Menu Terme e cure termali
In evidenza:
MODULI INTERATTIVI

Indice generale:
Argomenti
Sei in:   benessere.com / Terme / Terme in Italia / Articoli / Terme di Saturnia

LE TERME DI SATURNIA

Narra la leggenda che le Terme di Saturnia ebbero origine da un fulmine lanciato dal dio Saturno contro il cratere di un vulcano. Di certo, c’è che le proprietà delle acque erano conosciute dai romani e prima ancora dagli etruschi, ampiamente utilizzate in epoca medievale e dunque con una lunga e gloriosa storia che arriva ai giorni nostri, ove le Terme godono di una assoluta popolarità, con una frequentazione che allo stabilimento termale affianca anche la possibilità di usufruire di aree a libero accesso.

Un po’ di storia
Una popolare leggenda racconta che il dio Saturno, un giorno, si arrabbiò con gli uomini perché costantemente in guerra tra loro e lanciò una saetta sulla terra. Quest’ultima andò a colpire il cratere di un vulcano dal quale fuoruscì un’acqua sulfurea il cui effetto fu quello di chetare l’aggressività degli uomini. Leggende a parte, la storia della terme scorre parallela a quella, di antichissima origine, della cittadina da cui prendono il nome e che prima di essere chiamata Saturnia dai romani era una città etrusca, Aurinia, secondo un’altra leggenda la città più antica d’Italia. A testimonianza dell’epoca etrusca vi sono i resti delle mura, così come per i romani cui alle mura risalenti al IV-III° secolo a.C. si affianca la cosiddetta Porta Romana e una antica costruzione termale costituita da una piscina quadrata. Sia gli Etruschi che i Romani usufruirono delle acque termali locali, traendone benefici; per i romani la località divenne anche una rinomata stazione di sosta per i viaggi di guerra o commerciali.

Pubblicità

Nel Medioevo, attorno alle acque di Saturnia nacquero altre leggende, una delle quali riguardava la presenza del diavolo e la sua capacità di fuoriuscire dagli inferi lasciando dietro di sé l’odore dello zolfo; questa ed altre leggende fecero sì che Saturnia diventasse un luogo di convegno di sedicenti maghi e streghe, nonché di sortilegi. Alle proprietà benefiche delle acqua si interessò piuttosto Papa Clemente III che parlò di Saturnia come l’”hospitale de balneo” in una bolla del 1118 e poi ancora Cosimo II de’ Medici, prima che le terme conoscessero una nuova stagione di oblio in seguito al diffondersi della malaria in Maremma e alle varie distruzioni che si sono susseguite. Si arriva così al Settecento quando a Saturnia erano funzionanti due complessi termali, uno per l’utenza maschile e l’altra per quella femminile ma solo nel 1828, quando il Duca Leopoldo II riprese le opere di drenaggio abbandonate da secoli dopo quelle effettuate dagli etruschi e dai romani. Il drenaggio del terreno della fonte fu effettuato quarant’anni dopo dal Dott. Bernardino Ciacci che provvide anche a ristrutturare gli edifici presenti e a dare alla terme una prima, vera organizzazione. Le analisi chimiche delle acque furono quindi effettuate all’inizio del ‘900 dal Dipartimento di Chimica delle Università di Siena, Pisa e Roma, quando fu anche edificato l’albergo. L’ultimo, significativo capitolo sulle Terme di Saturnia è stato scritto nel 1978, quando la Regione Toscana ha autorizzato l’apertura permanente del centro termale, gettando così le basi per l’attuale popolarità internazionale della struttura.

Le acque
Le acque termali di Saturnia hanno origine dal Monte Amiata dove le acque piovane si raccolgono ben quarant’anni prima di giungere alla sorgente. L’acqua scorre quindi attraverso un percorso che si trova ben 700 metri sotto terra per arrivare alle terme ad una temperatura costante di 37,5° e ad una velocità di 800 litri al secondo che consente di mantenere sempre costanti le caratteristiche chimico-fisiche, e gli effetti biologici e quelli terapeutici. L’acqua è classificata come solfureo-solfato-alcalina, in essa vi sono disciolti 2,790 grammi di sali minerali per ogni litro e presenta nella sua composizione una quantità elevata di idrogeno solforato e anidride carbonica, entrambi utili per la terapia dell’apparato cardiocircolatorio e respiratorio. Le acque di Saturnia vengono utilizzate per bagni, fanghi, idromassaggi, inalazioni e bibite risultando efficaci per la cura di malattie cutanee, respiratorie, muscolo-scheletriche, ginecologiche, gastriche, epatiche, allergiche e stomatologiche. La sola temperatura dell’acqua è in grado di favorire la vasodilatazione arteriosa e venosa con aumento dell’attività cardiocircolatoria, rilassamento della muscolatura e riduzione della sintomatologia osteoarticolare.

Lo stabilimento termale
Il Centro Termale di Saturnia è posizionato ai piedi del borgo medievale della cittadina ed è immerso in un parco secolare. La struttura è moderna e dotata di quattro piscine termali all’aperto, idromassaggi e percorsi vascolari di acqua fredda e calda. L’albergo annesso al parco termale è stato ricavato da una antica villa padronale in travertino ed appartiene ad uno standard elevato, dotato anche di varie strutture ricreative e sportive, non ultimo un campo da golf a 18 buche. Il nuovo centro benessere, sormontato da un grande padiglione a forma di esagono, presenta le terapie più moderne ed efficaci, anche per l’estetica e con un programma anti-aging. Cinque le aree del benessere del centro: l’idroterapia con le piscine, l’area Beauty che ha il suo punto di forza nei trattamenti per il viso, l’area Stress Management con un programma che affronta affaticamento generale, deficit di energia e stress accumulato, l’area Alimentazione con programmi detox, principi dietetici e consulenza nutrizionale, l’Area dell’Attività Fisica dove sviluppare l’educazione al movimento.
A parte lo stabilimento, gli utenti di Saturnia possono anche usufruire delle proprietà benefiche delle sue acque alle suggestive Cascate del Mulino (dette anche del Gorello), situate a circa due chilometri dal Borgo di Saturnia, a libero accesso e frequentate sia in estate che d’inverno e di una piccola sorgente detta “Le Caldine” che da un piccolo torrente di acqua calda alimenta una piccola vasca all’interno di un prato.

Pubblicità

Turismo nei dintorni
Una visita al Museo Archeologico di Saturnia può dare una dimensione di come la zona sia estremamente importante dal punto di vista storico, con ritrovamenti che risalgono fino alla preistoria. Una passeggiata tra le varie località della Maremma, quindi, si traduce in un tuffo nel passato che attraversa varie epoche: sono presenti sia necropoli di epoca etrusca che i testi di sontuose ville romane fino a bellissimi castelli medievali. Un borgo medioevale particolarmente suggestivo è quello di Montemerano, arroccato su una collina ricoperta di ulivi: sulle facciate delle case dell’antico centro del paese sono presenti tracce di affreschi e decori. A Manciano, il sobborgo medioevale è sovrastato da una rocca monumentale costruita dai senesi nel V secolo. Pitigliano, oltre ad un suggestivo borgo antico, presenta attrazioni uniche come delle cantine ricavate da grotte e tombe etrusche e una cultura ebraica ancora molto viva, con un ghetto dotato di una Sinagoga funzionante, una Biblioteca, un cimitero e il forno per cuocere il pane azzimo. Altri gioielli della Maremma sono Sorano e Sovana entrambi importanti centri del periodo etrusco.

Ultimi post dal blog

Allegria e benessere

Al mercato, allegria e benessere

Scritto il 17 April 2018 da Alberto&Alberto

Una passeggiata in un qualsiasi mercato rionale è una sana iniezione di allegria. E ci racconta lo spirito di una città e di coloro che la abitano.

Pillole di benessere

Contro l’ictus, misuriamo la pressione

Scritto il 30 March 2018 da Welly

Aprile è il mese di prevenzione dall’ictus; un’occasione per ricordare come il controllo periodico della pressione sia fondamentale a causa del ruolo rappresentato dall’ipertensione come fattore di rischio. 

Offerta del mese
Biochef Axis Cold!Il Meglio a Poco Prezzo!
Offerta del mese

 

BioChef Axis è il primo estrattore di succo orizzontale della marca australiana BioChef. La filosofia di questa casa produttrice consiste nell'offrire la più alta qualità al miglior prezzo.Robot da cucina: fa pasta (spaghetti e noodles), baguette, sorbetti, gelati, omogeneizzati, salse, latte vegetale, burro di frutta secca e molto altro!BioChef Axis Cold Press Juicer è un eccellente estrattore lento, masticatore orizzontale e robot da cucina.Tutte le parti mobili sono fatte in Tritan!

 

Vedi prodotto

Novità
Bio-mex Formato Maxii!!850g incluse 2 spugne speciali rettangolari
Novit del mese

 

Bio-mex .. Grazie ai suoi componenti naturali, biologici e degradabili e’ un aiuto indispensabile per la pulizia della casa e per la gastronomia, scioglie il calcare e il grasso dalle superfici.Ideale per la pulizia e la cura di: acciaio, alluminio, argento, oro, rame, ottone, smalto, stagno, vetro, plastica liscia, legno laccato, ceramica, piastrelle, wc, lavandini, vasche da bagno, lavelli, piani di cottura, pentole, scarpe da ginnastica!
Inoltre e’ anche economico perche' puo' essere un buon sostituto a molti detersivi!
Vedi prodotto

Prenota la tua vacanza benessere!

Cerca

http://www.benessere.com/aec/privacy.htm


copyright © 1999-2018 Vertical Booking S.r.l. - CONTATTI | PUBBLICITÀ | SHOPPING ON-LINE | COOKIE POLICY | PRIVACY

Vertical Booking S.r.l. - Piazza Pontida, 7, 24122 Bergamo (Italia)
CF/P.IVA 02657150161 | REA: BG-312569 | Capitale sociale 100000 € interamente versato