Menu Viaggi Benessere
Sei in:   benessere.com / Viaggi / Escursionismo / Introduzione

L'ESCURSIONISMO E L'ECOTURISMO

Escursionismo: un turismo alla portata di tutti
Accade che gli escursionisti vengano talvolta considerati come turisti “poveri”, di serie B, se non peggio. Naturalmente non è così. L’escursionismo può infatti vantare una quantità insospettata di peculiarità positive, al punto da essere indicato, a livello mondiale, come una delle attività turistiche più praticate del futuro, nell’ottica del cosiddetto “ecoturismo”.

Un turismo sostenibile
In occasione dell’Anno Internazionale della Montagna del 2002, l’Organizzazione Mondiale del Turismo (WTO) e il Programma per l'Ambiente delle Nazioni Unite (UNEP) hanno avviato una serie di iniziative volte alla diffusione del cosiddetto “ecoturismo”, sinteticamente definibile come segue:

  • attività turistiche in cui la principale motivazione dei turisti è l'osservazione e la valorizzazione della natura e delle tradizioni culturali locali, con risvolti anche educativi;
  • attività turistiche generalmente, ma non esclusivamente, organizzate per piccoli gruppi da piccoli e specializzati tour operator locali;
  • attività che minimizzano gli impatti negativi relativi all'ambiente naturale e socio-culturale;
  • attività che garantiscono la protezione delle aree naturali, generando benefici economici  e opportunità di guadagno per le comunità ospitanti, e per le organizzazioni e le autorità che gestiscono le aree naturali con scopi conservativi;
  • attività che aumentano la consapevolezza verso la conservazione dei beni culturali e ambientali, sia fra i residenti che fra i turisti.

In pratica, una definizione che si adatta alla perfezione all’escursionismo e al trekking: una forma di turismo antichissima che, paradossalmente ma non troppo, è indicata come modello per il futuro!

Uno sport per tutti
L’escursionismo – ovvero il camminare in montagna, in collina, ma anche in pianura - è uno sport per tutti, dai bambini di pochi anni fino agli anziani. Basta scegliere e modulare i percorsi sulla base delle proprie capacità fisiche e psichiche, e tenere presente una premessa fondamentale: la soddisfazione di una gita non si misura con le ore di cammino o con la quota raggiunta. Ognuno deve seguire senza forzature le proprie inclinazioni ed esigenze, cercando le proprie soddisfazioni, uniche e irripetibili: il tramonto, il prato in fiore, l’albero secolare, il sommesso rumoreggiare del torrente, il fragoroso ruggire della cascata, la baita, passare la notte in un rifugio, avvicinarsi agli animali selvatici e fotografarli, il grandioso panorama di una vetta o la frescura un po’ cupa di una foresta, l’ultima neve di primavera….

Tuttavia, come ogni attività umana, l’'andar per monti' non è esente da rischi, a volte lievi, altre volte più seri, sempre in dipendenza del percorso scelto. Una mulattiera in collina è ovviamente qualcosa di molto diverso da un esile sentiero a tremila metri di quota. In ogni caso, occorre sempre muoversi con criterio, prudenza e buon senso, rispettando regole e precauzioni spesso semplici e intuitive.

11 regole da ricordare
Si prova qui a sintetizzare in pochi punti le principali regole di comportamento che dovrebbe seguire un escursionista, al fine di garantire la propria sicurezza e quella dei propri compagni di gita.

1. Programmare l’escursione
Prima di partire, occorre programmare nel dettaglio la gita, sulla carta topografica e sulla guida, cercando di immaginarsi già il terreno e le eventuali difficoltà. Occorre cioè sapere con esattezza, per quanto banale possa apparire, dove si vuole andare.
2. Non partire mai da soli
Questa è la prima, intuitiva regola di sicurezza, anche se, a volte, un’escursione in solitaria può essere “cercata”, come pure potrebbe derivare dalle circostanze. Comunque sia, si deve sempre segnalare la destinazione programmata ad altre persone, avendo ovviamente cura di non cambiare itinerario all’ultimo momento (eventualmente, fornire due possibili percorsi alternativi).
3. Curare l’equipaggiamento
In montagna, inutile dirlo, occorre andarci ben equipaggiati, sia per ciò che riguarda l’abbigliamento, sia per i materiali tecnici (piccozza, ramponi, scarponi adeguati…). Come principio generale, è bene portare più del necessario e non usarlo, piuttosto che meno e averne bisogno. Si potrebbe usare questo criterio: equipaggiarsi come se si dovesse affrontare una tormenta di neve e come se le difficoltà tecniche fossero il doppio di quelle ragionevolmente prevedibili. In questo modo lo zaino risulterà piuttosto pesante, è vero, come pure si porterà tutto questo equipaggiamento per trenta volte senza usarlo, ma la trentunesima volta, quando lo si userà, non sarà mai benedetto a sufficienza. E, senza retorica, potrebbe salvare da guai molto seri.
4. Valutare le condizioni meteorologiche
Il tempo, in montagna, può fare la differenza tra una gita da favola e un’escursione da incubo. Occorre quindi ascoltare con attenzione i bollettini meteorologici, ormai sempre più precisi, e valutare, anche durante la gita, le effettive condizioni e l’evoluzione del tempo.                                                                                                                                                                                                                                                                                                                               
5. Valutare i rischi
Nel corso dell’escursione, occorre valutare i rischi presenti, specie in rapporto alle proprie capacità e a quelle dei propri compagni. Attenzione, in particolare, ai percorsi protesi sul vuoto, ai passaggi di nevai, alle rocce facili da scalare ma difficili in discesa, alle ripide scorciatoie, e molto altro ancora.
6. Non sovrastimare le proprie capacità
Occorre, con onestà, tenere ben presente i propri limiti e quelli dei compagni di gita. Ricordare che, oltre ai limiti fisici, esistono i limiti psicologici: un percorso facile per qualcuno potrebbe risultare difficilissimo per altri, magari anche solo per l’esposizione, o per una scarsa attitudine a camminare su terreno friabile.
7. Sapere dove si è e dove si sta andando
In una parola, non perdersi. Per quanto molti sentieri siano segnalati, è bene non farci troppo affidamento. Occorre quindi disporre di una buona carta topografica, bussola e altimetro, in modo da sapere, sempre e in ogni momento, dove si è e dove si sta andando. In casi dubbi, o peggio con nebbia, non esitare a tornare indietro.
8. Curare l’alimentazione
Una lunga escursione è faticosa. È quindi importante soprattutto bere con regolarità, ma anche compiere brevi e regolari spuntini energetici e di facile digeribilità, ad esempio con frutti secchi, mele, formaggio, cioccolato…
9. Non confidare nel telefono cellulare
Non considerare il telefonino come un amuleto: “Tanto, se capita qualcosa, chiamo il Soccorso Alpino”. Il cellulare, infatti, potrebbe non funzionare proprio quando se ne avrebbe più bisogno: il segnale potrebbe essere schermato da uno sperone roccioso, una valle incassata potrebbe non essere “coperta”, il freddo potrebbe mettere fuori uso le batterie, una caduta potrebbe rompere il telefono…. Si consiglia quindi di comportarsi come se il telefono cellulare non esistesse, e di contare solo sulle proprie forze, senza commettere imprudenze o rischiare più del dovuto. Se poi, in caso di necessità, si potranno contattare i soccorsi con il telefonino, sarà tutto di guadagnato.
10 – In caso di incidente, prima di tutto calma
Se qualcuno si fa male, è necessario prima di tutto mantenere la lucidità e calmare il ferito, valutando le sue condizioni e cercando di tenerlo al caldo. Se possibile, non lasciarlo solo. Se il telefonino funziona e “prende” il segnale, contattare il Soccorso Alpino, fornendo con chiarezza tutte le indicazioni utili a rintracciare il luogo dove ci si trova. Se il telefonino non è utilizzabile, il componente più esperto e allenato del gruppo deve scendere a valle, in modo da allertare i soccorsi, non senza aver prima ben memorizzato il luogo dove si trova il ferito.
11. Rispettare la montagna

In montagna si è solo ospiti. È quindi necessario comportarsi come tali, lasciando l'ambiente come era prima dell'arrivo e come si vorrebbe ritrovarlo. Rispettare inoltre la fauna e la flora. In una frase: “Non lasciamo tracce del nostro passaggio”.

Approfondimenti


Vestirsi a strati, pensando al peggio. Un adeguato abbigliamento è fondamentale in montagna, non tanto quando il tempo è bello, ma quando, più o meno improvvisamente, volge al brutto. Non è retorico dire che, in condizioni estreme, un adeguato abbigliamento può salvare la vita.
Concettualmente, durante un’escursione ci si deve vestire a strati, come peraltro negli altri sport all’aria aperta, considerando tre livelli di protezione:
Strato protezione: il più esterno, destinato a proteggere dagli agenti atmosferici, deve essere impermeabile, antivento e traspirante.
Strato calore: indumento che svolge il compito di regolare la temperatura corporea.
Strato comfort: sono gli indumenti a diretto contatto con la pelle, che devono assorbire e allontanare il sudore, mantenendo la pelle il più possibile asciutta.
A parte mulattiere pianeggianti e regolari, è imperativo usare sempre gli scarponi nelle escursioni e mai semplici scarpe da ginnastica.

Fulmini, che fare? I fulmini rappresentano sicuramente uno dei pericoli peggiori cui può andare incontro l’escursionista.
Esistono alcuni accorgimenti, suggeriti dal CAI – Servizio Valanghe Italiano, che permettono di ridurre in modo significativo il rischio di essere colpiti da un fulmine, pur senza scongiurarlo del tutto:

  • Evitare di ripararsi sotto alberi isolati e mantenersene lontani almeno 200–300 metri;
  • Non tenere con sé, durante un temporale, oggetti metallici, specie se acuminati, come ad esempio la piccozza, i ramponi o i chiodi da roccia;
  • Mantenersi debitamente distanti (almeno 50 centimetri) da conduttori metallici, anche nei casi in cui un fulmine cadesse a centinaia di metri di distanza (tipico il caso delle Vie Ferrate);
  • Non ammassarsi in gruppo, perché la colonna di aria calda generata agisce da conduttore per il fulmine;
  • In caso di temporale ripararsi in una grotta o in un anfratto, evitando le creste;
  • Se non ci sono ripari sicuri dove proteggersi, è preferibile “prendere più acqua possibile”, perché i vestiti bagnati sono buoni conduttori rispetto al corpo umano e favoriscono la dissipazione dell’eventuale scarica elettrica;
  • Si sarà più sicuri dentro un’automobile, dentro un rifugio o un bivacco a rivestimento metallico.

Classificazione delle difficoltà escursionistiche

T - Turistico (oppure E F - Escursionismo facile)
percorsi che richiedono una semplice marcia su terreno facile e pressoché privo di pericoli; orientamento non difficile. L'itinerario si svolge quasi sempre su mulattiere e sentieri ed è poco faticoso.

E - Escursionistico (oppure E M - Escursionismo medio)
percorsi che richiedono buona conoscenza della montagna ed equipaggiamento idoneo. È possibile incontrare nevai non ripidi e non pericolosi, passaggi attrezzati (corde fisse, scalette) brevi e non esposti.

EE - Escursionisti esperti (oppure E D - Escursionismo difficile)
percorsi che possono avere brevi tratti di arrampicata senza raggiungere il 1° grado alpinistico. Si possono trovare nevai e canaloni nevosi con possibile uso di ramponi e piccozza. È richiesta esperienza di montagna anche alle alte quote con affidabile equipaggiamento. Assenza di vertigini.

EEA - Escursionisti esperti con attrezzatura
sono in pratica le cosiddette “vie ferrate”, che richiedono capacità e attrezzature alpinistiche.

Ultimi post dal blog

Allegria e benessere

Chiedi cos'era il flipper

Scritto il 31 luglio 2018 da Alberto&Alberto

Slot machine e videogiochi hanno soppiantato nei locali pubblici i meno redditizi ma decisamente più divertenti (seppur più rumorosi) flipper. Che celebriamo qui.

Pillole di benessere

I bambini italiani tra i più obesi

Scritto il 28 luglio 2018 da Welly

Uno studio della Commissione Europea fa il punto sull’obesità infantile nel Vecchio Continente. E rivela come l’Italia sia tra i Paesi con la maggiore presenza, in percentuale, di bambini obesi o in sovrappeso.

Offerta del mese
Biochef Axis Cold!Il Meglio a Poco Prezzo!
Offerta del mese

 

BioChef Axis è il primo estrattore di succo orizzontale della marca australiana BioChef. La filosofia di questa casa produttrice consiste nell'offrire la più alta qualità al miglior prezzo.Robot da cucina: fa pasta (spaghetti e noodles), baguette, sorbetti, gelati, omogeneizzati, salse, latte vegetale, burro di frutta secca e molto altro!BioChef Axis Cold Press Juicer è un eccellente estrattore lento, masticatore orizzontale e robot da cucina.Tutte le parti mobili sono fatte in Tritan!

 

Vedi prodotto

Novità
Bio-mex Formato Maxii!!850g incluse 2 spugne speciali rettangolari
Novit del mese

 

Bio-mex .. Grazie ai suoi componenti naturali, biologici e degradabili e’ un aiuto indispensabile per la pulizia della casa e per la gastronomia, scioglie il calcare e il grasso dalle superfici.Ideale per la pulizia e la cura di: acciaio, alluminio, argento, oro, rame, ottone, smalto, stagno, vetro, plastica liscia, legno laccato, ceramica, piastrelle, wc, lavandini, vasche da bagno, lavelli, piani di cottura, pentole, scarpe da ginnastica!
Inoltre e’ anche economico perche' puo' essere un buon sostituto a molti detersivi!
Vedi prodotto

Prenota la tua vacanza benessere!

Cerca

http://www.benessere.com/aec/privacy.htm


copyright © 1999-2019 Vertical Booking S.r.l. - CONTATTI | PUBBLICITÀ | SHOPPING ON-LINE | COOKIE POLICY | PRIVACY

Vertical Booking S.r.l. - Piazza Pontida, 7, 24122 Bergamo (Italia)
CF/P.IVA 02657150161 | REA: BG-312569 | Capitale sociale 100000 € interamente versato