Menu Fitness e Sport

IL CURLING

A cura di Andrea Carlucci

Pietre che scivolano sul ghiaccio e atleti che maneggiano strane “scope” sono tra le caratteristiche del curling, uno sport di squadra che si pratica sul ghiaccio e il cui scopo è "bocciare" le “stones” (pietre di granito levigato) della squadra avversaria e avvicinare il più possibile le proprie nella zona del “tee”. Il Curling è regolamentato e disciplinato a livello italiano dalla FISG (Federazione Italiana Sport del Ghiaccio); è stato presente ai Giochi Olimpici Invernali già nell’edizione del 1924 a Chamonix in Francia per poi essere escluso dal programma olimpico nei 70 anni successivi; nel 1998 è tornato a Nagano, in Giappone, con l’aggiunta della competizione femminile. È un gioco adatto a tutte le età e a tutti i livelli; gli aspetti regolamentari sono semplici e i compiti di arbitraggio (ad eccezione per le competizioni ufficiali) sono affidate ai giocatori in pista, che devono trovare un accordo nel massimo fair play possibile, ciò che lo rende tra gli sport educativi adatti ai giovani.

Storia
Una delle prime tracce scritte relative al curling è apparsa in Scozia sulla “stirling stone” con data 1511. Nel 1716, gli Scozzesi crearono il primo club, poi proliferati in tutta la Scozia centrale. Nel 1838 è stato costituito il Royal Caledonian Curling Club quando si era già giunti al modello attuale di forma e dimensione delle stones ed alle attuali regole fondamentali. Da allora il curling si è diffuso in molte nazioni. Proprio in Scozia, e precisamente a Perth, sorge la World Curling Federation, l’organo amministrativo, organizzativo e rappresentativo più importante a livello internazionale. Oggi la nazione in cui si conta il maggior numero di partecipanti è il Canada. In Italia il curling nasce a Cortina nella metà degli anni '20 del XX secolo ed entra a far parte della Federazione Italiana Sport del Ghiaccio dal 1953 come disciplina ufficiale.

Pubblicità
Il gioco
Una partita di curling dura tra le 8 e le 10 "mani", in base al tipo di competizione; vince chi totalizza più punti. L’obiettivo del gioco è riuscire a far scivolare le stones e avvicinarli tra la riga di fondo e la “hog line”(chiamata in italiano “linea del maiale”); è la linea disegnata a circa 3/4 di campo che indica la zona dove le stones sono in gioco.
Una stone può essere eliminata se:
- non supera completamente la hog line;
- se supera completamente quella di fondo;
- se tocca una delle due linee laterali;
- se viene rilasciata dopo la hog line nella parte del campo da cui si stanno effettuando i lanci.

I punti vengono contati alla fine di ogni "mano", cioè dopo che ogni squadra ha effettuato i suoi 8 tiri; si contano le stones della stessa squadra che sono nella "casa" (cioè il cerchio più ampio disegnato per terra) e più vicini al centro rispetto alla prima stone dell’avversario all’interno della casa. Per essere valido come punto, basta che la stone tocchi la casa, non è necessario che sia completamente dentro. Quindi se una squadra riesce a piazzare una stone in mezzo tra quelli dell’altra, i punti si conteranno solo sulle stones che sono più vicini al centro.
Nel curling si fronteggiano due squadre costituite da 4 giocatori ciascuno che, alternandosi fra loro e con gli avversari, lanciano due stones ciascuno. Ogni giocatore deve essere in grado di assolvere diversi compiti: lo skipping, lo sweeping e il lancio.
Il lancio è l’azione fondamentale in una gara. I componenti della squadra lanciano le proprie stones a cominciare dal primo appoggiandosi ad una pedana attaccata al ghiaccio detta “hack” per far leva e spingersi così sul ghiaccio. Ne risulta una scivolata che permette al giocatore di dare la giusta direzione alla stone e di regolarne la velocità. Il rilascio della stessa deve essere effettuata prima della hog line più vicina al lanciatore; il mancato rispetto di questa regola comporta l'esclusione della stone giocata.
Lo skipping viene svolto dallo “skip”, che in genere è il giocatore più esperto della squadra e che normalmente (ma non obbligatoriamente) tira per ultimo. Egli deve stabilire la direzione tecnico-tattica da dare al gioco, stabilendo il piazzamento delle stones ad ogni tiro dei compagni e come dovranno essere tirate. Lo skip si posiziona sul campo con la “scopa” davanti a sé per indicare quale dovrà essere la direzione del tiro ai compagni. Questo compito è assolto dal vice-skip (in genere il terzo) mentre lo skip sta tirando.
Lo sweeping invece è un’attività che consiste nello spazzare il ghiaccio davanti ad una stone in movimento; va ricordato che la pista da curling non è perfettamente liscia ma è preparata con un “peeble”, ovvero piccole gocce d’acqua ghiacciata spruzzate che riescono a sciogliersi leggermente al passaggio della scopa creando un sottilissimo velo di acqua che permette alla stone di procedere in assenza di un forte attrito. L’azione di sweeping viene intrapresa dai compagni di gioco che non sono impegnati nel lancio sulla stone appena rilasciata, ma solo dopo la hog line. Le scope ripuliscono e riscaldano lo spazio della pista di ghiaccio che la stone deve percorrere.


Sei qui Pagina successiva
Inizio articolo Pagina 2/2
Il Curling Il Curling: ruoli, colpi e attrezzatura

Benessere TV

Benessere Tv ti porta nel mondo della salute, della dietetica, dell'alimentazione sana, della bellezza, della psicologia e del fitness. Grazie alle rubriche con gli esperti del settore e alle video interviste con professionisti di alto livello, sarete sempre informati sulle novità di benessere a 360°.
Ultimo video pubblicato

Simone Moro e Tamara Lunger: l'alpinismo come sfida estrema ai propri limiti

Missione: quasi impossibile. Eppure Simone Moro, che ha condotto spedizioni in zone impervie e remote della Terra e detiene il record di ascensioni nella stagione invernale su quattro delle vette oltre gli ottomila metri, è riuscito a stupire ancora con la sua ultima impresa in Siberia. A...

Ultimi post dal blog

Allegria e benessere

Chiedi cos'era il flipper

Scritto il 31 luglio 2018 da Alberto&Alberto

Slot machine e videogiochi hanno soppiantato nei locali pubblici i meno redditizi ma decisamente più divertenti (seppur più rumorosi) flipper. Che celebriamo qui.

Pillole di benessere

I bambini italiani tra i più obesi

Scritto il 28 luglio 2018 da Welly

Uno studio della Commissione Europea fa il punto sull’obesità infantile nel Vecchio Continente. E rivela come l’Italia sia tra i Paesi con la maggiore presenza, in percentuale, di bambini obesi o in sovrappeso.

Offerta del mese
Biochef Axis Cold!Il Meglio a Poco Prezzo!
Offerta del mese

 

BioChef Axis è il primo estrattore di succo orizzontale della marca australiana BioChef. La filosofia di questa casa produttrice consiste nell'offrire la più alta qualità al miglior prezzo.Robot da cucina: fa pasta (spaghetti e noodles), baguette, sorbetti, gelati, omogeneizzati, salse, latte vegetale, burro di frutta secca e molto altro!BioChef Axis Cold Press Juicer è un eccellente estrattore lento, masticatore orizzontale e robot da cucina.Tutte le parti mobili sono fatte in Tritan!

 

Vedi prodotto

Novità
Bio-mex Formato Maxii!!850g incluse 2 spugne speciali rettangolari
Novit del mese

 

Bio-mex .. Grazie ai suoi componenti naturali, biologici e degradabili e’ un aiuto indispensabile per la pulizia della casa e per la gastronomia, scioglie il calcare e il grasso dalle superfici.Ideale per la pulizia e la cura di: acciaio, alluminio, argento, oro, rame, ottone, smalto, stagno, vetro, plastica liscia, legno laccato, ceramica, piastrelle, wc, lavandini, vasche da bagno, lavelli, piani di cottura, pentole, scarpe da ginnastica!
Inoltre e’ anche economico perche' puo' essere un buon sostituto a molti detersivi!
Vedi prodotto

Prenota la tua vacanza benessere!

Cerca

http://www.benessere.com/aec/privacy.htm


copyright © 1999-2021 Vertical Booking S.r.l. - CONTATTI | PUBBLICITÀ | SHOPPING ON-LINE | COOKIE POLICY | PRIVACY

Vertical Booking S.r.l. - Piazza Pontida, 7, 24122 Bergamo (Italia)
CF/P.IVA 02657150161 | REA: BG-312569 | Capitale sociale 100000 € interamente versato