Menu Psicologia
Sei in:   benessere.com / Psicologia / Articoli vari / Psicologia e Arte / Psicologia e umorismo

PSICOLOGIA E UMORISMO

A cura di Barbara Celani,
Psicologia in Movimento

Etimologicamente, la parola "umorismo" deriva dal latino 'humorert-em' o 'umorert-rem' (umidità, liquido), che si avvicina anche al greco 'yg-ròs' (bagnato, umido). L’origine del termine sembrerebbe dunque rimandare alla medicina ippocratica che riteneva la personalità e la salute legata ai fluidi corporei, detti “umori”. L’umorismo, peculiarità dell’essere umano, rappresenta la capacità intelligente e sottile di individuare e ritrarre gli aspetti comici dell’ambiente.
La risata è un comportamento istintivo programmato dai geni umani, attraverso il quale vengono espressi sentimenti e suoni e si eseguono determinati movimenti che sono controllati dalla parte del nostro cervello più primitiva. La risata è un processo in cui, in risposta a un determinato stimolo che viene percepito comico, si produce un vissuto di piacere.
Anche le scimmie ridono in particolari situazioni ma i meccanismi neuromuscolari coinvolti sono diversi rispetto a quelli umani. Si può quindi considerare anche la risata come tipicamente umana, indipendentemente da razze e culture, tra le quali può comunque variare molto ciò che “fa ridere”.

Non vi è nulla di comico al di fuori di ciò che è propriamente umano” (Bergson, 1900). Nel suo saggio Il riso. Saggio sul significato del comico, il filosofo francese Henri Bergson afferma che anche quando l'oggetto del comico non è una persona, ciò che provoca la risata sarebbe comunque un aspetto di quell'oggetto che rimanda ad atteggiamenti e situazioni umane. Bergson parla inoltre di una sorta di anestesia momentanea del cuore, che permette la percezione di una situazione come comica, sospendendo la potenziale empatia con l’oggetto della risata e favorendo una certa complicità con gli altri che ridono, con i quali, più o meno implicitamente, si sviluppa un’intesa. Quest’ultimo aspetto sottolinea la funzione sociale e aggregante della comicità: le risate possono favorire ulteriormente i rapporti, sciogliendo le eventuali tensioni, diminuendo l'ostilità, accentuando la complicità e il senso di condivisione.
L’aspetto della condivisione è fondamentale quando si parla di comicità, infatti si tende a ridere perlopiù insieme agli altri - amici, parenti, familiari, o colleghi che siano -  di eventi e situazioni che spesso non hanno una connotazione umoristica in sé, ma la assumono per le circostanze stesse di condivisione in cui si verificano. Dunque tali eventi e situazioni diventano divertenti per i membri del gruppo in questione, diminuendo le distanze.

Ma che cosa è che fa ridere? Alcuni studi sostengono il peso che avrebbe l’elemento sorpresa a rendere divertente una situazione, altri invece attribuiscono il potere comico all’incongruità interna di uno stimolo: tutti possiedono dei modelli cognitivi, sintesi delle esperienze passate. Quando si è esposti ad informazioni difformi da tali modelli, si coglie una incongruenza, che in alcuni casi si trova buffa.
Cosa influisce sull’atteggiamento individuale nei confronti della comicità? Esistono sicuramente delle disposizioni personali, ma sarebbero molto influenti anche le modalità “respirate” nell’ambiente in cui si cresce, dove si apprende un certo tipo di senso dell’umorismo e i modi di scherzare, di fare battute. Si immagini una famiglia come i Robinson (serie televisiva degli anni ’80), all’interno della quale il capofamiglia ride, scherza e gioca continuamente, anche per spiegare ai figli gli argomenti più delicati. Sicuramente chi cresce in una famiglia “spiritosa” avrà un atteggiamento diverso verso la comicità, rispetto a chi viene educato in un ambiente più “serioso”. Anche le abilità cognitive e intellettive sono importanti nell’atteggiamento verso l’umorismo: quanto più queste sono affinate, tanto maggiore sarà la preferenza per un numero più ampio di stimoli umoristici, oltre che per una loro più profonda complessità. Anche l’alta autostima sarebbe collegata ad un più vasto ventaglio di stimoli considerati divertenti.

Alcuni studi correlano caratteristiche della personalità con le differenti modalità umoristiche. Sembra ad esempio che gli estroversi ridano a battute semplici e a barzellette a sfondo sessuale, mentre gli introversi preferirebbero battute più complesse e sottili.
I conservatori sarebbero più orientati ad uno humour imperniato su incongruità, nonsense e sessualità. Il nonsense sarebbe molto apprezzato anche dagli innovatori, insieme all’umorismo sfumato, passibile di più interpretazioni. Alcuni studi hanno evidenziato anche differenze di genere rispetto all’umorismo: le donne preferirebbero situazioni in cui la comicità è basata su ambiguità, giochi di parole, autoironia, eventi della quotidianità. Gli uomini invece, oltre a preferire il “far ridere” rispetto alle donne, prediligerebbero maggiormente satira sportiva, barzellette, film comici, contenuti anche aggressivi diretti a particolari categorie umane (etnie, professioni etc.) Tale variabilità può riguardare anche singoli individui anche relativamente al modo di ridere.
Sembra che anche l’umore sia correlato all’umorismo in senso direttamente proporzionale: quando il primo è basso, con molta probabilità lo è anche il secondo (e viceversa), sia nel senso di ridere poco, sia per il timore di risultare offensivi, nel caso del “fare humour”.
I fatalisti invece prediligerebbero e utilizzerebbero maggiormente l'umorismo aggressivo, il quale favorirebbe l’allentamento delle tensioni e il senso di superiorità. Infatti gradirebbero di più le barzellette che ridicolizzano particolari gruppi sociali, professionali e razziali: questo sarebbe collegato ad un vissuto di inferiorità e rabbia. (Francescato, 2002)
L’aggressività è dunque una potenziale componente importante nell’umorismo, anche Nietzsche affermava che ridere significa “essere maligni mantenendo la coscienza tranquilla”. Infatti si ritrova l’umorismo in questo senso nei comportamenti considerati passivo-aggressivi e nel sarcasmo.
Ma perché aggressività e umorismo vanno a braccetto? Alcune teorie sottolineano la capacità degli stimoli umoristici sessuali e aggressivi di far sospendere temporaneamente il giudizio e l’inibizione, permettendo all’individuo di esprimerli senza disagio, attraverso, per l’appunto, la comicità. “L’uomo ridendo si libera da inibizioni e rimozioni, mette temporaneamente a tacere l’istanza della censura, offre una valvola di sfogo all’aggressività”. Ciò scrive Freud, all’interno del suo libro “Il motto di spirito e la sua relazione con l’inconscio” (1905). In questa opera, Freud descrive infatti l’umorismo come un atto creativo e liberatorio mediante il quale poter esprimere sentimenti e pensieri associati a vissuti di difficoltà e disagio in forma attenuata senza che questo danneggi l’individuo e gli altri. Quindi l’umorismo è considerato alla stregua di un meccanismo di comunicazione che favorisce l’espressione di pensieri, sentimenti, contenuti inconsci, in una forma non traumatica, ma consapevole e tollerabile. Praticamente il soggetto, più o meno consapevolmente, convoglia attraverso il motto di spirito cariche psichiche “scomode”, riuscendo sia ad esprimere certi contenuti, sia a non violare francamente la censura del Super-Io, evitando così un disagio difficilmente tollerabile. Attraverso questo meccanismo si risparmia energia psichica che viene rilasciata successivamente mediante la risata e il piacere ad essa connesso.

Sei qui Pagina successiva
Inizio articolo Pagina 2/2
Psicologia e umorismo Psicologia e umorismo: altri studi

Video consigli di psicologia

I nostri esperti rispondono, in una rubrica settimanale, pubblicata ogni lunedi', alle domande poste dai nostri utenti. Gli argomenti trattati sono i rapporti di coppia, le ansie, i problemi di autostima, ed altri da voi proposti.
Scriveteci!
Ultimo video consiglio pubblicato

Meteoropatia: cos'è e come affrontarla

Cambio di stagione, passaggio dall’ora solare a quella legale, sbalzi termici e climatici: sono condizioni che in alcuni soggetti possono creare un vero e proprio disagio. La meteoropatia, infatti, è un complesso di disturbi sia a livello psicologico che fisico, associato ai...

Benessere TV

Benessere Tv ti porta nel mondo della salute, della dietetica, dell'alimentazione sana, della bellezza, della psicologia e del fitness. Grazie alle rubriche con gli esperti del settore e alle video interviste con professionisti di alto livello, sarete sempre informati sulle novità di benessere a 360°.
Ultimo video pubblicato

Dislessia: dalle neuroscienze nuovi studi per la diagnosi e la riabilitazione

Oggi la dislessia è un disturbo sempre più indagato e seguito a livello pedagogico, tanto che la maggior sensibilità da parte degli insegnanti può portare ad un eccesso di diagnosi, che di conseguenza può portare a errori nella scelta delle terapie, identificando...

Ultimi post dal blog

Allegria e benessere

Chiedi cos'era il flipper

Scritto il 31 luglio 2018 da Alberto&Alberto

Slot machine e videogiochi hanno soppiantato nei locali pubblici i meno redditizi ma decisamente più divertenti (seppur più rumorosi) flipper. Che celebriamo qui.

Pillole di benessere

I bambini italiani tra i più obesi

Scritto il 28 luglio 2018 da Welly

Uno studio della Commissione Europea fa il punto sull’obesità infantile nel Vecchio Continente. E rivela come l’Italia sia tra i Paesi con la maggiore presenza, in percentuale, di bambini obesi o in sovrappeso.

Offerta del mese
Biochef Axis Cold!Il Meglio a Poco Prezzo!
Offerta del mese

 

BioChef Axis è il primo estrattore di succo orizzontale della marca australiana BioChef. La filosofia di questa casa produttrice consiste nell'offrire la più alta qualità al miglior prezzo.Robot da cucina: fa pasta (spaghetti e noodles), baguette, sorbetti, gelati, omogeneizzati, salse, latte vegetale, burro di frutta secca e molto altro!BioChef Axis Cold Press Juicer è un eccellente estrattore lento, masticatore orizzontale e robot da cucina.Tutte le parti mobili sono fatte in Tritan!

 

Vedi prodotto

Novità
Bio-mex Formato Maxii!!850g incluse 2 spugne speciali rettangolari
Novit del mese

 

Bio-mex .. Grazie ai suoi componenti naturali, biologici e degradabili e’ un aiuto indispensabile per la pulizia della casa e per la gastronomia, scioglie il calcare e il grasso dalle superfici.Ideale per la pulizia e la cura di: acciaio, alluminio, argento, oro, rame, ottone, smalto, stagno, vetro, plastica liscia, legno laccato, ceramica, piastrelle, wc, lavandini, vasche da bagno, lavelli, piani di cottura, pentole, scarpe da ginnastica!
Inoltre e’ anche economico perche' puo' essere un buon sostituto a molti detersivi!
Vedi prodotto

Prenota la tua vacanza benessere!

Cerca

http://www.benessere.com/aec/privacy.htm


copyright © 1999-2021 Vertical Booking S.r.l. - CONTATTI | PUBBLICITÀ | SHOPPING ON-LINE | COOKIE POLICY | PRIVACY

Vertical Booking S.r.l. - Piazza Pontida, 7, 24122 Bergamo (Italia)
CF/P.IVA 02657150161 | REA: BG-312569 | Capitale sociale 100000 € interamente versato