salsubia (minerale sulfurea) è indicata soprattutto per la cura dei disturbi digestivi, così come pure l’acqua Salubria (minerale sulfurea-salsobromoiodica) mentre l’acqua Beatrice (minerale sulfurea-salsobromoiodica con elevato contenuto di sali e magnesio) è efficace in presenza di stitichezza.
Le acque termali di Castrocaro, così come i fanghi, sono dunque complessivamente utili nella cura della malattie reumatiche, delle vie respiratorie, dell’apparato vascolare e di quello ginecologico.
I fanghi, in particolare, vengono impiegati in presenza di artriti, artrosi, reumatismi, sciatiche e postumi traumatici, così come anche per uso estetico e cosmetico; a Castrocaro, i fanghi sono ottenuti con argilla vergine estratta dalle cave limitrofe allo stabilimento termale e poi miscelata con l’acqua per farla in seguito riposare nelle vasche della cosiddetta “fabbrica del fango” per un periodo tra i sei e i nove mesi.

Lo stabilimento termale
Quando nel 1936 la società "Terme di Castrocaro, Aristide Conti" divenne di proprietà statale immediatamente fu commissionato un progetto per una piena valorizzazione delle risorse termali attraverso la costruzione dello stabilimento dei bagni, di un grande albergo e di un padiglione per il divertimento degli ospiti. La realizzazione di quella che voleva essere una vera e propria “Città Termale” fu a cura dell’ingegnere Diego Corsani ma il vero artefice dell’operazione fu in realtà Tito Chini (1898-1947) delle Fornaci Chini di Borgo San Lorenzo, che da consulente artistico di Corsani pensò di dare una unità stilistica ai vari elementi, ricorrendo soprattutto alla decorazione per la quale aveva un innato talento.
La prima struttura ad essere inaugurata, il 1 giugno del 1938, fu lo stabilimento termale, con una superficie di 2440 metri. Seguì, a settembre, il cosiddetto Padiglione delle Feste, che fu inaugurato, benché non del tutto completato, dal principe Umberto di Savoia mentre l’albergo doveva subire delle trasformazioni in corso d’opera per farlo diventare il Grand Hotel che avrebbe ospitato, nella Sala Verde, la prima riunione del Consiglio del Ministri del nuovo governo fascista, che proclamò la Repubblica Sociale Italiana dopo l’8 settembre 1943.
Nel 1975 e nel 1988 furono costruiti due nuovi stabilimenti, unitamente ad alcune strutture turistiche per meglio servire una utenza diventata ormai assai numerosa e di provenienza internazionale. L’antico Stabilimento dei Bagni avrebbe quindi ospitato il Centro Benessere dell’attuale complesso mentre il Padiglione delle Feste sarebbe diventato quindi un moderno ed apprezzato Centro Congressi, sede di importanti manifestazioni sportive e culturali.
Aperto tutto l’anno, lo stabilimento termale di Castrocaro è dotato di piscine con idromassaggio, idropercorso vascolare, un Centro di Riabilitazione, un Centro Benessere e alcuni reparti specificatamente dedicati ai bambini.

Pubblicità

Turismo nei dintorni
Tra le attrazioni turistiche e culturali di Castrocaro c’è proprio il complesso delle Terme, in particolare il Padiglione delle Feste caratterizzate dalle architetture di Tito Chini. In città, quindi, è imperdibile una passeggiata nel borgo medievale, una visita alla fortezza che fu costruita sulla rupe nel IX° secolo e che oggi ospita il Museo Medievale, una mostra storica e l’Enoteca della Strada dei Vini e dei Sapori. A proposito di fortezze, ad appena un chilometro da Castrocaro, vale una visita la città-fortezza di Terra del Sole, risalente alla metà del XVI° secolo nella quale si possono ammirare il Palazzo Pretorio, i giardini e la piazza d’armi. Per gli amanti del turismo naturalistico, presso il Parco delle Terme e il Parco Fluviale si possono effettuare gite a piedi, a cavallo o in bicicletta.
La breve distanza dalla costiera romagnola, infine, rende particolarmente appetibile un soggiorno a Castrocaro Terme agli appassionati del turismo mondano che ben conoscono la tradizione locale in quanto ad ospitalità ed intrattenimento, con numerosi locali e discoteche rinomate a livello internazionale. Le località marine più vicine sono Cesenatico e Milano Marittima, ma molto amate, specialmente dai bambini, sono anche i locali parchi a tema come Mirabilandia, l’Italia in Miniatura, Fiabilandia e Oltremare.

Ultimi post dal blog

Allegria e benessere

Viva il primo caffè (e anche il secondo)

Scritto il 19 giugno 2018 da Alberto&Alberto

Se faccia bene o male è annosa questione, anche se la maggior parte degli studi propende per una valutazione positiva. Comunque sia, quello del primo caffè è per molti di noi un momento irrinunciabile e indispensabile viatico per affrontare gli impegni della giornata.

Pillole di benessere

Sport e gravidanza: consigli dagli esperti

Scritto il 22 giugno 2018 da Welly

L’attività fisica durante la gestazione non solo è permessa ma è fortemente consigliata per prevenire diversi disturbi legati alla gravidanza. Ma quali sono le discipline ‘top’ per le future mamme?

Offerta del mese
Biochef Axis Cold!Il Meglio a Poco Prezzo!
Offerta del mese

 

BioChef Axis è il primo estrattore di succo orizzontale della marca australiana BioChef. La filosofia di questa casa produttrice consiste nell'offrire la più alta qualità al miglior prezzo.Robot da cucina: fa pasta (spaghetti e noodles), baguette, sorbetti, gelati, omogeneizzati, salse, latte vegetale, burro di frutta secca e molto altro!BioChef Axis Cold Press Juicer è un eccellente estrattore lento, masticatore orizzontale e robot da cucina.Tutte le parti mobili sono fatte in Tritan!

 

Vedi prodotto

Novità
Bio-mex Formato Maxii!!850g incluse 2 spugne speciali rettangolari
Novit del mese

 

Bio-mex .. Grazie ai suoi componenti naturali, biologici e degradabili e’ un aiuto indispensabile per la pulizia della casa e per la gastronomia, scioglie il calcare e il grasso dalle superfici.Ideale per la pulizia e la cura di: acciaio, alluminio, argento, oro, rame, ottone, smalto, stagno, vetro, plastica liscia, legno laccato, ceramica, piastrelle, wc, lavandini, vasche da bagno, lavelli, piani di cottura, pentole, scarpe da ginnastica!
Inoltre e’ anche economico perche' puo' essere un buon sostituto a molti detersivi!
Vedi prodotto

Prenota la tua vacanza benessere!

Cerca

http://www.benessere.com/aec/privacy.htm


copyright © 1999-2018 Vertical Booking S.r.l. - CONTATTI | PUBBLICITÀ | SHOPPING ON-LINE | COOKIE POLICY | PRIVACY

Vertical Booking S.r.l. - Piazza Pontida, 7, 24122 Bergamo (Italia)
CF/P.IVA 02657150161 | REA: BG-312569 | Capitale sociale 100000 € interamente versato